HOME » news

Blizzcon 2020? “Troppo presto per sapere se si farà”

BlizzCon 2020, Bizzard, Covid-19

Forte dei miliardi di utenti connessi al suoi server, Blizzard è senza dubbio una di quelle major capace con le sue mosse di far capire e “sentire” lo stato di salute dell’industria del videogioco, e ciò vale anche per quel che riguarda il lato convention. Non sorprende quindi che l’azienda si sia sentita in dovere di affrontare l’argomento Covid-19-BlizzCon 2020 in un post sul sito della manifestazione.

A fare il punto della situazione è stata Saralyn Smith, produttrice esecutiva dello show che ogni novembre aggiorna la community Blizzard sui progetti dell’azienda.

BlizzCon, BlizzCon 2020, Blizzard

L’approccio in merito all’attuale situazione appare pragmatico: la producer ha infatti spiegato che Blizzard monitorerà la situazione con attenzione e che se necessario valuterà una possibile cancellazione dell’evento, anche se al momento ogni decisione in merito appare prematura. In ogni caso, la producer ha specificato che la priorità è la salvaguardia della salute pubblica.

Blizzard d’altro canto fa capire di non volersi far trovare impreparata o far sì che la pandemia metta ko quello che di fatto è il suo momento di maggiore esposizione mediatica annuale, e di “star considerando una serie di possibilità e ipotesi” per realizzare lo show.

Da questo punto di vista, non è certo prematuro ipotizzare il ricorso a soluzioni alternative, come un utilizzo più strutturato del Virtual Ticket (usato un paio di anni fa per permettere agli utenti di seguire la diretta da casa).

Ricordiamo per esempio che Microsoft ha dichiarato che tutte le sue conferenze saranno tenute in digitale fino a luglio 2021, mentre la sperata edizione online dell’E3 di giugno purtroppo non avrà luogo.

FONTE Polygon

Articolo a cura di Fabio Antinucci

30 anni (anagraficamente, in realtà molti di più) ha alle spalle esperienze come copywriter, redattore multimediale e critico cinematografico, letterario e fumettistico, laureato con una tesi triennale su Il Cavaliere Oscuro di Christopher Nolan e una magistrale su From Hell di Alan Moore.
Appassionato di letteratura horror e fantastica, divoratore di film di genere di pessima lega (ma ha nel cuore pezzi da novanta come Kubrick, Mann e Kurosawa), passa le sue giornate fra romanzi di Stephen King, graphic novel d’autore e fascicoletti di Batman.
Scrive (male) da una vita, e ha pubblicato un romanzo breve (Cacciatori di morte) e due librigame (quelli della saga di Child Wood).
Crede che il gioco sia una forma di creazione e libertà, capace di farti staccare la spina e al contempo di far riflettere, ragionare, commuoverti e socializzare. Per questo gioca di ruolo da dieci anni (in particolare a Sine Requie, D&D, Vampiri la Masquerade e Brass Age) per questo adora perdersi di fronte alla sua Play.
È innamorato del videogioco grazie a Hideo Kojima e al primo Metal Gear Solid, al quale ha giurato amore eterno, ma col tempo ha imparato ad amare gli open-world, gli action-adventure, gli rpg all’occidentale, i punta e clicca, a una condizione: che raccontino una bella storia.

Cyberpunk 2077, CD Projekt Red

Cyberpunk 2077 avrà due grandi DLC, come The Witcher 3

final fantasy Vii remake, guida alle tecniche dei nemici

Final Fantasy VII Remake | Imparare tutte le Tecniche dei Nemici