Non si era mai vista un’Aurora Boreale così | È antichissima e inedita

    aurora boreale rarissima

    Una recente scoperta ha trovato la più antica aurora boreale mai registrata: ha più di 2.000 anni

    L’aurora è uno dei fenomeni atmosferici più rari e spettacolari a cui è possibile assistere. Vedere di persona il cielo colorarsi di luce è impressionante anche ai giorni d’oggi. Figuriamoci l’impatto che un simile evento poteva avere secoli o, addirittura, millenni fa.

    Cos’è l’aurora?

    Gli spettacolari effetti caleidoscopici delle cosiddette aurore boreali (o australi, se si trovano nell’emisfero meridionale del nostro pianeta) sono il risultato di particelle cariche provenienti dal Sole che vengono scaricate nella magnetosfera terrestre, dove si scontrano con le molecole di ossigeno e azoto, un’interazione che eccita queste molecole e le fa brillare.

    Un'aurora boreale

    Le aurore si presentano tipicamente come nastri scintillanti nel cielo, con sfumature verdi, viola, blu e gialle.

    Esistono diversi tipi di manifestazioni aurorali, come le aurore “diffuse” (un debole bagliore vicino all’orizzonte), quelle più rare “a picchetto” e “a duna” e gli “archi di aurore discrete”, la varietà più intensa, che appaiono nel cielo come cortine di luce scintillanti e ondulate. Gli archi di aurora discreti possono essere così luminosi che è possibile leggere un giornale alla loro luce. È quanto è accaduto nell’agosto e nel settembre del 1859, quando si è verificata una grande tempesta geomagnetica – il cosiddetto Evento Carrington, il più grande mai registrato – che ha prodotto aurore abbaglianti visibili in tutti gli Stati Uniti, in Europa, in Giappone e in Australia.

    Una nuova scoperta

    Una coppia di ricercatori ha identificato la più antica descrizione, in un antico testo cinese, di un’aurora finora rinvenuta, secondo un articolo pubblicato in aprile sulla rivista Advances in Space Research. Gli autori fissano la data probabile dell’evento al 977 o al 957 a.C.. La descrizione più recente di un’aurora si trova su tavolette cuneiformi assire datate tra il 679-655 a.C., tre secoli dopo.

    Il ricercatore indipendente Marinus Anthony van der Sluijs e Hisashi Hayakawa dell’Università di Nagoya si sono basati sul testo antico conosciuto come Annali di Bambù per la loro nuova analisi.

    Gli Annali di Bambù

    Gli Annali di bambù sono una cronaca dell’antica Cina, scritta su strisce di bambù, che inizia con l’età dell’Imperatore Giallo e attraversa il cosiddetto periodo degli Stati Combattenti (V secolo-221 a.C.), quando gli Stati rivali erano impegnati in un’intensa competizione.

    Annali di Bambù

    Il testo originale consisteva in 13 rotoli andati perduti durante la dinastia Song (960-1279 d.C.). Esistono ancora due versioni degli Annali di Bambù. Una è nota come “testo attuale”, costituita da due rotoli stampati alla fine del XVI secolo. Molti studiosi ritengono che questo testo sia un falso, date le numerose discrepanze tra il suo testo e parti dell’originale citate in libri più antichi, anche se alcuni studiosi hanno sostenuto che alcune parti potrebbero essere fedeli al testo originale. L’altra dovrebbe essere una copia dei testi antichi.

    Un’aurora millenaria

    Il testo descrive la comparsa di una “luce a cinque colori” visibile nella parte settentrionale del cielo notturno verso la fine del regno del re Zhao della dinastia Zhou. Le aurore tendono a essere visibili solo nelle regioni polari perché le particelle seguono le linee del campo magnetico terrestre, che si aprono a ventaglio in prossimità dei poli. Ma potenti tempeste geomagnetiche possono far sì che gli ovali aurorali si espandano a latitudini inferiori, spesso accompagnati da luci multicolori. Secondo gli autori, nel X secolo a.C. il polo magnetico nord della Terra si trovava a circa 15 gradi più vicino alla Cina centrale rispetto a oggi, per cui gli abitanti del luogo potrebbero aver assistito a tali manifestazioni.

    Anche se tecnicamente si tratta di un’aurora non confermata, “l’esplicita menzione dell’osservazione notturna esclude le manifestazioni diurne dell’ottica atmosferica, che talvolta imitano gli eventi”, scrivono gli autori. Inoltre, “il verificarsi di un fenomeno multicolore nel cielo settentrionale durante la notte è coerente con le manifestazioni aurorali visive nelle regioni delle medie latitudini”. Secondo van der Sluijs e Hayakawa, la traduzione del testo corrente del XVI secolo del passaggio in questione descriveva l’evento come una “cometa”, piuttosto che come una “luce a cinque colori”, motivo per cui l’aurora non è stata identificata finora.