Brian Goldner, il CEO di Hasbro, in un’intervista esclusiva alla CNBC ha riferito che uno degli obiettivi a lungo termine della società che dirige ruota attorno all’ingresso di giochi fantasy classici, come Magic: The Gathering e D&D, negli eSports e nelle competizioni internazionali.

Il fatto che D&D, i manuali e tutto il resto siano di proprietà della Hasbro non rappresenta proprio un dettaglio di secondaria importanza, per quanto riguarda il futuro di Dungeons & Dragons.

Questo passo, a quanto pare, è stato dettato dal crescente interesse del pubblico per i giochi di ruolo digitali e, più in generale, per i giochi da tavolo digitali.

Hasbro, D&D e gli eSports

L’annuncio di Guildmaster’s Guide to Ravnica, crossover tra Dungeons & Dragons e Magic: The Gathering, rappresenta soltanto uno dei punti focali della strategia di Hasbro, che segue il picco di interesse da parte dei giocatori per i giochi online immersivi. E cosa c’è di più immersivo di Dungeons & Dragons e dei giochi di ruolo in senso lato?

La notorietà di Dungeons & Dragons, probabilmente, si deve in non scarsa misura al successo di Stranger Things, in cui i temi legati al fantasy e a D&D rivestono un’importanza predominante.
La serie Netflix, ambientata negli anni Ottanta e dagli spiccati toni nostalgici, ha contribuito notevolmente a far tornare popolari i giochi di ruolo e Dungeons & Dragons, anche tra le nuove generazioni che non ne hanno vissuto la prima -o la seconda- giovinezza.

Campagna D&D, avventura D&D, sessione Dungeons & Dragons, sessione gioco di ruolo
“Lo so che non vuoi lasciare il party, David. Ma credimi: ci vorranno ancora anni.”

Hasbro, in seguito, ha fornito ulteriori dettagli in merito alla dichiarazione del CEO Jim Cramer: se da una parte persiste l’intenzione di traghettare D&D nell’era digitale, dall’altra il gioco di ruolo per antonomasia non è esattamente quello più adatto a essere reinventato nel sempre più seguito settore degli eSports.

Giocare D&D a livello competitivo: si può?

I punti di forza di D&D sono nell’immersività, nel coinvolgimento emotivo e nella socializzazione, e sicuramente non risiedono -o non dovrebbero risiedere- nella competizione tra i giocatori che compongono il party.

Anche se, in quanto assidui testimoni dei poteri del 20 e dell’1, dell’Alpha e dell’Omega, sappiamo bene quanto incidano i contrasti e le tensioni tra giocatori, non soltanto nelle dinamiche del party, ma anche nel futuro delle campagne stesse.

Dadi DnD, dadi Dungeons and Dragons, dadi gioco di ruolo, set dadi
Roll the dice.

Ricapitolando, ci sono piani per trasformare D&D in un eSport?
Al momento non possiamo affermarlo con certezza, ma dalle parole di Goldner sappiamo che non è improbabile vedere, in futuro, una suite di contenuti digitali basati su Dungeons & Dragons e Magic: The Gathering. Poi chissà.

D&D negli eSports: sì o no?

Da una parte potrebbe essere interessante diventare dei giocatori professionisti di D&D, e vivere un 20 naturale alla volta. Dall’altra, però, va detto che il potenziale di attirare pubblico forse è inferiore rispetto ad altri giochi più gettonati, sebbene questo non valga assolutamente per i giocatori impegnati in prima persona in un’avventura.

Vediamo insieme i pro e i contro.
Anzi, prima i contro e poi i pro, perché oggi ci sentiamo Caotici – Neutrali.

Contro: guardare una sessione senza giocare è noioso

Di norma gli eSports non sono il campo di battaglia ideale per giochi complessi e sconfinati come D&D che, senza alcuno sforzo, possono divorare immani quantità del nostro tempo più o meno libero.

Ma c’è un altro problema in merito all’esordio di D&D negli eSports.
Immaginate di essere uno spettatore. O, ancora meglio, invitate alla vostra sessione amici o amiche non appassionati/e di giochi di ruolo.

Quanto durerà la loro attenzione?
Quanto si annoieranno?
Dopo quanto tempo li dovrete defenestrare, insieme ai loro fastidiosi smartphone che vi rovinano l’atmosfera con le notifiche social o con gli effetti sonori di qualche giochino?

Qui di seguito trovate le risposte. Nell’ordine: poco, tanto, non molto.

Live streaming eSports, streaming eSports, eSports Twitch

E allora perché qualcuno dovrebbe seguire una sessione o addirittura una campagna di D&D su Twitch o su altre piattaforme dedicate agli eSports?

Schematizzando: senza pubblico non ci sono sponsor, e senza sponsor non ci sono soldi. Senza soldi, poi, non ci sono né le infrastrutture per gli eSports né i premi, e senza premi probabilmente scarseggerebbero i giocatori di livello competitivo.

Pro: per i giocatori D&D è anche meglio di uno sport

Ma non vediamo tutto nero, anche perché abbiamo Scurovisione. Ba-dum, tss!

Dungeons & Dragons è, intrinsecamente, un gioco fondato sulla collaborazione tra giocatori, sullo spirito di squadra, sulle capacità da (e del) leader e sul perfetto utilizzo di tattiche e strategie degne di un Alessandro Magno o di un Sun Tzu.

Non sono forse questi alcuni degli aspetti fondamentali dei più seguiti giochi di squadra? Ma non è tutto. Al di là del party, ogni giocatore in un certo senso allena e prepara il proprio personaggio. O meglio: lo costruisce, lo builda.

Chi sono i min-maxer se non gli allenatori più esigenti, quelli che farebbero correre Rocky nella neve siberiana e gli farebbero sollevare pesanti carri per aumentare la Forza e la Costituzione di un punto?

Arrampicare D&D, arrampicare DnD, prova di atletica
“Fammi una prova di arrampicata.” “Lancio il dado… 1!”

La sfida in un’ipotetica competizione di D&D in stile eSports, quindi, non sarebbe soltanto una questione di tiro di dadi e di esperienza. Sia in ambito PvE, sia sul campo del PvP, conterebbero molto le build ottimizzate, la conoscenza delle classi e dell’economia dell’azione, ma anche le sinergie del party e i colpi di genio.

Proprio come in un qualunque altro sport, virtuale o meno.

Conclusioni: dipende dal Carisma

Le vie per rendere interessante D&D come eSport, secondo noi, sono due.

Una passa per il classico -e forse inflazionato- torneo PvP, in cui min-maxer e power-player metterebbero gli uni contro gli altri i propri Paladini – Guerrieri – Warlock – Stregoni – Monaci, magari mezzo-giganti, orchi-per-un-quarto-e-il-resto-chissà, armati di possenti merluzzi a tre mani +18, che fanno 9 attacchi per round e castano Parola del Potere, Uccidere come reazione.

L’altro sentiero,  invece, lungo e tortuoso, comprende storie accattivanti anche per il pubblico, e non solo per i giocatori, che non siano soltanto il solito -pregevole in altri contesti- dungeon crawl: la sessione, quindi, diventerebbe una sorta di narrazione orale di una trama, tessuta coralmente dai giocatori e dal DM. Uno spettacolo teatrale, se vogliamo, a cui il pubblico potrebbe assistere dagli spalti di un eSports stadium oppure comodamente da casa.

Spettacolo D&D, gioco di ruolo a teatro, spettacolo gioco di ruolo, Dungeons & Dragons a teatro
Dungeons & Dragons a teatro?

Quale strada è oggettivamente quella più interessante?
Possiamo solo speculare. Moltissimo dipende dalle modalità e dai tempi di attuazione.

Ogni sessione è bella al Master suo

Ora, i giocatori più duri & puri avranno già rollato l’Iniziativa, ma prima di entrare in Ira e caricare [sempre giusto e sacrosanto, per carità] chiariamo un punto: l’ingresso di D&D negli eSports non sarebbe poi tutta questa novità.

Tornei eSports, competizioni eSports, gare eSports

Innanzitutto dobbiamo ricordare che Tomb of Horrors, in origine, venne progettata da Gary Gygax proprio per i tornei competitivi: niente PvP, solo dungeon terrificanti che hanno messo in crisi ben più di un min-maxer.

In secondo luogo non possiamo dimenticare che la lega ufficiale di gioco organizzato D&D Adventurers League utilizza già il regolamento della quinta edizione.

Bonus: cos’è la Lega degli Avventurieri?

No, non c’entra con l’altra Lega. È molto più di una campagna o di un’associazione: si tratta di una sorta di rete che permette ai giocatori di creare il proprio personaggio e di inserirsi in una sessione su qualunque tavolo abilitato. Ovunque. Convention, negozi specializzati, luoghi pubblici ed eventi organizzati ad hoc, ma anche a casa propria o addirittura online: l’Adventurers League non conosce confini, e permette a tutti di giocare senza dover per forza avere un party completo.

Fondata nel 2016 da Wizards of the Coast, la D&D Adventurers League affonda le proprie radici nei trent’anni d’esperienza della N.A.S.C.R.A.G., National Society of Crazed Gamers (1980 – 2011), e delle D&D Championship Series (1977 – 2013).

Dungeons & Dragons Adventurers League, D&D Lega degli Avventurieri, Lega Avventurieri Dungeons & Dragons
La Lega degli Avventurieri ufficiale di D&D.

Le storyline disponibili includono Lost Mine of Phandelver, Rage of Demons, Harried in Hillsfar e il resto delle D&D Expeditions, e si differenziano tra loro per durata e livello di difficoltà. Sia che siate dei veterani, sia che invece abbiate ancora problemi a compilare la scheda [anche se una cosa non necessariamente esclude l’altra!], troverete pane per i vostri robusti denti da nano, mezz’orco o anche umano o qualcos’altro. No, per gli elfi niente. Niente.

Ve la immaginate una D&D Adventurers League con sessioni competitive e punti assegnati ai giocatori in base alla ruolata e alle quest completate, il tutto trasmesso in live streaming? Già, perché il canale Twitch di D&D esiste già, e ha oltre mille video.

Non sarebbe male. No, non sarebbe affatto male.

E voi seguireste una sessione di D&D in versione eSport?
Vi piacerebbe essere giocatori competitivi di Dungeons & Dragons?
Lasciate idee, suggerimenti, critiche e d20 truccati nei commenti qui sotto!

 

Quanto lo hai trovato utile/interessante? Faccelo sapere con un voto!