Cinque videogiochi che sono diventati universi paralleli al nostro

    videogiochi e multiverso

    Certi videogiochi, molto più di altri, sono stati in grado di diventare veri e propri fenomeni di massa grazie alla loro capacità di creare una community talmente ampia e coesa da poter essere considerata come la popolazione di un piccolo stato. Questo accade soprattutto con i titoli multiplayer online che permettono a milioni di giocatori provenienti da tutto il mondo di giocare insieme, partecipare a eventi tematici o semplicemente incontrarsi virtualmente attraverso le sembianze dei propri avatar.

    Questi videogiochi hanno letteralmente trasceso il significato di videogioco divenendo nel tempo piattaforme a 360 gradi su cui è possibile non solo videogiocare nel senso stretto del termine, ma anche essere adottate come riflesso della vita di tutti i giorni, come succede con i social network. Questi prodotti possono essere considerati addirittura degli universi paralleli al nostro perché chi decide di dedicarcisi in modo zelante lo fa come se stesse vivendo una seconda vita, in cui però vigono le regole dell’universo di appartenenza.

    In questo articolo, andiamo ad analizzare brevemente il modo in cui cinque specifici videogiochi smettono di essere tali per diventare parte di quello che viene definito multiverso, ovvero dimensioni esistenti al di fuori del nostro spaziotempo. Questo discorso esula dal fattore qualità, si tratta di prodotti che possono anche non piacere per il loro modello di business, ma che hanno oggettivamente ampliato il concetto di videogioco.

    Minecraft

    Minecraft è uno degli esempi più vividi di come un’idea semplice possa cambiare completamente e convertirsi in una realtà più grande e più strutturata grazie al supporto di una community attiva e, soprattutto, alla sua capacità di integrarsi perfettamente alla creatività dei giocatori che hanno trovato in Minecraft terreno fertile per mettere radici e stabilirsi come avventurieri che scoprono un’isola felice.

    Il gioco di Mojang, nato come indie, oggi è il prodotto di intrattenimento più venduto in assoluto con più di 200 milioni di copie piazzate; di base, il tiolo consente agli utenti di creare strutture e oggetti utilizzando blocchi in un ambiente tridimensionale. La sua popolarità è cresciuta esponenzialmente anche grazie all’attività dei content creator su YouTube, nei primi anni della suo ciclo vitale. Le sue meccaniche di world building hanno fatto sì che diventasse un fenomeno di massa che ha generato una vasta comunità di giocatori impegnati nel costruire mondi inediti o replicare quelli esistenti.

    Questa comunità ha creato un gran numero di mod e contenuti personalizzati che ampliano le funzionalità del gioco originale. Inoltre, ci sono anche molti server Minecraft che offrono una vasta gamma di esperienze, come la creazione di mondi condivisi, giochi di ruolo, minigiochi e molto altro.

    In questo senso, Minecraft può essere considerato una sorta di universo parallelo perché consente agli utenti di creare e condividere il loro mondo virtuale con gli altri giocatori, creando una comunità attiva e creativa. Inoltre, la vasta gamma di modalità di gioco e di contenuti personalizzati offerti dalla comunità rende possibile per gli utenti di vivere esperienze uniche e personalizzate all’interno del gioco.

    Fortnite

    Fortnite non ha bisogno di presentazioni, è il battle royale più famoso sul mercato, sviluppato da Epic Games, combina elementi di costruzione, combattimento e gestione delle risorse. Il gioco è stato lanciato nel 2017 e si è rapidamente diffuso diventando un fenomeno di massa.

    Una delle ragioni per cui Fortnite è diventato così popolare è la sua accessibilità: il gioco è gratuito e disponibile su molte piattaforme, tra cui PC, console e dispositivi mobile. Inoltre, Fortnite ha adottato un modello di gioco “live service”, in cui gli sviluppatori continuano a rilasciare contenuti aggiornati, eventi e sfide per mantenere i giocatori impegnati e interessati.

    Il gioco ha anche una forte componente sociale, con funzionalità come la chat vocale e la possibilità di giocare con amici e creare squadre. Inoltre, Fortnite ha anche una scena competitiva attiva con tornei e campionati ufficiali e non ufficiali.

    È proprio questa componente sociale a rendere Fortnite una sorta di universo parallelo perché offre un’esperienza di gioco che va al di là del connettersi per farsi una partita veloce con gli amici, Fortnite non ha solo creato una comunità attiva all’interno di un mondo di gioco in cui si combatte per vincere, la coinvolge anche in attività che non hanno nulla a che vedere con il gameplay vero e proprio, basti pensare ai concerti di star internazionali a cui è possibile assistere.

    Fortnite ha ospitato numerosi concerti virtuali in cui artisti famosi si sono esibiti in diretta all’interno del gioco. Questi concerti sono stati organizzati utilizzando la modalità Party Royale, una modalità di gioco che consente ai giocatori di incontrarsi e interagire in un ambiente pacifico e privo di combattimenti. Altri eventi extra-gioco che Fortnite ha organizzato includono sfilate di moda, premiazioni ed eventi cinematografici.

    World of Warcraft

    World of Warcraft (WoW) è un MMORPG sviluppato e pubblicato da Blizzard Entertainment. Il gioco è stato lanciato nel 2004 e si è rapidamente affermato come uno dei giochi di ruolo online più popolari di tutti i tempi.

    Una delle ragioni per cui WoW è diventato così popolare è la sua profondità e la quantità di contenuti disponibili. Il gioco offre un vasto mondo immersivo pieno di personaggi, quest, dungeon, raid e molto altro. Inoltre, WoW ha una forte componente sociale, punto in comune con altri giochi che sono diventati fenomeni di massa. Infatti, è la componente social che fa sì che un prodotto nato per uno scopo diventi altro, ampliando le proprie funzionalità.

    Il gioco ha subito numerose evoluzioni nel corso degli anni, con l’aggiunta tramite espansioni di nuove aree, personaggi, trame e meccaniche di gioco, mantenendo così l’interesse dei giocatori. Le attività che maggiormente svolgono un ruolo sociale sono i raid, dove i giocatori si uniscono in gruppi di decine o anche centinaia di giocatori per affrontare boss impegnativi e ottenere ricompense rare, e soprattutto le gilde.

    In WoW, le gilde consentono ai giocatori di unirsi in gruppi di giocatori che condividono gli stessi obiettivi e interessi. Le gilde possono offrire molti benefici come la cooperazione per le attività di gruppo, la creazione di amicizie e alleanze, e la possibilità di competere contro le altre gilde. Questo fa sì che la community si senta davvero parte di un mondo fantasy con le sue regole, le sue leggi e le sue particolarità storico-sociali.

    Siamo tutti Leeeroy Jenkins!

    GTA V

    La serie di GTA è sempre stata improntata perlopiù sul gioco in singolo, non fa eccezione GTA V che, però, ha anche raggiunto uno status diverso dagli altri capitoli grazie al suo ciclo vitale molto più longevo e alla modalità Online. GTA V vive e lotta insieme a noi dal 2013, infatti, ha visto ben tre generazioni di console, dal suo rilascio nella settima (PS3, Xbox 360) alla sua riedizione next-gen nella nona (PS5, Xbox Series X), passando ovviamente per l’ottava (PS4, Xbox One).

    Come ha fatto a sopravvivere così a lungo? Un grande aiuto è arrivato da GTA Online, la modalità multiplayer di GTA V che lo ha reso simile a un universo parallelo al nostro, soprattutto se si pensa alla componente ruolistica che i giocatori hanno adottato grazie a delle mod fatte ad hoc.

    Una delle caratteristiche più popolari nella comunità di GTA V è proprio il roleplay attuabile nella sua modalità online. I giocatori utilizzano una mod per creare personaggi personalizzati e vivere esperienze di gioco immersivo e realistico all’interno del gioco. Queste mod di roleplay, spesso chiamate “RP servers”, creano un ambiente in cui i giocatori possono interpretare un personaggio e vivere una vita virtuale, con regole e una trama stabilite.

    I server più affollati e popolari sono NoPixel, Los Santos Life RP, West Coast RP e Eclipse RP, ognuno dei quali ha regole ben precise che vanno rispettate, come ad esempio un sistema di professioni rigido in cui ogni giocatore deve fare il proprio dovere in base alla professione scelta.

    Pokémon

    La serie di videogiochi Pokémon ha una lunga storia e una vasta gamma di giochi che hanno contribuito a creare una comunità molto forte. La serie di giochi è incentrata sull’idea di catturare e addestrare creature chiamate Pokémon, e di utilizzarle per competere contro gli allenatori degli altri giocatori, proprio come avviene nell’anime.

    La serie di giochi Pokémon include diverse opzioni per la socializzazione e la competizione tra i giocatori. Ad esempio, i giochi principali della serie, come Pokémon Rubino, Zaffiro e Smeraldo, Pokémon Nero e Bianco, Pokémon X e Y, e Pokémon Sole e Luna, presentano la possibilità di giocare con amici in modalità di co-op e di sfidare gli altri giocatori in combattimenti.

    Inoltre, ci sono anche giochi come Pokémon Mystery Dungeon: Explorers of Time, Explorers of Darkness e Explorers of Sky, che consentono ai giocatori di giocare con amici in modalità di co-op e di competere contro gli altri giocatori.

    Uno dei giochi Pokémon più noti per la sua componente sociale è Pokemon GO. Il gioco è stato lanciato nel 2016 e utilizza la realtà aumentata per consentire agli utenti di catturare Pokémon in ambienti reali. Il gioco ha incoraggiato milioni di persone (anche non avvezze ai videogiochi) a uscire e camminare per catturare Pokémon, condividendone l’esperienza in real life.


    Leggi anche: Videogiochi e Transumanesimo: dieci titoli per approfondire l’argomento