Dopo l’annuncio delle date in cui si terrà la Blizzcon e la conseguente apertura di una prima apertura delle prevendite, Blizzard si trova di nuovo al centro delle polemiche da parte dei fan dopo aver scoperto di dover scaricare un’app apposita per poter aver accesso alla fiera.

Addio biglietto cartaceo

Per evitare i numerosi tentativi di frode avvenuti nelle scorse edizioni ai danni di fan desiderosi di varcare le porte della kermesse di Anaheim, Blizzard ha deciso di affidarsi esclusivamente ad AXS, un’applicazione che permette di comprare biglietti online offrendo una protezione maggiore dalle contraffazioni grazie ad un sistema che aggiorna il QR code associato ad intervalli regolari. La stessa app è stata già utilizzata da Blizzard per vendere i biglietti della stagione 2017-2018 della Overwatch League ma alcuni fan su Reddit hanno cominciato a manifestare un certo malcontento contro l’azienda produttrice dell’app definendola al pari di uno Spyware.

Cos’è uno Spyware?

plague inc. nano virus

Generalmente con Spyware si indica un ampio gruppo di virus informatici che raccolgono senza il consenso dell’utente tutta una serie di dati sensibili per poi guadagnarci tramite attività pubblicitarie mirate, in altri casi si può essere anche reindirizzati su altri siti durante le nostre ricerche o addirittura vederci cambiare l’homepage principale del nostro browser.

Questo è quanto riportato da un utente Reddit:

Con una mezz’ora di ricerche ho scoperto che l’app raccoglie tantissimi dati personali dal proprio telefono come nome e cognome, posizione, acquisti, indirizzo IP […] sistema operativo, indirizzo email, numero di carta di credito, modello del proprio device…

Accuse molto gravi considerando quanto la privacy e i dati personali siano ormai un vero e proprio hot topic a seguito di diverse “fughe” accadute recentemente sui maggiori social e caselle mail.

Minaccia reale o inutile allarmismo?

Come detto prima uno Spyware opera senza il nostro consenso e rubando i nostri dati a volte senza che ce ne accorgessimo ma il discorso cambia quando un’app ci fa esplicita richiesta di fornire determinati permessi prima di procedere. Gli stessi permessi che noi molto spesso forniamo ad applicazione di uso comune come WhatsApp, Instagram o altri famosi social media. I fan Blizzard sono ora spaccati in due tra chi grida al complotto e chi invece difende la normalità dell’iter di AXS, c’è però anche una terza frangia che ha trovato il modo di aggirare il sistema e che si presenterà al Solution Desk della fiera per una registrazione “guidata” che scavalchi il download dell’app.

Dopo la bufera dello scorso Blizzcon (e tutte le cattive notizie promulgate nel corso di quest’anno), la casa di Irvine farebbe bene a fare chiarezza quanto prima per evitare una nuova ondata di polemiche che potrebbero accompagnarci per tutta la prossima estate.

Cosa aspettarci dall’edizione 2019

statue blizzcon 2019 orco e umano
Le bellissime statue della prossima edizione.

Che se ne dica, la Blizzcon è sempre un momento emozionante per i fan Blizzard anche se la scorsa edizione è stata accompagnata da qualche fischio durante il l’annuncio di Diablo Immortals ma cosa ci aspetta nella prossima edizione?

Tenendo conto che per la prima volta Blizzard non sarà presente alla Gamescom (che è stata spesso terreno di grandi annunci nel periodo estivo) di quest’anno si può pronosticare una maggiore quantità di contenuti e magari nuove IP da aggiungere all’attuale catalogo. Attualmente non ci sono sono molte informazioni intorno a ipoteti progetti futuri ma sappiamo cosa è in arrivo quest’estate:

  • Server Classic di World of Warcraft.
  • Warcraft III Reforged.
  • Nuova Patch di WoW.
  • Nuove informazioni su Diablo Immortal (probabilmente una beta).

Sappiamo inoltre che l’edizione 2019 festeggerà i 25 anni del franchise di Warcraft con delle statuette commemorative e con WC3 Reforged sicuramente molta attenzione sarà rivolta a questo franchise senza escludere però novità per Overwatch, Hearthstone e sicuramente annunci legati agli altri progetti legati a Diablo. Ciò che speriamo noi è che Blizzard annunci qualcosa di totalmente nuovo slegato dai titoli attuali che ci faccia saltare dalle sedie come quando presentò per la prima volta Overwatch.

 

 

Quanto lo hai trovato utile/interessante? Faccelo sapere con un voto!