Google Stadia avrebbe cancellato un’esclusiva horror di Hideo Kojima

È notizia di poche settimane fa la chiusura degli studi creativi di Google Stadia, il che ha posto in essere la cancellazione di diversi progetti in cantiere per la piattaforma di cloud gaming. Tra questi, sarebbe emerso che era presente anche un’esclusiva horror di Hideo Kojima, autore di Metal Gear Solid e Death Stranding.

Sebbene Google voglia continuare a supportare la piattaforma come servizio, ha fatto molto discutere l’iniziativa di chiuderne gli studi creativi dopo appena un anno di messa in funzione. Mancanza di esperienza nel settore, piccolo gruppo di sviluppatori e poco investimento dal lato creativo avrebbero contribuito a prendere questa decisione drastica, cancellando anche tutti i progetti videoludici in cantiere.

Secondo i colleghi di VGC, agli albori dell’avventura videoludica di Stadia, intorno a Luglio 2019, l’ex capo Jade Raymond aveva visitato gli studi di Kojima Productions (foto in copertina) per convincere Hideo Kojima a sviluppare un videogioco horror a episodi per la piattaforma di cloud gaming.

Non sappiamo se il motivo per cui questa serie episodica non sia arrivata a noi per decisioni di Google o di Kojima stesso, né sappiamo se sia effettivamente stata una scelta iniziale al lancio di Stadia o se sia stata una decisione presa all’ultimo. Dato l’epilogo degli studi creativi di Stadia possiamo solo piangerne la perdita. Kojima, tra l’altro, non è nuovo alla cancellazione di progetti: se ricordate, un reboot di Silent Hill che stava realizzando con Guillermo del Toro fu cancellato da Konami, prima che il maestro giapponese si allontanasse dall’azienda.

Un altro videogioco che sarebbe stato cancellato dalla chiusura della divisione interna di sviluppo creativo di Stadia sarebbe stato un sequel di Journey to the Savage Planet, in quanto Typhoon, studio che sviluppò il gioco originale, era stato acquisito e assorbito da Google nel 2019.

Chissà quanti altri progetti in cantiere di cui non siamo ancora a conoscenza sono stati gettati via dalla scelta di Google. Ci auguriamo vivamente che questi tornino a vivere in un futuro, seguendo i passi degli ex sviluppatori che adesso verranno inglobati da altre aziende del settore.

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!
FONTE VGC

Articolo a cura di Alessandro Colantonio

Game designer in erba e chitarrista a tempo perso. Nasce all'ombra del Vesuvio nel 1991, muove i suoi primi passi nel mondo dei videogiochi su un Windows 95 all'età di 5 anni, e diventa presto un Allenatore di Pokémon.

Bazzica tra radio web e band durante i suoi studi universitari tra Napoli, Roma e Milano, per diventare un mittente di mail professionista per annunci di lavoro che non avranno mai risposta. Oltre a prestare le sue dita a Player.it scrive news e guide all'acquisto per Tom's Hardware, ed è PR nella fan-community di Pokémon Millennium.

I suoi generi preferiti sono i gestionali, gli strategici, i tattici e i GDR. Ma essendo un accumulatore seriale di videogiochi, cerca sempre di giocare ogni titolo che gli capita sotto mano.

Ha una perversione per le pratiche fandom, i cani e la birra artigianale. Adora D&D, va in ira e carica.

the legend of zelda breath of the wild

Queste fan art di The Legend Of Zelda fanno venire voglia di partire all’avventura

Trasgressione e stile in questo cosplay delle Moxes di Cyberpunk 2077