Foodtruck Arena, ovvero Rocket League se fosse un programma di DMAX | Mini Recensione (Switch)

foodtruck arena copertina

In queste torride giornate estive, con la fine delle varie restrizioni, si ricomincia ad uscire e a riprendere quelle sane abitudini come vedere gli amici, fare lunghe passeggiate sul lungomare e abbuffarsi di street food dal porchettaro di fiducia.

Ma vi siete mai chiesti come fanno gli esponenti del cibo da strada ad affermare il proprio dominio sulle zone della città?

A questa domanda provano a rispondere il team di Cat-astrophe Games con Foodtruck Arena, gioco in cui vari cuochi si sfidano a Foodball con i loro furgoncini.

1 – 1 Pomodoro al centro

Le partite di Foodball si svolgono in maniera semplice da 2 a 4 chef si sfidano in un campo rettangolare cercando di spingere con il loro furgoni un enorme pomodoro nella porta dell’avversario.

Ogni chef proporrà un tipo di cucina diversa ed ogni foodtruck sarà equipaggiato con un power up a tema per ostacolare chiunque gli si pari di fronte, ad esempio Jean Pierre il gelataio francese avrà a disposizione un raggio per congelare gli avversari mentre l’italianissimo Ismael con il suo furgone delle pizze potrà rilasciare scivolose chiazze di salsa nell’arena.

Foodtruck arena 1v1
Le pinze di Marisol sono micidiali!

Il gioco offre principalmente due modalità di gioco: Partita rapida e Torneo.

In questa seconda modalità affronteremo una vera e propria carriera single player lanciandoci in un world tour in cui sfideremo i cuochi in giro per il mondo.

Principalmente le partite vengono giocate o con un limite di tempo o con un limite di goal. A rendere queste sfide leggermente più piccanti ci troveremo spesso a giocare su campi dotati di rilievi e avvallamenti che modificheranno la morfologia dell’arena.

Sconfiggendo i vari cuoi si potranno sbloccare nuove skin per il proprio furgone, nuovi personaggi e nuove arene. La modalità torneo è pensata per essere rigiocata con personaggi diversi dato che ognuno di loro affronterà 7 sfide uniche per sbloccare vari contenuti.

Un vero mappazzone

Nonostante ci siano tutte le premesse per un titolo che non sia semplicemente un Rocket League coi Foodtruck, la realtà è ben diversa.

Tolte le musiche chill e il design colorato dai toni pastello, il gameplay risulta abbastanza lento e stucchevole.

Le partite in generale risultano assembramenti di furgoncini che si ammassano arrancando per spingere la palla pomodoro in porte minuscole che possono essere prese solo se si tira dritto davanti a loro.

In single player alcune partite sono state davvero ardue dato che alcuni personaggi hanno poteri eccessivamente forti o fastidiosi rispetto alla media. Per dirne uno: l’americano, ad esempio, è capace di cambiare il colore della porta all’ultimo generando odiosi autogol; l’indiana, invece, è capace di invertire i comandi generando il panico nel giocatore.

Tutto ciò, unito a comandi veramente legnosi, fa perdere molto tempo in manovre scomodissime invece che nell’inseguimento della palla. Non esattamente ciò che chiamiamo divertimento.

foodtruck arena 2v2
Chi vincerà?

Qualche giorno fa un uomo saggio disse “Un videogioco per divertire non deve essere per forza un capolavoro”, ed è proprio per questo che dai trailer Foodtruck Arena mi aveva dato l’idea di quel giochino fresco e divertente da fare su Switch con gli amici o standomene comodamente buttato sul letto con il ventilatore a palla.

Invece il gioco lascia parecchio l’amaro in bocca a causa di un gameplay poco dinamico e coinvolgente. Purtroppo un vero peccato dato le ottime premesse messe in campo dal piccolo team.

Un ottimo utilizzo del titolo, invece, è quello di videogioco per i più piccini: il titolo è perfettamente adatto a tale tipologia di utenza visto che è completamente scevro da violenza o crudeltà.

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Diego Del Buono

Classe 1992 Studente di lingue cresciuto a pane e videogames, dalla Super Nintendo a tutta gamma Playstation. Nel 2007, scoperto l'online gaming con World of Warcraft, il suo interesse per il mercato videoludico è cresciuto a dismisura. Il suo sogno è di trasformare la sua passione per i videogames in un lavoro.

Proprio parlando di WoW, spesso lo troverete su Twitch con il suo canale Ilvecchiojameson.

Prime Gaming regala Monkey Island e altri classici LucasArts

the witcher monster slayer

Annunciato The Witcher: Monster Slayer, il gioco in AR dedicato alla saga