Victoria 3: come funziona la gestione dei Pop, la popolazione

Nel recente PDXCON, un evento digitale di Paradox Interactive, è stato annunciato l’arrivo di Victoria 3, un grand strategy game ambientato in epoca vittoriana che non si presentava sugli schermi dei giocatori da circa 10 anni. Non abbiamo ancora date ufficiali, ma nel frattempo gli sviluppatori hanno avviato un Dev Diary che illustrerà nel tempo le numerose componenti di gioco.

Il primo Dev Diary di Victoria 3 si concentra sui Pop, un abbreviazione di population (popolazione) che rappresenta un archetipo di una fetta di popolazione, o un personaggio vero e proprio. I Pop sono sempre stati il perno su cui ruotava tutto il franchise di Victoria, in passato Paradox aveva provato a trasporlo anche in Stellaris e Imperator: Rome. Anche in Victoria 3 i Pop sono la caratteristica principale del titolo, e stavolta faranno parte di un sistema di gioco molto più approfondito.

Per dirla nei termini di Mikael Andersson, Lead Game Designer di Victoria 3, i Pop sono il vero e proprio motore del Paese: lavorano nelle industrie, pagano le tasse, gestiscono le istituzioni e combattono le guerre. Nascono, muoiono, cambiano occupazione, emigrano. O, peggio… si organizzano, si arrabbiano e danno vita a rivoluzioni infruttuose per le proprie mire coloniali e industriali.

Victoria 3 utilizza lo stesso sistema di modelli dei personaggi di Crusader Kings III, permettendo di visualizzare i differenti tipi di Pop in tutta la loro tridimensionalità. Ma come funziona la gestione dei Pop con quella della nazione? Il giocatore è una singola persona a carico del governo della nazione, ma non può assolutamente intervenire direttamente sulla vita dei Pop. Ogni decisione presa dal giocatore sul suo Paese ha effetto su tutti i Pop che lo abitano, ed essi reagiranno in base ai loro interessi. La strategia del giocatore, dunque, oltre che nella politica estera, si concentra soprattutto in casa, nella gestione dei diversi appetiti della popolazione.

Ogni Pop ha una Professione, un aspetto che riflette i tipi di lavori svolti dalla fetta demografica. Le professioni determinano la classe sociale dei Pop e influenza i suoi salari, la sua forza politica all’interno del quadro del paese, e i gruppi politici che è più incline nel sostenere. Alcune delle professioni di Victoria 3 rivelate da Paradox Interactive sono i Capitalisti, gli Aristocratici, i Burocrati, i Funzionari, i Negozianti, i Macchinisti, i Lavoratori e i Contadini.

Scheda di un Pop di Victoria 3

Un Pop è composto dalla combinazione tra la sua Professione, della sua Cultura, della sua Religione e del suo Posto di lavoro. In aggiunta, ogni Pop si distingue in Forza lavoro e Dipendente. I membri della forza lavoro mantengono operativi gli edifici e ricevono in cambio un salario, quelli che invece non possono essere ufficialmente assunti compiono lavori saltuari che garantiscono un piccolo reddito.

Le leggi promulgate dal giocatore possono influenzare entrambe le categorie di Pop, e a seconda delle diverse situazioni di gioco sarà più utile investire in questo o in quell’aspetto della società. Per esempio, abolendo il lavoro minorile la quantità di reddito dei Pop dipendenti diminuirà, ma aumenterà l’alfabetizzazione complessiva di tutti i Pop che potranno accedere in questa maniera a lavori più altisonanti. Oppure, dopo una guerra, ci potrebbero essere molti dipendenti tra i soldati senza un reddito sufficiente e potrebbe essere utile istituire delle pensioni per i veterani in modo da aiutarli a riprendersi economicamente.

Non abbiamo ancora una data certa per Victoria 3, ma siamo sicuri che sarà un’esclusiva per PC come quasi ogni altro videogioco strategico di Paradox Interactive.

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!
FONTE Paradox Plaza

Articolo a cura di Alessandro Colantonio

Game designer in erba e chitarrista a tempo perso. Nasce all'ombra del Vesuvio nel 1991, muove i suoi primi passi nel mondo dei videogiochi su un Windows 95 all'età di 5 anni, e diventa presto un Allenatore di Pokémon.

Bazzica tra radio web e band durante i suoi studi universitari tra Napoli, Roma e Milano, per diventare un mittente di mail professionista per annunci di lavoro che non avranno mai risposta.

Prima di approdare a Player.it si è distinto nella fan-community di Pokémon Millennium diventandone rapidamente editorial supervisor e simultaneamente PR, garantendo alla redazione del portale un flusso costante di videogiochi per Nintendo Switch da recensire.

I suoi generi preferiti sono i gestionali, gli strategici, i tattici e i GDR. Tuttavia, essendo un accumulatore seriale di videogiochi, cerca sempre di giocare ogni titolo che gli capita sotto mano.

Ha una perversione per le pratiche fandom, i cani e la birra artigianale. Adora D&D, va in ira e carica.

riferimenti horror in resident evil village

Resident Evil: Village | Tutti i riferimenti horror del gioco Capcom

doom eternal rtx

Ma quanto è bello Doom Eternal con il ray tracing attivo?