Streamer diventa famoso per aver “giocato” un incontro reale di UFC

Streamer diventa famoso per aver
Uno streamer ha trasmesso su più piattaforme, tra cui Twitch, l'intero incontro di UFC tra Max Holloway e Jose Aldo facendo finta di stare giocando.


Un piccolo streamer, questo sabato sera, ha trasmesso in streaming su più piattaforme, tra cui Twitch, l’intero incontro di UFC tra il campione dei pesi piuma Max Holloway e il grande brasiliano Jose Aldo tenendo tutto il tempo un controller in mano e facendo finta di giocare all’ultimissimo gioco UFC.

Inutile dirlo, il video è diventato subito virale sui social media, in particolare un sua clip in cui fa diversi rumori proprio come se stesse giocando davvero e ad un certo punto si lamenta anche che il suo personaggio avrebbe dovuto parare un colpo. Infatti guardate un po’ quanti mi piace e condivisioni che ha ricevuto questo tweet qua sotto.

Addirittura Lester, il nome dello streamer, che prima era abituato a trasmettere le partite di Fortnite e aveva all’incirca 2000 follower, ha dovuto disattivare le notifiche via mail a causa del numero di fan che ha ottenuto su Twitter e le altre piattaforme. E riguardo a ciò ha anche commentato in un suo stream:

Sono stato seduto sui 2000 followers per cinque anni, ora questo video virale mi ha boostato come un pazzo!

Tuttavia essendo questo un evento sportivo trasmesso sulla pay-per-view e strimmato senza licenza si sospetta che presto interverrà legalmente sulla questione Twitch stesso, che non è estraneo a stream di questo tipo. Infatti la piattaforma viene spesso utilizzata per trasmettere le partite di calcio della Premier League prima che queste vengano tolte.

Intanto la Electronic Arts, produttrice del videogioco EA Sports UFC 3, probabilmente è l’unica che ci ha guadagnato davvero, dato che con centinaia di migliaia di visualizzazioni sui social media per il suo nuovo picchiaduro sportivo sta avendo la migliore pubblicità che un’azienda possa sperare di avere.

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Federico Peres

Nato nel 1994 è giocatore assiduo di videogames di ogni genere e un amante di giochi da tavolo di tutti i tipi, con i dadi, le carte, le miniature e chi più ne ha più ne metta.

Warhammer 40.000 Inquisitor Martyr – Hands On

Recensione The Elder Scrolls Legends: Ritorno a Clockwork City

Recensione The Elder Scrolls Legends: Ritorno a Clockwork City