Dopo due anni, Devotion torna dal buco nero della censura

devotion, devotion censura, devotion blacklistato, devotion torna in vendita, devotion gioco politico torna in vendita store digitali

Devotion, il gioco horror di Red Candle Games rimosso dagli store nel febbraio 2019 per i suoi contenuti politici, è ora disponibile in digitale e in un formato senza DRM.

Red Candle Games ha annunciato la notizia su Twitter, confermando che Devotion, Detention e tutti i suoi progetti futuri saranno disponibili sul proprio e-shop, nella speranza di “fornire un canale di acquisto diretto e semplice per i giocatori che sono interessati ai nostri prodotti.”

devotion, devotion censura, devotion blacklistato, devotion torna in vendita, devotion gioco politico torna in vendita store digitali

Il gioco era stato ritirato da Steam nel 2019 dopo che gli utenti vi avevano trovato un meme a tema Winnie the Pooh, riferimento a una presa in giro del presidente della Repubblica Popolare Cinese Xi Jinping molto diffusa fra le fila dell’opposizione al leader.

Lo sviluppatore Red Candle aveva rilasciato delle scuse poco dopo, dicendo anche che non aveva intenzione di ripubblicare Devotion a breve termine.

Nel 2020 Devotion è tornato alla ribalta quando Red Candle Games ha condiviso che il gioco avrebbe fatto il suo ritorno su GOG di CD Projekt Red il 18 dicembre.

Tuttavia, proprio il giorno dell’uscita programmata GOG ha pubblicato un messaggio in cui annunciava l’annullamento della release dopo aver ricevuto “vari messaggi dai giocatori”.

Ora, dopo più di due anni, coloro che desiderano provare Devotion possono finalmente farlo di nuovo, e ne vale la pena: sottotesti politici palesi a parte, si tratta di un inquietante e allucinato thriller psicologico che fa della sua ambientazione chiusa (un appartamento in un edificio popolare di Taiwan) un opprimente labirinto mentale in grado di far arrivare l’angoscia alle stelle, consigliato a tutti gli amanti del genere.

Quindi, che siate appassionati di horror o semplicemente intrigati dal caos politico attorno al gioco, Devotion è lì ad attendervi.

Buon gioco e buona paura a tutti.

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!
FONTE IGN

Articolo a cura di Fabio Antinucci

30 anni (anagraficamente, in realtà molti di più) ha alle spalle esperienze come copywriter, redattore multimediale e critico cinematografico, letterario e fumettistico, laureato con una tesi triennale su Il Cavaliere Oscuro di Christopher Nolan e una magistrale su From Hell di Alan Moore.
Appassionato di letteratura horror e fantastica, divoratore di film di genere di pessima lega (ma ha nel cuore pezzi da novanta come Kubrick, Mann e Kurosawa), passa le sue giornate fra romanzi di Stephen King, graphic novel d’autore e fascicoletti di Batman.
Scrive (male) da una vita, e ha pubblicato un romanzo breve (Cacciatori di morte) e due librigame (quelli della saga di Child Wood).
Crede che il gioco sia una forma di creazione e libertà, capace di farti staccare la spina e al contempo di far riflettere, ragionare, commuoverti e socializzare. Per questo gioca di ruolo da dieci anni (in particolare a Sine Requie, D&D, Vampiri la Masquerade e Brass Age) per questo adora perdersi di fronte alla sua Play.
È innamorato del videogioco grazie a Hideo Kojima e al primo Metal Gear Solid, al quale ha giurato amore eterno, ma col tempo ha imparato ad amare gli open-world, gli action-adventure, gli rpg all’occidentale, i punta e clicca, a una condizione: che raccontino una bella storia.

dying light 2, techland, dying light 2 sviluppo, dying light 2 ultime notizie, dying light 2 data di uscita

Dying Light 2: Techland non molla l’osso, novità in arrivo

immortals

Immortals Fenyx Rising: Miti del regno d’oriente | Annunciata la data d’uscita del nuovo DLC