I nuovi capitoli di Pokemon per Switch sono realtà

Pokemon


 

La prima iterazione dei nuovi titoli di Pokemon arrivano così, con un trailer su youtube animato da una musica gioiosa e da una grande serie di informazioni.

Stavolta sembra che molti dei leak fatti nel corso degli scorsi giorni fossero stati davvero azzeccati. Let’s Go Pikachu e Let’s GO Eevee sono due realtà pronte ad arrivare al consumatore nel giro di qualche mese.

È tempo di tornare a Kanto, è tempo di tornare ad avere un rapporto più fisico con il proprio Pocket Monster, è tempo di portare il proprio pokemon anche nel mondo reale.

Pokemon arriva su Switch!

Finalmente, dopo anni e anni passati sulle console portatili Pokemon ha deciso di approdare anche sulla console principale di Nintendo con uno stile davvero niente male. I due nuovi capitoli della saga, dedicati rispettivamente a Pikachu e a Eevee riporteranno il giocatore direttamente a Kanto, la prima regione mai vista all’interno della saga sviluppata da Game Freaks

Qui ci si troverà nuovamente faccia a faccia con gli originali 151 mostriciattoli e proprio come nel buon vecchio Pokemon Giallo, sarà possibile portarsi a spasso il proprio animaletto preferito sulla propria spalla o sulla propria testa.

Oltre ai 151 Pokemon originali sarà possibile incontrare ed ottenere una nuova creatura mai vista prima e alcuni pocket monsters provenienti dalle isole di Alola. Sono stati rispettati anche i leak riguardanti l’integrazione con Pokemon Go e la presenza di una periferica ad-hoc per il titolo: la Poké Ball Plus sarà un controller a forma di sfera poké che permetterà al giocatore di portarsi il proprio mostriciattolo preferito direttamente nel mondo reale, facendolo interagire con la propria persona attraverso carezze e movimenti. Tale controller sarà utilizzabile anche all’interno del titolo come se fosse uno dei due paddini della Switch.

Pokemon

Parlando di Pokemon Go è impossibile ignorare ciò che si è preso una parte interessante del trailer: l’interazione e la convivenza tra l’ecosistema di Let’s GO Pikachu/Eevee e il mondo di Pokemon Go. Sarà possibile portare i propri pocket monsters da un titolo all’altro e scambiarsi regali con una semplice pressione su schermo. Il metodo di cattura dei Pokemon in questa coppia di titoli sembra provenire direttamente dal mondo di Pokemon Go, come vedremo nel prossimo paragrafo.

Ma il gameplay di Pokemon che fine ha fatto?

Il trailer sopracitato mostra anche alcune scene di gameplay che danno un’ idea piuttosto completa di come il titolo si presenterà agli occhi dei giocatori: è il tipico gioco della saga che abbiamo sempre apprezzato con alcuni piccoli Twist che potrebbero far storcere il naso ai giocatori più reazionari.

In primis i Pokemon in questo capitolo compariranno direttamente su schermo piuttosto che venir scelti casualmente con le battaglie casuali tanto odiate, in secondo luogo catturare i Pokemon in questo capitolo sarà una questione di mira e di precisione dovendo effettuare movimenti simili al lancio della Pokeball.

È stata aggiunta anche una vera e propria novità assoluta nel titolo: una modalità multiplayer sul campo. Con un singolo gioco e due controller sarà possibile giocare insieme a un amico in pressoché qualsiasi momento della propria partita. Il giocatore al nostro fianco potrà aiutarci a esplorare o a catturare le creature nuovi partecipando attivamente al processo di lancio Pokéball.

Pokemon

Nonostante i combattimenti tra pocket monsters siano rimasti c’è l’impressione, dal trailer, che siano stati confinati unicamente agli scontri tra allenatori. Il trailer infatti mostra ogni singolo incontro sul campo con i Pokemon come una semplice sessione di cattura senza i comandi di lotta specifici che hanno fatto la fortuna da gioco di ruolo del titolo. Questa feature, se si confermerà reale, farà di sicuro storcere il naso a moltissimi giocatori.

Secondo le dichiarazioni di Junichi Masuda, membro di Game Freak e director della coppia di titoli “Let’s Go Pikachu / Let’s Go Eevee” sono fortemente ispirati da Pokemon Go nelle intenzioni: essi sono  titoli destinati a qualsiasi tipo di giocatore, versioni semplificate della serie che potrebbero però piacere anche ai fan storici della saga.

Se questa notizia vi ha procurato una crepa nel cuore però non temete: Nintendo ha annunciato che un nuovo titolo Pokemon, di quelli classici, è al momento in sviluppo per la console e arriverà durante gli ultimi mesi del 2019; non esattamente dietro l’angolo ma decisamente meglio di niente.

Ancora contenuti a tema per Nintendo.

Se non volete aspettare e avete bisogno di giocare a un qualche tipo di gioco Pokemon quanto prima potete approfittare di Pokemon Quest, gioco free to start rilasciato da Nintendo per Switch e destinato al mercato Mobile.

Pokemon Quest utilizzerà comandi semplici per permettere a ogni tipo di giocatore di allevare tante tipologie diverse di mostriciattoli cubettosi; questi ultimi andranno attirati con gli ingredienti trovati durante l’esplorazione.

Sarà possibile lottare con gli alti mostriciattoli creando squadre da tre necessarie per sopravvivere mentre si cercano le Pietre P, oggetti in grado di rendere unici i nostri alleati modificandone le caratteristiche. Sarà infine possibile decorare la propria base con decorazioni e oggetti sia belli da vedere che utili all’interno del gioco.

Shigeru Ohmori, Game Director presso Game Freak ha dichiarato che il titolo è destinato ai fan di tutte le età grazie ai semplici comandi touch screen; l’esplorazione dell’isola cubetti permetterà ai giocatori di creare dei profondi legami con le proprie creature durante le battaglie e l’esplorazione.

 

Let’s Go Evee e Let’s Go Pikachu usciranno insieme il 16 Novembre 2018 per Nintendo Switch. Pokemon Quest, invece, è già disponibile sul Nintendo eShop mentre la versione per Android e iOs arriverà nel corso di Giugno.

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Graziano Salini

Essere umano dotato di infinito nozionismo su cose di dubbia utilità, interagisce con il mondo dei videogiochi da quando ritiene di avere coscienza di sé. I punti forti del suo curriculum sono le oltre seimila ore passate sui moba, gli infiniti titoli conosciuti (e giocati) esplorando i meandri più reconditi della rete e l'indubbia capacità nel "flammare" con gentilezza il giocatore che ha davanti nella sua lingua natia.

Dopo aver preso coscienza dell'esorbitante numero di ore passate su giochi in grado di danneggiare gli organi interni, il tizio raffigurato in foto ha deciso di comprarsi un computer normale e di tenersi aggiornato con le console dando frutto a lunghe sessioni di blasfemie e coccole davanti all'action adventure o al gioco di ruolo di turno, impazzendo davanti a enigmi dalle soluzioni lapalissiane o superando con scioltezza nemici dalla difficoltà aberrante.

Nemico pubblico della punteggiatura e del bel scrivere, può vantare un lessico forbito da completo autistico derivato dai quintali di fumetti Disney letti in tenera età. Al momento sta aspirando alla santità aiutando tutto e tutti in missioni dalla dubbia utilità; aggiorna costantemente i suoi amici facebook sulla musica che ascolta (bella sopra ogni buon senso) e sui giochi che conclude, giusto per dare un senso ad account vecchi lustri.

WoW Battle for Azeroth Beta - Le modifiche alle classi: Monaco

WoW Battle for Azeroth – Le modifiche alle classi: Monaco

agony guida ai trofei

Agony – Guida ai Trofei