Nebbia mentale dopo recupero da Covid: possono i videogames essere la medicina perfetta?

Sembrerebbe una fake news o qualcosa di totalmente assurdo, ma un team di ricerca sta testando un videogame su prescrizione medica per vedere se può aiutare i pazienti con problemi di attenzione e di memoria persistenti a seguito di guarigione da Covid-19.

La nebbia mentale post-covid

L’ultimo anno e mezzo è stato a dir poco difficile. Tra restrizioni, lockdown e zone colorate – altra invenzione tipicamente made in Italy – la pandemia da Covid-19 ha letteralmente messo in ginocchio il mondo intero, e anche chi ne guarisce porta con se problematiche che alla lunga possono essere anche considerate invalidanti; tra queste problemi di attenzione e di memoria.

Molte persone, soprattutto chi ha dovuto affrontare il cosiddetto Long-Term Covid, anche dopo aver superato la malattia riscontrano difficoltà nel concentrarsi e questi sintomi possono perdurare anche per parecchi mesi dopo la guarigione clinica.

Da ADHD al Covid-19, quando il videogame è salutare

La Neuropsicologa Faith Gunning, che esercita la sua professione presso il Weil Corner Medicine di New York, ha dichiarato che il videogame EndeavorRX prodotto da Akili Interactive possa essere d’aiuto a molti dei pazienti che soffrono di “nebbia mentale” post guarigione.

EndeavorRX è salito alla ribalta la scorsa estate, quando è diventato il primo videogioco approvato dalla FDAla Food and Drug Administration, l’ente governativo Statunitense che si occupa della regolamentazione dei prodotti alimentari e farmaceutici – come trattamento prescrivibile per il Disturbo da Deficit di Attenzione ed Iperattività nei bambini da 8 a 12 anni, e la Gunning ritiene che alcuni dei sintomi che mostrano i guariti da Covid-19 sono gli stessi che il Videogame ha come target.

Lo scopo della ricerca

Ero già interessata ad EndeavorRX e ritengo che ci sia bisogno di più interventi di ricerca possibili nell’ambito della salute cognitiva e mentale

Queste le parole della ricercatrice che ha avviato uno studio per verificare se, effettivamente, possono presentarsi miglioramenti a seguito di una “prescrizione videoludica”.
La struttura è molto semplice e si basa su una rivisitazione “inversa” degli studi caso-controllo su due gruppi di soggetti: una selezione di guariti dal Covid giocherà al videogame e lo studio verificherà se i sintomi migliorano rispetto ad una selezione di pazienti, anch’essi post-covid, ai quali non sarà permesso giocare.

I dati a favore di EndeavorRX contro ADHD. A seguito di trial clinici si nota un aumento dell’attenzione con valori di 0.93 contro lo 0.0006 nell’Attention Performance Index

La Gunning ed il suo team di ricercatori hanno individuato dei pattern, in pazienti deospedalizzati che avevano presentato sintomi da Covid-19 che andavano da moderati a gravi, inerenti aree come l’incapacità di fare più cose contemporaneamente ed un deficit dell’attenzione. La prima parte della ricerca ha rilevato difficoltà nel lavorare con la memoria, abilità imprescindibile nella vita quotidiana.

EndeavorRX come cura

Immagine di gioco

I dati preliminari, che hanno analizzato gli esiti della sperimentazione su gruppi di anziani con problemi cognitivi e su gruppi di uomini e donne di mezza età con problemi cognitivi e di depressione, mostrano un miglioramento della connettività all’interno delle reti cerebrali che supportano l’attenzione e le capacità esecutive, oltre che un miglioramento dell’umore.

Questi disturbi non sono peculiari di chi si sta riprendendo da Covid, ma possono essere osservati in altre condizioni che hanno un impatto sul cervello. […] Indipendentemente dalla causa, se possiamo migliorare queste funzioni possiamo migliorare la vita quotidiana delle persone.

Faith Gunning

Lo studio ha scelto come vettore un videogame, inoltre, proprio per quella che è la sua peculiarità: la portabilità. Un videogioco può essere “somministrato” con più facilità ad una mole di persone nettamente superiore rispetto ad una cura farmacologica o a sedute di terapia.

Attualmente non vi è forza lavoro sufficiente per avviare un intervento cognitivo individuale per tutti i pazienti post-Covid. Quale idea migliore di farli giocare, se questo può migliorare la loro condizione?

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Michele Giannini

Gioco ai videogames sin da quando erano caricati su floppy disk ed il gamepad per eccellenza era il Microsoft Sidewinder.
Da li in poi è stato un susseguirsi di cartucce in cui soffiare, joypad, console ed aggiornamenti di sistema.
Sono un tech-dipendente, con un passato nel mondo dei GDR - ah, quante serate passate a giocare a D&D - nonché musicista mancato.
Leggo libri e fumetti e seguo tante, forse troppe, serie tv che persino i miei arretrati hanno gli arretrati da recuperare.
Mi piace smontare e rimontare cose, e prima o poi la Morte Nera Lego sarà mia!

Sono fortunato ed ho tante console, ma gioco principalmente su PS5, PS4 ed Xbox Series S... Se vuoi giocare con me qui ci sono i link ad miei account, aggiungimi agli amici!
https://linktr.ee/MG_Ringo89

portal 2, portal 2 mod, portal reloaded mod, portal reloaded, mod per portal

Credete di conoscere Portal a memoria? Provate questa mod

horizon zero dawn complete edition

Horizon Zero Dawn: Complete Edition è gratis sul Playstation Network per Play At Home