Sony si è comprata uno dei più importanti tornei di picchiaduro del mondo

evo acquisita da Sony, Sony Evo, EVO championship series

Sony e RTS, una nuova impresa del business esports di Endeavor, hanno acquisito il prestigioso torneo di giochi di combattimento Evo. I termini dell’acquisizione non sono stati rivelati “a causa di impegni contrattuali”.

“I giochi di combattimento sono stati una parte vitale dell’eredità di PlayStation e della nostra comunità fin dall’inizio, e siamo stati entusiasti di collaborare con Evo nel corso degli anni”, ha detto Steven Roberts, VP global competitive gaming di Sony Interactive Entertainment, in un comunicato stampa. “Questa acquisizione assieme a RTS segna un nuovo capitolo di collaborazione con i co-fondatori di Evo, Tom e Tony Cannon, e la loro appassionata comunità di fan dei giochi di combattimento”.

Tom e Tony Cannon hanno anche condiviso un messaggio alla comunità di Evo riguardo all’acquisizione, affermando che “La nuova partnership si impegna a offrirvi incredibili tornei ed esperienze di gioco competitivo quest’anno e oltre”.

Le organizzazioni hanno anche annunciato che Evo tornerà quest’anno come Evo Online, una competizione virtuale di giochi di combattimento che si terrà dal 6 all’8 agosto e dal 13 al 15 agosto. I giocatori possono competere in tornei per Guilty Gear Strive, Mortal Kombat 11: Ultimate, Street Fighter V: Champion Edition e Tekken 7.

evo acquisita da Sony, Sony Evo, EVO championship series

“Il nostro team è concentrato su una missione: preservare l’autenticità di Evo per la comunità dei giochi di combattimento e trovare modi creativi, insieme ai nostri fan, per far crescere il torneo e rendere i suoi eventi e trasmissioni più divertenti, coinvolgenti e accessibili che mai”, ha detto Sony nel suo blog. “Al suo centro, Evo rimarrà quello che è sempre stato: una competizione in formato aperto che dà ai fan dei giochi di combattimento di diversi paesi la possibilità di connettersi, mettere alla prova le loro abilità e stringere nuove amicizie.” I Cannon rimarranno “strettamente coinvolti in un ruolo consultivo”, secondo Sony.

La proprietà di Sony non significa improvvisamente che si vedranno eventi solo per PlayStation: Nintendo ha affermato al giornalista Stephen Totilo che sta ancora considerando Evo per le opportunità di Smash Bros:

L’anno scorso, Evo doveva svolgersi online in estate a causa della pandemia di COVID-19, ma è stato cancellato dopo che il co-fondatore e presidente Joey Cuellar è stato accusato di cattiva condotta sessuale.

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!
FONTE the verge

Articolo a cura di Fabio Antinucci

30 anni (anagraficamente, in realtà molti di più) ha alle spalle esperienze come copywriter, redattore multimediale e critico cinematografico, letterario e fumettistico, laureato con una tesi triennale su Il Cavaliere Oscuro di Christopher Nolan e una magistrale su From Hell di Alan Moore.
Appassionato di letteratura horror e fantastica, divoratore di film di genere di pessima lega (ma ha nel cuore pezzi da novanta come Kubrick, Mann e Kurosawa), passa le sue giornate fra romanzi di Stephen King, graphic novel d’autore e fascicoletti di Batman.
Scrive (male) da una vita, e ha pubblicato un romanzo breve (Cacciatori di morte) e due librigame (quelli della saga di Child Wood).
Crede che il gioco sia una forma di creazione e libertà, capace di farti staccare la spina e al contempo di far riflettere, ragionare, commuoverti e socializzare. Per questo gioca di ruolo da dieci anni (in particolare a Sine Requie, D&D, Vampiri la Masquerade e Brass Age) per questo adora perdersi di fronte alla sua Play.
È innamorato del videogioco grazie a Hideo Kojima e al primo Metal Gear Solid, al quale ha giurato amore eterno, ma col tempo ha imparato ad amare gli open-world, gli action-adventure, gli rpg all’occidentale, i punta e clicca, a una condizione: che raccontino una bella storia.

Necromunda: Hired Gun: Warhammer 40K incontra Doom

Copertina sui Lumineth di Age of Sigmar e l'ispirazione orientale

I Lumineth di Age of Sigmar e l’ispirazione orientale