The Last of Us, Druckmann promette succose novità

The Last of Us, The Last of Us Parte II, The Last of Us Parte II multiplayer, Naughty Dog, Neill Druckmann, The Last of Us Parte II Fazioni

Il The Last of Us Day, che si è tenuto sabato (e del quale abbiamo parlato qui), è stato atteso da vari fan della serie post-apocalittica di Naughty Dog anche perché ci si aspettava qualche succosa novità o per l’annunciata serie tv o per The Last of Us Parte II, e in particolare per sua componente multiplayer. Per buona parte della giornata non è stato così, ma un tweet di Neill Druckmann arrivato al termine delle celebrazioni ha fatto drizzare le orecchie a parte della stampa e dei fan.

Il director del gioco invita quindi i fan a “essere pazienti”, assicurando che non se ne pentiranno: che il The Last of Us Day sia stato solo l’antipasto per nuove e succose news in arrivo nei prossimi giorni?

The Last of Us, The Last of Us Parte II, The Last of Us Parte II multiplayer, Naughty Dog, Neill Druckmann, The Last of Us Parte II Fazioni

Fazioni, una modalità molto attesa

Molti sono i giocatori di The Last of Us Parte II in attesa di una nuova versione di Fazioni, modalità multiplayer di The Last of Us che aveva costituito una buona alternativa alla campagna radunando attorno a sé una buona community (ne abbiamo parlato in quest’articolo). Tuttavia giusto un anno fa, a settembre 2019, Naughty Dog dava notizia di aver messo in stand-by questo comparto per concentrarsi del tutto sulla storia del secondo capitolo delle avventure di Ellie e Joel.

In un primo momento il team aveva promesso di voler introdurre la modalità come DLC, ma poco dopo l’idea era stata scartata e Druckmann stesso aveva ironizzato sulla cosa.

The Last of Us, The Last of Us Parte II, The Last of Us Parte II multiplayer, Naughty Dog, Neill Druckmann, The Last of Us Parte II Fazioni

Il progetto potrebbe essere stato ripreso (anche alla luce del successo strabiliante del gioco) e Factions potrebbe quindi essere reintrodotto a sorpresa come DLC nei prossimi mesi?

Forse sì, e ciò spiegherebbe il tweet del director, ma c’è anche chi pensa che altri annunci possano riguardare la serie TV diretta da Craig Mazin (Chernobyl) in corso di sviluppo per la HBO che riprenderà la trama del primo episodio.

Cosa bollirà nella pentola di Naughty Dog? E nel caso di Factions approfittereste per riprendere in mano TLOU 2?

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!
FONTE Pushsquare

Articolo a cura di Fabio Antinucci

30 anni (anagraficamente, in realtà molti di più) ha alle spalle esperienze come copywriter, redattore multimediale e critico cinematografico, letterario e fumettistico, laureato con una tesi triennale su Il Cavaliere Oscuro di Christopher Nolan e una magistrale su From Hell di Alan Moore.
Appassionato di letteratura horror e fantastica, divoratore di film di genere di pessima lega (ma ha nel cuore pezzi da novanta come Kubrick, Mann e Kurosawa), passa le sue giornate fra romanzi di Stephen King, graphic novel d’autore e fascicoletti di Batman.
Scrive (male) da una vita, e ha pubblicato un romanzo breve (Cacciatori di morte) e due librigame (quelli della saga di Child Wood).
Crede che il gioco sia una forma di creazione e libertà, capace di farti staccare la spina e al contempo di far riflettere, ragionare, commuoverti e socializzare. Per questo gioca di ruolo da dieci anni (in particolare a Sine Requie, D&D, Vampiri la Masquerade e Brass Age) per questo adora perdersi di fronte alla sua Play.
È innamorato del videogioco grazie a Hideo Kojima e al primo Metal Gear Solid, al quale ha giurato amore eterno, ma col tempo ha imparato ad amare gli open-world, gli action-adventure, gli rpg all’occidentale, i punta e clicca, a una condizione: che raccontino una bella storia.

microsoft compra zenimax bethesda

Bethesda, il fondatore della società dice la sua sull’acquisizione di Zenimax da parte di Microsoft

Resident_Evil_Infinite_Darkness_Netflix_Leon_Claire

Resident Evil: Infinite Darkness, la serie in CGI arriverà su Netflix nel 2021