Qualcuno si è fatto 600 anni di prigione dentro The Elder Scrolls Oblivion

The Elder Scrolls IV: Oblivion, The Elder Scrolls, TES, TES: Oblivion, Bethesda Softworks

Ognuno si diverte come vuole, si sa, e capita di trovare giocatori molto particolari. E’ il caso di un giocatore di The Elder Scrolls IV: Oblivion, che ha deciso di provare la bizzarra esperienza di farsi arrestare talmente tante volte da passare ben 225001 giorni complessivi in cella.

Una cifra che a conti fatti corrisponde a ben… 616 anni, almeno al momento della screen riportata da questa community (ma dal copy sembra che il numero sia nel frattempo aumentato…):

Bizzarro, vero?

E voi avete mai trovato un modo così “particolare” per “trascorrere il vostro tempo” in-game?

Raccontatecelo 😉

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!
FONTE Kotaku

Articolo a cura di Fabio Antinucci

30 anni (anagraficamente, in realtà molti di più) ha alle spalle esperienze come copywriter, redattore multimediale e critico cinematografico, letterario e fumettistico, laureato con una tesi triennale su Il Cavaliere Oscuro di Christopher Nolan e una magistrale su From Hell di Alan Moore.
Appassionato di letteratura horror e fantastica, divoratore di film di genere di pessima lega (ma ha nel cuore pezzi da novanta come Kubrick, Mann e Kurosawa), passa le sue giornate fra romanzi di Stephen King, graphic novel d’autore e fascicoletti di Batman.
Scrive (male) da una vita, e ha pubblicato un romanzo breve (Cacciatori di morte) e due librigame (quelli della saga di Child Wood).
Crede che il gioco sia una forma di creazione e libertà, capace di farti staccare la spina e al contempo di far riflettere, ragionare, commuoverti e socializzare. Per questo gioca di ruolo da dieci anni (in particolare a Sine Requie, D&D, Vampiri la Masquerade e Brass Age) per questo adora perdersi di fronte alla sua Play.
È innamorato del videogioco grazie a Hideo Kojima e al primo Metal Gear Solid, al quale ha giurato amore eterno, ma col tempo ha imparato ad amare gli open-world, gli action-adventure, gli rpg all’occidentale, i punta e clicca, a una condizione: che raccontino una bella storia.

lockdown, videogames, xbox one

Come la pandemia ha puntato le luci sui videogiochi

The Last of Us Part II, The Last of Us, Naughty Dog, Sony, Ellie

The Last of Us-Part II: guerra aperta agli spoiler su Twitter