Atari, non solo gaming ma anche blockchain e criptovalute

Atari è senza dubbio uno dei brand più iconici del gaming ma l’azienda pur continuando ad esistere nel settore videoludico ha deciso di espandere i propri orizzonti a blockchain e criptovalute

Atari si divide nelle divisioni Gaming e Blockchain

Dopo la notizia che Atari sta lanciando il proprio casinò crittografico, la società di giochi ha annunciato che si dividerà in due. Un braccio si concentrerà sui giochi, mentre l’altro sarà guidato dall’attuale CEO Frédéric Chesnais e supervisionerà blockchain e criptovaluta.

Per fortuna, questa notizia non influirà sulla prossima console Atari VCS.

Atari Blockchain gestirà (come probabilmente avrete intuito) la nuova criptovaluta Atari Token, oltre a indagare su nuove opportunità blockchain, NFT e mondi online (presumibilmente riferendosi al casinò crittografico di Atari e alle iniziative associate).

Questi cambiamenti alla struttura di Atari hanno avuto effetto immediato.

Atari blockchain e criptovalute

Cos’è la divisione Blockchain di Atari?

Atari Blockchain, come accennato, esaminerà una vasta gamma di asset legati alle criptovalute posseduti o scambiati da Atari.

Il discorso sulla criptovaluta di Atari, l’Atari Token (ATRI), è iniziato nel lontano 2018. Quindi, nel novembre 2020, il token Atari è diventato disponibile per l’acquisto, il che significa che potete investire nella valuta della società californiana.

Potete quindi scambiare il token Atari con denaro reale, proprio come il Bitcoin, oppure usarlo per acquistare crediti di gioco nel Casinò Atari (scambiando qualsiasi vincita in ATRI con denaro). Atari intende inoltre utilizzare il token Atari all’interno del nuovo ecosistema VCS per pagare giochi e servizi.

Il comunicato stampa ufficiale dichiara:

“Dato il lancio dell’Atari Token, l’obiettivo primario di questa divisione sarà il continuo sviluppo dell’Atari Token attraverso ulteriori casi d’uso e l’integrazione nell’ecosistema Atari (come pagamento per beni digitali all’interno del VCS, all’interno dei giochi Atari su blockchain, e all’interno di giochi o applicazioni di terze parti come opensea.io, Sandbox o Decentraland). Atari continuerà anche a valutare le opportunità nei giochi blockchain, NFT e mondi online basati su blockchain.”

Quindi, c’è molto da aspettarsi in termini di crittografia da Atari, ma per quanto riguarda i giochi?

Cos’è la divisione giochi di Atari?

Abbiamo visto cosa farà Atari Blockchain e come si sovrappone al lato gaming dell’attività di Atari, quindi cosa gestisce Atari Gaming?

Le responsabilità di Atari Gaming rientrano in tre ambiti distinti; Giochi, VCS e licenze. Sebbene le due divisioni (blockchain e gaming) siano apparentemente in parte collegate, Atari vuole trattarle come entità separate.

Parlando di giochi, Atari aggiunge:

Atari continuerà a operare e sviluppare i suoi giochi mobili free-to-play di successo. Inoltre, il nuovo focus sarà spostato su console e PC, con un’enfasi sulla rivitalizzazione della classica proprietà intellettuale Atari per l’era moderna. Queste nuove versioni condivideranno il divertimento immediato dei classici, introducendo al contempo una significativa campagna per giocatore singolo, co-op e multiplayer online”.

Quindi, sembra che la roadmap “Gaming” di Atari Gaming includa il dare un tocco di vernice ai vecchi classici Atari e portarli ai giorni nostri.

Per quanto riguarda invece l’atteso VCS:

Atari continuerà a supportare Atari VCS attraverso contenuti significativi di terze parti e contenuti esclusivi di prima parte … Atari lavorerà per supportare [la creatività] mettendo a disposizione strumenti che consentiranno ai creatori di progettare i propri giochi classici Atari (a partire dall’Atari 2600). Con l’obiettivo finale di semplificare la creazione, la condivisione e la riproduzione di contenuti di gioco retrò nell’era moderna.

Come riportato da Michael Arzt, COO di Atari VCS, non solo i possessori di VCS potranno giocare ai classici giochi Atari, ma potranno anche crearne alcuni.

Infine, Atari Gaming si occuperà delle licenze:

Atari e il suo catalogo di giochi classici continuano ad essere alcuni dei marchi più riconoscibili al mondo. Atari continuerà a sfruttare questa notorietà sia nei settori dei giochi che in quelli non legati ai giochi (inclusi hotel e casinò). Più di recente, Atari ha riscontrato un enorme successo nel concedere in licenza i marchi correlati ad Atari per l’uso in NFT.

Come possiamo vedere, nonostante abbiano due bracci separati per Blockchain e Gaming, l’intenzione è di integrarli, in una sorta di crossover, quando ce ne sarà la possibilità.

Una mossa audace per Atari

Questa è una mossa coraggiosa per Atari. Tuttavia, il marchio ha resistito a molte tempeste negli ultimi tempi e forse delle scelte così audaci sono proprio il frutto dei “fallimenti” passati.

Detto questo, siamo entusiasti di scoprire dove ci porteranno i nuovi percorsi tracciati da Atari. Il suo casinò crittografico sembra aver suscitato molto scalpore, e si spera che non saranno da meno il VCS, il blockchain e la criptovaluta,

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!
outriders come attivare il crossplay

Outriders: come abilitare il crossplay

deathloop

Deathloop, il nuovo gioco di Arkane Studios, è stato rinviato a Settembre