Perché spero che il prossimo gioco di Toyama (Silent Hill) sia un j-horror

Fra le notizie videoludico di questo strano inizio 2021, una delle più rumorose è il ritorno sulla scena di Keiichiro Toyama (Silent Hill, Siren e Gravity Rush) sulla scena con un nuovo progetto horror assieme al team fondato lo scorso anno con altri creativi, Bokeh Studio.

Un progetto ancora avvolto nel mistero, di cui sappiamo solo pochi e sparuti dettagli non ben collegati, ma che ha almeno un paio di elementi stuzzicanti: il coinvolgimento dello stesso Toyama, ovviamente, ma anche il suo ispirarsi a un’ambientazione poco utilizzata nell’horror videoludico mainstream: l’Asia.

Che a oltre dieci anni dall’ultimo Siren Toyama stia per tornare al j-horror?

In questa story, i motivi per cui sarebbe davvero una notizia interessante.

Keiichiro Toyama, Bokeh Studio, Keiichiro Toyama nuovo gioco horror, j-horror, horror asiatico, horror giapponese
Keiichiro Toyama nell’intervista in cui ha raccontato un po’ del suo prossimo gioco

Toyama e il suo progetto

Prima di tutto, i fatti.

Attraverso una serie di news uscite fra dicembre e febbraio, sappiamo che:

  • Keiichiro Toyama ha lasciato Japan Studio (che sembra navigare in cattive acque, ahinoi);
  • Ha fondato un nuovo team di sviluppo (Bokeh) assieme a vecchi collaboratori come Kazunobu Sato e Junya Okura;
  • Il primo progetto sarà come detto un horror dalle ambientazioni malsane e popolato da creature dall’aspetto terrificante.

Poco sappiamo di questo gioco, anche se possiamo iniziare ad annusarne l’atmosfera attraverso una serie di concept diffusi in un video dallo stesso Bokeh Studio. Da quel che possiamo vedere, il gioco di Toyama dovrebbe essere un horror o fanta-horror contraddistinto da un’ambientazione cittadina che, stando a ciò che ha affermato lo stesso game designer, si rifarebbe alle atmosfere delle città asiatiche.

Scorci claustrofobici, situazioni macabre e malsane, creature uscite fuori dai più assurdi deliri di Junji Ito (Tomie).

In mezzo, le dichiarazioni di Toyama circa la sua volontà di voler costruire un horror in cui

L’idea è di (vedere) scossa la vita quotidiana. Piuttosto che mostrare cose spaventose, dovrebbe mettere in discussione la nostra posizione, farci dubitare il fatto che viviamo pacificamente.

Un setting/mood che non solo appaiono molto diversi dai setting di Siren (in cui una cittadina è caduta preda di una terribile maledizione), di Silent Hill (stessa cosa, ma in salsa U.S.A.) e distanti anni luce da Resident Evil, ma che si avvicina soprattutto alla filosofia dell’horror giapponese.

Un genere che, pur muovendosi nella scia del canoni del racconto di paura “internazionale”, si basa su tematiche molto particolari che non sempre il videogioco nipponico è riuscito a sfruttare in maniera autonoma.

Keiichiro Toyama, Bokeh Studio, Keiichiro Toyama nuovo gioco horror, j-horror, horror asiatico, horror giapponese
L’ultimo artwork diffuso da Bokeh in merito al suo primo gioco dell’orrore, intenso ed enigmatico

Come già detto, le informazioni sul primo “cucciolo” di Bokeh sono ancora poche. Tuttavia, con uno sforzo di immaginazione neanche troppo esoso possiamo notare che buona parte degli screen ci regalano scorci propri di film che potrebbero essere Ringu (The Ring) o Ju-On (The Grudge). Per di più, ricordiamoci che nonostante l’ambientazione U.S.A. di Silent Hill, Toyama non è nuovo all’utilizzo del Giappone come setting per storie nere: Siren e i suoi sequel erano infatti giochi costruiti attorno a un folk-horror declinato in salsa giapponese, con città fatte di case in legno affastellate l’una sull’altra o villaggi rurali sperduti nella nebbia in cui l’orrore sembra abitare nella casa accanto.

E a questo punto, veniamo al sodo: a giudizio di chi scrive, il ritorno di Toyama la genere sarebbe un’occasione molto ghiotta per i giocatori di vivere col pad in mano le atmosfere di un genere davvero affascinante e che, se qualche anno fa si era imposto come novità nell’horror cinematografico mondiale, oggi è passato di moda.

J-Horror: un genere mai troppo battuto

L’horror giapponese ha una storia antica fatta non solo di molte opere interessanti come film, romanzi, manga (ovviamente) e anime, ma soprattutto di un’atmosfera e di un codice espressivo che solo pochi giochi di respiro internazionale sono riusciti a sfruttare.

Keiichiro Toyama, Bokeh Studio, Keiichiro Toyama nuovo gioco horror, j-horror, horror asiatico, horror giapponese
Cadenti case di legno e casalinghe tramutate in Shibito: benvenuti in Siren!

Laddove il nostro horror si imbeve di case gotiche sulle colline, cimiteri vittoriani o ancora castelli, l’horror asiatico e in particolare nipponico si nutre di cigolanti case medioevali, tempi shintoisti maledetti e, soprattutto, spettri e creature da incubo che nascono da una quotidianità normale solo in apparenza.

Il folklore orrorifico del Sol Levante si alimenta di situazioni se possibile ancora più spaventose e viscerali rispetto a quello occidentale, più incentrato su una certa “lontananza” dall’orrore, dovuta al decadere dello stile di vita “rurale”.

Keiichiro Toyama, Bokeh Studio, Keiichiro Toyama nuovo gioco horror, j-horror, horror asiatico, horror giapponese
Ah, i dolci paesi dell’entroterra nipponico…

Si tratta di escamotage spaventosi che solo in parte sposano quelli della scuola di derivazione anglosassone, incarnando una concezione dell’orrore molto più interiore.

Ringu, pur essendo in fondo la solita storia del fantasma vendicatore, mette in scena quest’ultimo come una sorta di inquietante presenza “infestante”, un orrore impossibile da sradicare. I manga di Junji Ito e Kazuo Umezz (attivo soprattutto negli anni ’70 e ’80) sono forse ancor più disturbanti, raccontando di inquietanti demoni dall’aspetto avvenente che fanno impazzire gli uomini (Tomie di Ito), di mature attrici che scelgono di fare uno scambio di cervello con la figlia adolescente per ottenere una nuova giovinezza (Baptism di Umezz).

Keiichiro Toyama, Bokeh Studio, Keiichiro Toyama nuovo gioco horror, j-horror, horror asiatico, horror giapponese, Junji Ito
Tutta la produzione manga di Junji Ito si basa su un uso disturbante della quotidianità sovvertita

Un’impostazione simile è ovviamente adottata in molti videogiochi giapponesi, ovviamente adattata a esigenze sceniche molto diverse.

In Siren, ancora di Toyama, la minaccia è quella di una schiera di persone tramutate in incarnazioni di una divinità mostruosa del folklore nipponico, che fa di un intero villaggio lo scenario di un horror apocalittico.

Nei Fatal Frame, dei coraggiosi quanto stupidi eroi sfidano antiche case giapponesi per fotografare spettri di persone morte in circostanze misteriose. In molti giochi indie giapponesi, la minaccia è data da spiri infestanti o da minacce che vivono nelle pieghe di una quotidianità fatta non-luoghi come strade, scuole, case all’apparenza innocue.

E questi sono solo i giochi di produzione nipponica, ma atmosfere simili possono essere trovate anche nelle produzioni di altri paesi asiatici come la Thailandia, Taiwan o Corea.

Keiichiro Toyama, Bokeh Studio, Keiichiro Toyama nuovo gioco horror, j-horror, horror asiatico, horror giapponese, Kazuo Umezz
Baptism di Kazuo Umezz: l’opulenza del Giappone anni ’70 incontra l’orrore più assoluto

Si tratta di un bagaglio culturale immenso e accattivante per un gioco horror, che se sfruttato può dar vita a delle creazioni interessanti, ma probabilmente di non facile spendibilità al di fuori del Giappone: non è un caso che in occidente serie come Fatal Frame o Siren abbiano attecchito poco, e come la pur fortunatissima tradizione giapponese del gioco dell’orrore sia diventata famosa per due saghe che hanno giocato a rielaborare all’infinito figure retoriche dell’horror occidentale, ovvero Silent Hill (che tuttavia ha ereditato varie caratteritische dall’horror giapponese “nativo”) e Resident Evil.

Ora però forse è arrivato il momento di una piccola innovazione.

Keiichiro Toyama, Bokeh Studio, Keiichiro Toyama nuovo gioco horror, j-horror, horror asiatico, horror giapponese, the ring, ringu, Hideo Nakata
Ringu (1998)

Un’occasione da non perdere

Dar voce alle proprie aspettative per un videogioco accompagnato da un alone così misterioso è un rischio, ma le premesse che abbiamo descritto fanno passare qualche pudore.

Gli indizi per un sostanzioso “J-horror game” ci sono, visti sia i precedenti di Toyama sia alcuni segnali, come la fuoriuscita dello stesso director da Japan Studio, controllato da una Sony che alcuni dicono non interessata a storie dal tono “troppo asiatico” (ne abbiamo parlato in questa news). Infine, a stuzzicare sono le stesse parole dell’autore.

Keiichiro Toyama, Bokeh Studio, Keiichiro Toyama nuovo gioco horror, j-horror, horror asiatico, horror giapponese
Un altro artwork del nuovo gioco del maestro Toyama

In cosa si potrebbe concretizzare tutto ciò?

Forse in una piccola novità nel panorama sì straordinario ma ormai “stabilizzato” del gioco horror, fatto di saghe rinate e dominanti (Resident Evil) e di una galassia di bellissimi esempi di giochi sperimentatori come Outlast o Amnesia, ma che forse ha bisogno di nuovi attori interessanti. Non va dimenticato inoltre che un altro grande del genere, come Shinji Migami (papà di Resident Evil) ha costruito il suo prossimo Ghostwire Tokyo su un racconto soprannaturale della capitale nipponica.

Che una nuova voga del genere, forse trainata dal successo dei manga horror all’estero, stia per arrivare?

Che la next gen dell’horror parli per lo più giapponese?

Cosa ne pensate?

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Fabio Antinucci

30 anni (anagraficamente, in realtà molti di più) ha alle spalle esperienze come copywriter, redattore multimediale e critico cinematografico, letterario e fumettistico, laureato con una tesi triennale su Il Cavaliere Oscuro di Christopher Nolan e una magistrale su From Hell di Alan Moore.
Appassionato di letteratura horror e fantastica, divoratore di film di genere di pessima lega (ma ha nel cuore pezzi da novanta come Kubrick, Mann e Kurosawa), passa le sue giornate fra romanzi di Stephen King, graphic novel d’autore e fascicoletti di Batman.
Scrive (male) da una vita, e ha pubblicato un romanzo breve (Cacciatori di morte) e due librigame (quelli della saga di Child Wood).
Crede che il gioco sia una forma di creazione e libertà, capace di farti staccare la spina e al contempo di far riflettere, ragionare, commuoverti e socializzare. Per questo gioca di ruolo da dieci anni (in particolare a Sine Requie, D&D, Vampiri la Masquerade e Brass Age) per questo adora perdersi di fronte alla sua Play.
È innamorato del videogioco grazie a Hideo Kojima e al primo Metal Gear Solid, al quale ha giurato amore eterno, ma col tempo ha imparato ad amare gli open-world, gli action-adventure, gli rpg all’occidentale, i punta e clicca, a una condizione: che raccontino una bella storia.

deathloop

Deathloop, il nuovo gioco di Arkane Studios, è stato rinviato a Settembre

Destroy All Humans! 2 sta per avere un remake