Articolo di Guybrush 89

Due anni fa circa un nuovo studio ha pubblicato il suo primo progetto e il successo è stato tale che da perfetti sconosciuti, i Rocksteady sono diventati una delle software house di punta del mercato. Tra qualche giorno nei negozi giungerà il secondo capitolo di questa nuova serie, Batman: Arkham City. Saranno riusciti gli sviluppatori a bissare il successo del primo o si sono spinti oltre? Scopritelo in questa nostra video recensione.


Videorecensione di Batman: Arkham City disponibile sulla GamesVideoTV

IL PROTOCOLLO 10 CAMBIERA’ LA VITA A GOTHAM

Sei mesi sono trascorsi da quando il nostro Batman ha posto rimedio all’incidente dell’Arkham Asylum eppure Gotham City sembra non avere pace. Hugo Strange si è fatto largo nella vita politica di Gotham arrivando a costruire Arkham City, un intera zona della città adibita a carcere di massima sicurezza in cui contenere tutti i detenuti dell’Arkham Asylum e del carcere di Blackgate. Secondo Strange questa Arkham City avrebbe permesso a Gotham di prosperare libera dalla criminalità.


In realtà ci sono 2 grandi “motivi” per cui apprezzare il DLC di Catwoman…

Ad opporsi a questa “città criminale” c’è Bruce Wayne che avvia subito una compagna contro il folle piano del dottore, ma l’influenza di Strange sulla vita politica di Gotham è tale da far arrestare e rinchiudere dentro le mura di Arkham City lo stesso Wayne. Dopo una breve introduzione nei panni del miliardario di Gotham, indosseremo la tuta e da questo momento in poi NOI saremo Batman. Il mix narrativo creato dai Rocksteady ci trasporta in una delle più belle avventure che il cavaliere oscuro abbia mai vissuto dove intrighi e colpi di scena non tarderanno a sorprendervi in un videogioco che sa dare “vita” a uno degli eroi di carta più amato di sempre.

IL MANICOMIO AMPLIA I SUOI SPAZI

Dopo l’esperienza passata in manicomio gli sviluppatori hanno deciso di farci vivere Batman in prima persona portando l’esperienza super eroica ad un nuovo livello: se nel primo capitolo avevamo la possibilità di esplorare “solamente” il manicomio di Arkham e i suoi cortili, questa volta avremo a disposizione un intera città in cui saremo chiamati ad affrontare ogni sorta di crimine, infatti staccandosi un po’ dal suo predecessore, questo nuovo titolo sull’uomo pipistrello va ad affacciarsi sul free roaming portandoci proprio a vivere ”un giorno da Batman”. Potremo fermare pestaggi, aiutare la polizia, trovare ogni genere di collezionabile e affrontare diverse missioni secondarie che non avranno il sapore di qualcosa che va al di fuori della trama ma di qualcosa che pian piano si sviluppa e la completa.
Batman non si ferma un minuto, sventa continuamente crimini, ferma i malvagi, salva gli ostaggi, soccorre i feriti, Batman è un eroe che ha sempre qualcosa da fare ed è proprio questo che hanno pensato i Rocksteady ricreando una città criminale in cui non c’è mai un attimo di pace, ogni angolo dell’Arkham City è disseminato di sfide, nemici, enigmi, collezionabili insomma una città virtuale in cui il giocatore avrà continuamente qualcosa da fare cimentandosi in sfide sempre diverse che non annoiano e vanno ad introdurre differenti  personaggi.


Dannata Pay per view, 1000 canali e mai nulla da vedere!

L’Enigmista sarà il più presente dei personaggi secondari, dopo aver disseminato Arkham City di suoi trofei,
piccole statuette verdi a forma di punto interrogativo, ha rapito alcuni ostaggi che potranno essere salvati solo dopo aver raccolto tot. trofei o aver superato le sue sfide che vanno dall’aumentare il moltiplicatore combo in combattimento, al trovare i grandi punti interrogativi verdi nascosti e visibili solo attraverso la visuale da detective. Dopo aver superato tutte le sue sfide sarà possibile arrivare all’Enigmista e fermarlo una volta per tutte. A differenza del primo titolo, questa volta i trofei non andranno solo trovati ma dovremo quasi sempre scoprire come ottenerli attraverso piccoli enigmi in cui saremmo chiamati a premere tempestivamente il tasto giusto o a trovare gli interruttori nascosti per sbloccare il trofeo.

Zsasz torna anche in questo capitolo come il “centralinista killer” addentrandosi nei meandri di Arkham sentiremo squillare un telefono dal quale Zsasz ci informerà che appena riagganciata la cornetta farà squillare un altro telefono della città al quale dovremo rispondere entro un tempo limite pena la morte di un ostaggio. Ogni volta che risponderemo in tempo saremo in grado, attraverso un semplice minigioco che prevede di spostare, su una mappa, il nostro puntatore su quello del killer, di triangolare la sua posizione e porre così fine al suo sadico gioco.

L’osservatore misterioso comparirà in determinate zone di Gotham e una volta scoperto cambierà luogo fino a rivelare la sua identità cioè…


Allora? Chi è il più forte a braccio di ferro?

Batman è in continuo allenamento ed anche ad Arkham City si tiene impegnato attraversi gli addestramenti R.A. ovvero un sistema di allenamento a Realtà Aumentata che prevede una serie di minisfide basate sull’agilità o sulla destrezza del nostro eroe, come ad esempio quella di planare lungo un percorso regolato da diversi punti di controllo.
Vi saranno infine Dentiere del Joker, statue di Harley Quinn, Pinguini, Marchi del Demone, Palloncini, Telecamere e altro ancora, nascosto ad Arkham City che dovrà essere trovato e distrutto, per un totale di 400 sottomissioni che non lasceranno mai il giocatore senza un obbiettivo da portare a termine.
Prima di essere un supereroe Batman è innanzitutto un detective ed è proprio la modalità investigativa che fa un gradito ritorno anche in questo capitolo in cui dovremo analizzare prove e seguire tracce così da non smarrirsi nei bui vicoli del più grande carcere che il mondo videoludico abbia mai visto.
Il sistema di combattimento e contromosse sviluppato nel primo episodio della serie viene qui oltremodo migliorato grazie alle nuove mosse e alle nuove armi di cui il cavaliere oscuro potrà fare uso.

Oltre ai gadget già visti precedentemente e di cui potremo già far uso all’inizio dell’avventura, Batman entrerà in possesso di un fucile elettrico attraverso il quale avremo la possibilità di attivare i vecchi macchinari lasciati senza corrente per la città, che ci permetteranno di aprire porte, spostare oggetti e anche di disarmare gli avversari.
Altro Gadget interessante è la bomba congelante che paralizza i nemici e crea piccole piattaforme di ghiaccio sulle quali il nostro eroe potrà navigare nelle zone allagate.


Non vi sembra di aver alzato un po’ troppo il gomito?

Il Parco mosse è stato notevolmente ampliato grazie a combo più potenti e alla possibilità di accrescere la resistenza della tuta scegliendo le protezioni antiproiettile e quelle contro i colpi di armi da mischia.
Il rampino e la possibilità di planare saranno il vostro pane quotidiano, infatti sono proprio queste abilità che vi aiuteranno a spostarvi velocemente tra le strade della città.
Se in giro per l’Arkham City ci troviamo ad affrontare un titolo free roaming simile ad Infamous o Prototype è proprio dentro le varie location del gioco quali Acciaieria, Iceberg Lounge, Tribunale, Wonder Tower eccetera, che torniamo a vivere l’azione come succedeva nell’Arkham Asylum proiettandoci nuovamente nel genere di avventura in terza persona: il salto tra i 2 generi è un ottima mossa da parte degli sviluppatori che hanno puntato ad unire egregiamente 2 delle categorie videoludiche più amate dai videogiocatori.

La città creata dai Rocksteady è frutto di un grande lavoro di studio dei dettagli della saga di Batman, girovagando per questa grande metropoli detentiva potremo infatti assaporare un atmosfera cupa e angosciante a metà tra l’aria che si respirava nell’Arkham Asylum e quella asfissiante  della saga Terra di Nessuno, in cui Gotham City viene sconvolta da un cataclisma e quel poco che ne resta viene diviso tra i più grandi Villain di Batman. In ogni angolo è possibile notare un dettaglio o adocchiare un particolare che ci rimandano ad una delle tante avventure che il cavaliere oscuro ha vissuto dalla sua prima incarnazione, nel 1939, ad oggi, ci troviamo nuovamente di fronte ad un capolavoro, un fumetto interattivo mosso da un Unreal Engine che scorre fluido ricreando volti, sguardi, sorrisi, movenze, insomma tutte le espressioni  caratteristiche dei personaggi che compiono il balzo da una magnifica Gotham di carta ad una maestosa Gotham virtuale.

Come nel precedente episodio, oltre all’avventura principale avremo la possibilità di combattere nella modalità Sfida, in cui dovremo superare orde di nemici, incrementando l’indicatore combo, oppure eliminarli silenziosamente nelle mappe Predatore.

baccollectors
Anche questo capitolo avrà una Limited Edition coi fiocchi!

Il cavaliere oscuro plana prepotentemente sulle nostre console e si impone nuovamente come la migliore trasposizione videogioco/fumetto mai creata fino ad ora, si torna a sconfiggere il crimine e si torna a farlo con stile e con un gioco che è in grado di farci compagnia per diverse ore e senza mai annoiare.
Batman è tornato con il suo carico di gadget e Villain che non ci stancheremmo mai di vedere in azione, i Rocksteady riescono pienamente a far calare il giocatore nei panni di Batman che sarà impegnato senza sosta nell’affrontare ogni specie di sfida e peripezia in un titolo che non deve assolutamente mancare in nessuna collezione.

Arkham City non è solo una delle più belle avventure mai create sull’uomo pipistrello ma anche uno dei giochi d’avventura più belli di questa generazione.

E se ancora non vi basta ecco i 3 motivi per prendere il gioco ad occhi chiusi:
1°-Possibilità di affrontare un avventura alternativa nei panni di Catwoman con tanto di storia, trofei dell’enigmista e missioni dedicate.
2°-Il “fumetto” di Batman che avreste sempre voluto leggere.
3°-C’è il Joker…più folle e pazzo che mai!!!


VOTO: 98/100

Quanto lo hai trovato utile/interessante? Faccelo sapere con un voto!