Fortnite ha generato ricavi per un miliardo di dollari dagli acquisti in-game

Fortnite miliardo dollari

Prendete un bel respiro e iniziate questo ragionamento: un miliardo di dollari sono tanti, se non tantissimi; nel mondo dei videogiochi questi numeri non spaventano perché ci sono talmente tanti prodotti in grado di tirare fuori dei ricavi interessanti che ormai siamo abituati a sentirne parlare.

Quando a fare un miliardo di dollari è un titolo nato quasi per scherzo, venduto a prezzo gratuito e diventato praticamente un fenomeno di costume con tanto di incursioni nel mondo reale tra pop-star e tornei di beneficenza il discorso un pochino cambia.

Vediamo insieme com’è stato generato questo miliardo di dollari di ricavi.

Oh no, l’ennesimo record registrato da Fortnite.

Secondo un report pubblicato da GameIndustry e sviluppato dall’azienda Superdata (che si occupa proprio di elaborazione dati nel settore dell’industria videoludica) il Juggernaut di Epic Games ha generato degli introiti stupefacenti per qualsiasi titolo.

Fortnite si è reso protagonista di un ricavo di oltre un miliardo di dollari, tutti provenienti dagli acquisti eseguibili in-game; acquisti che, ricordiamo, non mutano in alcun modo il gameplay, ma aggiungono contenuti cosmetici o sfide esclusive come il Pass Battaglia (di cui ogni settimana copriamo le sfide).

Fortnite
Grafico realizzato da superdata

 

Secondo il grafico di Superdata il titolo è riuscito a tirare fuori mensilmente cifre incredibili continuamente superiore al centinaio di milioni di dollari. A Marzo gli acquisti in-game hanno toccato i 223 milioni di dollari; i ricavi hanno avuto il loro picco durante il mese di Maggio 2018, in concomitanza con l’uscita della Stagione 4 arrivando a macinare ben 318 milioni di dollari.

Il miliardo di dollari è stato calcolato come il ricavo ottenuto da Ottobre 2017 (con la release della modalità Battle Royale del titolo) sino a Maggio 2018; ovviamente nei tre mesi che mancano il risultato finale potrebbe diventare ancora più incredibile, considerato che c’è ancora tutta la stagione 5 da inserire.

Il successo sembra inarrestabile?

Fortnite

Secondo i dati raccolti da Superdata il successo di Fortnite ha conosciuto un successo in crescita praticamente lineare sin dalla sua release; un successo che per il momento non conosce la benché minima battuta d’arresto. Nonostante ci siano titoli che sono stati in grado di ottenere un tale grado di pubblico (Minecraft o GTA V, per fare due esempi) nessuno di loro sono stati in grado di capitalizzare l’attenzione del pubblico e del loro portafogli in modo da ottenere tali ricavi.

Per il momento il fenomeno Battle Royale non sembra conoscere alcun tipo di battuta d’arresto e nei prossimi mesi, se il supporto continua ad essere tale, difficilmente vedremo battute d’arresto.

Se però a voi dei soldi interessa davvero pochi e avete più problemi con il lato ludico della questione potete dare un occhiata alle guide che noi abbiamo creato sul titolo. Se avete problemi con le armi abbiamo una guida ad-hoc, lo stesso si può dire per gli oggetti, per gli atterraggi, per le sfide del pass battaglia (ad esempio abbiamo fatto le guide per la prima settimana e la seconda settimana).

Continuate a seguirci su Player.it per sapere quale sarà il prossimo traguardo che Fortnite registrerà!

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Graziano Salini

Essere umano dotato di infinito nozionismo su cose di dubbia utilità, interagisce con il mondo dei videogiochi da quando ritiene di avere coscienza di sé. I punti forti del suo curriculum sono le oltre seimila ore passate sui moba, gli infiniti titoli conosciuti (e giocati) esplorando i meandri più reconditi della rete e l'indubbia capacità nel "flammare" con gentilezza il giocatore che ha davanti nella sua lingua natia.

Dopo aver preso coscienza dell'esorbitante numero di ore passate su giochi in grado di danneggiare gli organi interni, il tizio raffigurato in foto ha deciso di comprarsi un computer normale e di tenersi aggiornato con le console dando frutto a lunghe sessioni di blasfemie e coccole davanti all'action adventure o al gioco di ruolo di turno, impazzendo davanti a enigmi dalle soluzioni lapalissiane o superando con scioltezza nemici dalla difficoltà aberrante.

Nemico pubblico della punteggiatura e del bel scrivere, può vantare un lessico forbito da completo autistico derivato dai quintali di fumetti Disney letti in tenera età. Al momento sta aspirando alla santità aiutando tutto e tutti in missioni dalla dubbia utilità; aggiorna costantemente i suoi amici facebook sulla musica che ascolta (bella sopra ogni buon senso) e sui giochi che conclude, giusto per dare un senso ad account vecchi lustri.

La Time Pool aiuta a trasmettere in modo tangibile il senso dello scorrere del tempo in D&D, creando possibilità per scelte significative in un mondo vivo.

Time Pool: come rendere interessante e tattico il tempo in D&D 5

World of Warcraft, Hati potrebbe tornare in futuro

World of Warcraft, Hati potrebbe tornare in futuro