Ci sono giochi che fin dalle premesse hanno quel fattore X, quel primo impatto che ti conquista e ti fa venire una gran voglia di prendere il pad in mano e staccare il telefono per un po’ di tempo. Questo non accade necessariamente per fattori tecnici: a volte basta il semplice e puro divertimento.

Lego Marvel Super Heroes 2 sicuramente fa centro (per senza stravolgere gli elementi base) per quello che noi di Player.it abbiamo avuto modo di vedere e toccare con mano alla presentazione milanese organizzata da Warner Bros.

QuesLego Marvel Super Heroes 2to secondo titolo Lego dedicato ai super eroi dell’universo Marvel è stato sviluppato da Traveller’s Tales, lo studio britannico fondato nel lontano 1989 e successivamente acquisito da Warner Bros nel 2007. Dopo un primo tutorial che ci ha permesso di prendere confidenza con i comandi ci siamo ritrovati ad affrontare il primo boss…e che boss! Un enorme Celestiale in grado di occupare per intero lo schermo nonostante fosse immerso nella baia cittadina fino alla cintola. Lo scontro è assolutamente spettacolare e ben intrecciato con la storia.

Quindi avremo modo di dover più volte adattare il nostro stile di gioco all’evoluzione dello scontro.
Ad esempio Star Lord può utilizzare le mine gravitazionali (gravity mines), veri e propri congegni implosivi. Sì, avete letto bene, in pratica ordigni implosivi in grado di attirare i frammenti e i nemici nei paraggi facendoli collassare. Si tratterà, quindi, di utilizzare il personaggio più adatto per ogni scontro e ogni situazione. Il villain sarà Kang Il Conquistatore, il quale ci darà del filo da torcete essendo in grado di manipolare lo spazio e (soprattutto) il tempo.

Già, la manipolazione del tempo è uno degli elementi chiave di questo Lego Marvel Super Heroes 2. Per la cronaca, durante il primo scontro con il gigantesco Celestiale, riavvolgere il tempo sarà a dir poco fondamentale per colpire e indebolire il boss. Come se non bastasse il nostro punto di partenza per le varie avventure sarà rappresentato dalla città di Chronopolis, una sorta di territorio atemporale in cui convivono diverse epoche. Dall’antico Egitto, fino alla New York del 2099. Altro elemento di sicuro interesse è il numero esorbitante di personaggi. A onor del vero ne abbiamo potuti vedere pochi in azione nella demo ma il numero di slot da sbloccare fa davvero ben sperare e nel capitolo precedente probabilmente erano addirittura in numero maggiore, ma bisognerà valutare in sede di recensione. Si va dai vari Iron Man, Loki, Doctor Octopus, Thor, Hulk, Dr. Strange, al già citato Star-Lord, Drax, Groot (e Baby Groot ovviamente) e moltissimi altri.

Lego Marvel Super Heroes 2
Baby Groot non poteva mancare

La versione testata era ancora in lingua originale ma ci hanno assicurato che la nostra sarà interamente localizzata. A questo LINK potete visionare un trailer del gioco.

L’evento non si è esaurito sugli eroi Marvel ma ha visto la presentazione di Cars 3: driven to win, gioco tratto dal prossimo capitolo del fortunato franchise in uscita questo settembre.

Cars 3
In realtà non si tratta di una versione giocabile del film ma di una vera e propria estensione del film dato che le vicende narrate nel gioco sono il proseguo di quelle narrate nel lungometraggio. Il titolo, sviluppato da Avalanche software si presenta da subito come un racing game a la Mario Kart, coloratissimo e ipervitaminizzato. Ogni angolo della scena è costellato da effetti di luce, fuoco e fiamme dagli scarichi dei bolidi. Inutile dire quanto le piste saranno piene zeppe di bonus da raccogliere e di passaggi “segreti” per rendere l’esperienza più arcade.

Anche le modalità di gioco saranno 5, andando dalla classica gara di velocità,  ad una sorta di gara armata e all’ultimo sangue , passando per una divertentissima modalità acrobatica chiamata Stunt Showcase. In quest’ultima dovremo gestire la nostra macchina un po’ come se fossimo dei Tony Hawk a quattro ruote, inanellando una serie di trick e manovre per ottenere punti.

La fisica del gioco, come prevedibile, non è particolarmente accurata e anzi a volte ha dato l’impressione di apparire e scomparire in base alle esigenze “di scena”, esagerando certe reazioni e perdonando errori di guida piuttosto evidenti. Avremo modo di caricare le tacche del nostro turbo attraverso i bonus in pista ma non solo: potremo anche ricaricarlo guidando più abilmente.

Ma è divertente? Sì, senza ombra di dubbio è un titolo che potrebbe regalare parecchie ore di divertimento spensierato anche a chi non è un fan accanito dei film, grazie a più di 20 diverse piste (non tutte ex novo ad essere onesti).

Attraverso lo split screen sarà possibile utilizzare la modalità multiplayer e saranno presenti moltissimi “achievements” da sbloccare, come ad esempio
-riuscire a guidare per tot tempo/strada in retromarcia-, per citarne una. Il gioco, nella versione provata, era completamente doppiato in italiano con le voci degli attori originali della serie.

Il comparto tecnico è sembrato solido garantendo i 60 fps anche nelle situazioni più affollate.

Infine ecco qualche data: Cars 3: driven to win sarà il primo titolo ad arrivare sugli scaffali il 14 settembre 2017  in concomitanza col l’uscita del film nelle sale. Secondo tradizione Avalanche, Cars 3: driven to win sarà disponibile per un numero piuttosto elevato di piattaforme: PS4, Xbox One, PC, Nintendo Switch oltre a Xbox 360, Wii U e PS3.

Per avere Lego Marvel Super Heroes 2 dovremo attendere il 17 di novembre su PC, Xbox Ones e PS4 anche se è probabile che per settembre i possessori di Nintendo Switch potranno mettere le mani sul titolo in anteprima.

Quanto lo hai trovato utile/interessante? Faccelo sapere con un voto!