Horizon Forbidden West arriverà su PS5 entro fine anno, almeno secondo le pubblicità

horizon forbidden west

Il primo anno di vita di Playstation 5 deve ancora terminare e la maggior parte dei titoli devono ancora arrivare sugli scaffali. Nel corso dei prossimi mesi siamo abbastanza sicuri che potremo mettere le mani su Ratchet And Clank: Rift Apart e Returnal ma di Horizon che sappiamo?

Fortunatamente una pubblicità uscita forse un po’ troppo presto ha rivelato qualche informazione in più sull’argomento, facendoci tornare un minimo di fiducia nel mondo videoludico.

Sembra che il titolone di Sony arriverà durante il corso del 2021.

Horizon Forbidden West entro il 2021? Sony dice si

Sony ha recentemente pubblicato una serie di pubblicità online per la PS5 e i suoi prossimi giochi. In queste la compagnia suggerisce una finestra di lancio per i titoli che cita e, tra i vari giochi, c’è anche il sequel di Horizon Zero Dawn.

Un annuncio su Instagram (avvistato da VGC, visibile qui sotto) dice che il gioco sarà lanciato verso la fine del 2021. Il sequel Action RPG open world di Guerrilla Games è stato annunciato l’anno scorso, ma con tutto quello che è successo con il COVID-19 e gli innumerevoli ritardi dei giochi che ne sono derivati, molti si sono chiesti se Horizon sarà in grado di lanciare come uscire entro la fine dell’anno.

Recentemente, il CEO di PlayStation Jim Ryan ha suggerito che Horizon era sulla buona strada per un lancio entro il primo anno di vita della console , ma come al solito le voci riguardo la veridicità della cosa hanno indicato una situazione instabile.

In ogni caso, quando verrà lanciato, Horizon Forbidden West uscirà sia per PS5 che per PS4.

La storia di Aloy e soci sembra avere davanti a sé un futuro radioso, a prescindere da quando effettivamente il gioco uscirà

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Graziano Salini

Essere umano dotato di infinito nozionismo su cose di dubbia utilità, interagisce con il mondo dei videogiochi da quando ritiene di avere coscienza di sé. I punti forti del suo curriculum sono le oltre seimila ore passate sui moba, gli infiniti titoli conosciuti (e giocati) esplorando i meandri più reconditi della rete e l'indubbia capacità nel "flammare" con gentilezza il giocatore che ha davanti nella sua lingua natia.

Dopo aver preso coscienza dell'esorbitante numero di ore passate su giochi in grado di danneggiare gli organi interni, il tizio raffigurato in foto ha deciso di comprarsi un computer normale e di tenersi aggiornato con le console dando frutto a lunghe sessioni di blasfemie e coccole davanti all'action adventure o al gioco di ruolo di turno, impazzendo davanti a enigmi dalle soluzioni lapalissiane o superando con scioltezza nemici dalla difficoltà aberrante.

Nemico pubblico della punteggiatura e del bel scrivere, può vantare un lessico forbito da completo autistico derivato dai quintali di fumetti Disney letti in tenera età. Al momento sta aspirando alla santità aiutando tutto e tutti in missioni dalla dubbia utilità; aggiorna costantemente i suoi amici facebook sulla musica che ascolta (bella sopra ogni buon senso) e sui giochi che conclude, giusto per dare un senso ad account vecchi lustri.

vampire: the Masquerade-Bloodlines 2, vampire: the Masquerade-Bloodlines 2 rinvio, vampire: the Masquerade-Bloodlines 2 problemi sviluppo, Vampiri: La Masquerade

La maledizione di Vampire The Masquerade: Bloodlines 2 colpisce l’ex team di sviluppo

amazon logo

Amazon cambia icona su smartphone per evitare di essere tacciata di simpatie estremiste