Kena: Bridge of Spirits | Mostrato il trailer dell’esclusiva PS5

trailer di kena, esclusiva ps5

Al Future of Gaming di Sony è stata annunciata un’esclusiva PS5, Kena: Bridge of Spirits. Il videogioco sviluppato da Ember Lab è un action/adventure con fasi platform ambientato in un mondo fantasy coloratissimo e abitato da creaturine pucciose.

Ci sono però anche molti pericoli, quelli contro cui la ragazzina protagonista dovrà combattere, armata di un lungo bastone sormontato da un misterioso cristallo azzurro.

L’ambientazione, lo stile di combattimento, la ragazza stessa ci hanno ricordato un po’ Beyond Good & Evil, mentre lo stile dell’avventura ci ha riportato alla mente Enslaved: Odyssey to the West e, di conseguenza, qualsiasi altra opera ispirata a Journey to the West, il classico della letteratura cinese che ha rappresentato la fonte principale di Dragon Ball.

I fratelli Grier, del team di sviluppo, hanno descritto Kena come un titolo ricco di fascino e non possiamo certo dargli torto.

Non c’è ancora una data di uscita né una finestra di lancio.


Kena, una giovane spirito guida, viaggia verso un villaggio abbandonato in cerca del sacro santuario della montagna. Cerca di scoprire i segreti di questa comunità dimenticata, nascosta in una foresta rigogliosa dove sono intrappolati gli spiriti erranti.

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Michele Longobardi

Laureato in Lettere moderne, scopro la passione per il giornalismo quasi per caso. I videogiochi sono il mio più grande amore e così decido di coniugare le due cose. Il giornalismo videoludico diventa la mia forma finale.

Per me i videogiochi sono una forma d'arte e guai a dirmi il contrario.

Appassionato di tutto ciò da cui sgorga sangue: cinema horror (registi preferiti Argento e Romero), letteratura gialla e dell'orrore (autori preferiti Christie, Poe e Lovecraft) e ovviamente i videogiochi del genere (Silent Hill e Resident Evil sopra ogni cosa).

Il mio videogioco preferito di sempre è Fahrenheit che ho finito un numero non precisato di volte, da lì scaturisce la mia ammirazione per tutti i lavori di David Cage.

La mia "carriera" videoludica è segnata da un marchio da cui non sono mai riuscito a staccarmi: PlayStation! In circa 20 anni di gaming, ho completato più di 600 titoli.

Solar Ash | Il nuovo gioco di Heart Machine annunciato per PS5

la recensione di the last of us parte II

The Last of Us Part II | Recensione | Il lungo addio a PS4