HOME » news

Apple conferma che i servizi di cloud gaming come xCloud e Stadia violano le linee guida dell’App Store

Il servizio in cloud gaming di Microsoft si appresta ad essere lanciato solo su dispositivi mobile Android e ora sappiamo anche il perché. Infatti, Apple non consentirà servizi come xCloud e del suo concorrente, Google Stadia su iPhone e iPad.

Sapevamo già che c’era qualche problema, probabilmente legato all’App Store. Stadia non è disponibile per i dispositivi Apple e il servizio di Microsoft avrebbe quasi sicuramente dovuto affrontare un destino simile. Una mezza conferma era già arrivata nella giornata di ieri quando Microsoft ha interrotto i test iOS per la sua app xCloud.

Apple è finalmente uscita allo scoperto e ha affermato, in una dichiarazione a Business Insider, che questo tipo di servizi cloud violano le linee guida dell’App Store e nelle loro forme attuali, non potranno essere resi disponibili su iOS. Il motivo principale? Offrono l’accesso ad app che Apple non può esaminare individualmente.

Ecco la dichiarazione ufficiale di Apple:

L’App Store è stato creato per essere un luogo sicuro e affidabile in cui i clienti possono scoprire e scaricare app e una grande opportunità di business per tutti gli sviluppatori. Prima che entrino nel nostro negozio, tutte le app vengono esaminate in base a rigide linee guida che hanno lo scopo di proteggere i clienti e fornire condizioni eque e paritarie agli sviluppatori. I nostri clienti apprezzano app e giochi fantastici di milioni di sviluppatori e i servizi di gioco possono assolutamente essere lanciati su App Store a condizione che seguano la stessa serie di linee guida applicabili a tutti gli sviluppatori, incluso l’invio di giochi individualmente per la revisione e la visualizzazione nei grafici e nella ricerca. Oltre all’App Store, gli sviluppatori possono scegliere di raggiungere tutti gli utenti di iPhone e iPad sul Web tramite Safari e altri browser sull’App Store.

Microsoft, in una nuova dichiarazione rilasciata giovedì a The Verge, afferma di non essere riuscita a trovare una soluzione per portare xCloud su iOS tramite l’App Store, e ora attribuisce la colpa esclusivamente ad Apple, accusandola di negare ai consumatori i vantaggi del cloud gaming e di “applicare regole più indulgenti alle app non di gioco”. La società aggiunge che intende continuare a cercare un modo per portare il cloud gaming e Xbox Game Pass Ultimate sui dispositivi iOS.

Ecco la dichiarazione di un portavoce Microsoft:

Il nostro periodo di prova per Project xCloud per iOS è scaduto. Sfortunatamente, non abbiamo ottenuto il risultato sperato per portare la nostra visione del cloud gaming con Xbox Game Pass Ultimate ai giocatori su iOS tramite l’App Store. Apple si distingue per essere l’unica piattaforma a negare ai consumatori il cloud gaming e i servizi in abbonamento come Xbox Game Pass e tratta costantemente le app di gioco in modo diverso, applicando regole più indulgenti alle app non di gioco anche quando includono contenuti interattivi. Tutti i giochi disponibili nel catalogo Xbox Game Pass sono classificati per i contenuti da organismi indipendenti di classificazione del settore come il CERS e gli equivalenti regionali. Ci impegneremo a trovare un nuovo percorso per portare il cloud gaming e Xbox Game Pass Ultimate sulla piattaforma iOS. Crediamo che il cliente debba essere al centro dell’esperienza di gioco e vorremmo accontentare i giocatori che desiderano giocare, connettersi e condividere ovunque si trovino.

Il problema sta proprio nel dover “includere l’invio di giochi individualmente per la revisione e la visualizzazione nei grafici e nella ricerca”. Il modo in cui Stadia funziona oggi, e il modo in cui xCloud funzionerà il mese prossimo, è che paghi per l’accesso al servizio e quel servizio consente di accedere a giochi gratuiti dal cloud. Questi giochi non sono archiviati su un dispositivo locale, a differenza dell’app Valve, Steam Link, approvata da Apple (sebbene Valve avesse comunque avuto una serie di problemi per ottenere l’approvazione di Steam Link su iOS).

Quindi Apple non sa cosa stiamo acquistando o riproducendo sui nostri dispositivi perché non può esaminarli in anticipo. Inoltre non riceverebbe alcun ricavo da questi servizi in quanto sono accessibili esclusivamente sottoscrivendo un abbonamento a pagamento. Proprio quest’ultimo è stato il punto cruciale di una grande diatriba tra Apple e Basecamp, il creatore del nuovo servizio di posta elettronica. La vicenda si è conclusa ed è stata risolta solo quando Basecamp ha trovato un compromesso con il produttore di iPhone aggiungendo un’opzione di iscrizione gratuita alla sua app iOS.

La casa di Cupertino è piuttosto chiara su quali sono le linee guida dell’App Store, in particolare basta consultare la sezione 4.2.7:

  • 4.2.7 Client desktop remoto: se la tua app desktop remoto funge da mirror di software o servizi specifici anziché un mirror generico del dispositivo host, deve essere conforme a quanto segue:
  • (a) L’app deve connettersi solo a un dispositivo host di proprietà dell’utente che è un personal computer o una console di gioco dedicata di proprietà dell’utente e sia il dispositivo host che il client devono essere connessi ad una rete locale LAN.
  • (b) Qualsiasi software o servizio disponibile nel client viene eseguito completamente sul dispositivo host, visualizzato sullo schermo del dispositivo host e non può utilizzare API o funzionalità della piattaforma oltre a quanto richiesto per lo streaming da Desktop remoto.
  • (c) Tutta la creazione e la gestione dell’account deve essere avviata dal dispositivo host.
  • (d) Per motivi di trasparenza, le transazioni che avvengono all’interno di software con mirroring non devono utilizzare l’acquisto in-app.
  • (e) I thin client per le app basate su cloud non sono appropriati per l’App Store.

In altre parole, a meno che non si tratti di un’app desktop remota completa, un servizio di cloud gaming non è consentito poiché non rispetta le linee guida Apple.

Google e Microsoft probabilmente non vogliono offrire opzioni di iscrizione all’interno delle app stesse perché ciò significherebbe dare ad Apple un 30 percento delle entrate dell’abbonamento, ma le app senza opzioni di “creazione dell’account” violano la sezione (c). Il rispetto della sezione (a) è impossibile anche considerando che questi server cloud su cui sono in esecuzione i giochi non sono di proprietà e situati nelle case dei consumatori, ma collocati in data center lontani. E la sezione (e) appena definita riporta che questo tipo di applicazioni – un “thin client per app basate su cloud” – non possono assolutamente esistere nell’App Store; non è “appropriato”, afferma Apple.

Ci sono alcune soluzioni alternative però. Ad esempio, il servizio di cloud gaming Shadow consente di accedere a un “dispositivo host” di un computer remoto che non è tecnicamente di proprietà dell’utente, ma affittato dalla società stessa. Inoltre, non si trova sulla stessa rete del dispositivo a cui accede. Eppure Shadow funziona ed è disponibile su iOS.

Un portavoce di Shadow ha dichiarato a The Verge che, quando ha scoperto che la sua app iOS era in disputa con Apple all’inizio di quest’anno, ha rimosso la funzione di avvio rapido che consentiva agli utenti di avviare direttamente i giochi. Ha ricevuto il via libera, perché l’app funzionava più come un servizio di desktop remoto, quindi rispettando il “mirror generico del dispositivo host” che Apple menziona come eccezione nelle sue linee guida dell’App Store. Con Shadow, bisogna installare Steam e accedere ai titoli esistenti proprio come faremmo su qualsiasi altra app desktop remota.

Valve ha fatto qualcosa di simile con Steam Link rimuovendo l’opzione per acquistare giochi dalla versione iOS dell’app, poiché Apple ha contestato il fatto che Steam Link aveva effettivamente agito come un app store all’interno dell’App Store aggirando i processi di revisione imposti da Apple.

Cosa significa tutto questo? Bene, per ora, gli utenti iOS si perderanno l’ondata di cloud gaming su mobile che arriverà con il lancio di xCloud. Presumibilmente esiste un modo in cui Google, Microsoft e Nvidia potrebbero trovare il modo di aggirare questo problema, ovvero modificando le funzionalità principali delle rispettive app. Ora come ora sembra improbabile che tali modifiche possano essere attuate a breve termine. L’App Store è un mercato enorme, e conta quasi 1,5 miliardi di utenti. Siamo sicuri che Microsoft e i suoi diretti concorrenti faranno di tutto pur di portare le proprie applicazioni su App Store.

Crash Bandicoot 4, svelati nuovi dettagli sul gioco

The Medium, Bloober Team, Xbox Series X, The Medium ray tracing

The Medium non avrà più il ray tracing su Xbox Series X?