HOME » news

In Arkansas se vai dal dentista vinci una Nintendo Switch

Quando si tratta di bambini è sempre un’impresa insegnare le buone abitudini dell’igiene, in particolare quelle per prendersi cura dei propri denti. Pensando al connubio igiene orale e videogiochi viene spontaneo immaginare che c’entri qualcosa Nintendo con l’app per smartphone Pokémon Smile, o magari qualche strano livello di Surgeon Simulator 2.

In realtà parliamo di un’iniziativa curiosa partita in Arkansas, stato degli USA, grazie a un dentista che ha deciso di mettere in palio una nuovissima Switch. In occasione del National Kids Dental Health Month, un mese interamente dedicato all’igiene orale dei bambini in America, lo studio dentistico Delta Dental dell’Arkansas ha lanciato la sfida “Say No to Cavities Challenge”, un’iniziativa contro le carie.

Per partecipare alla sfida, oltre a essere un bambino americano, bisogna lavarsi i denti due volte al giorno, usando anche il filo interdentale. Lo studio dentistico, mettendo in premio una Nintendo Switch, incoraggia i bambini a prendersi cura dei propri denti. L’idea di vincere una console potrebbe essere un ottimo incentivo per alcuni tipi di bambini e famiglie, così come gli altri premi di questa iniziativa come la possibilità di andare in una TV locale dell’Arkansas.

La Switch è stata una dei più grandi successo di Nintendo, e continua a essere una delle console più vendute. Solo qualche settimana fa aveva superato le vendite del Nintendo 3DS, arrivando a quasi 80 milioni di unità vendute in tutto il mondo. E se può essere anche da incentivo per insegnare ai bambini a lavarsi i denti, ben venga!

Da non perdere: Il prossimo gioco di D&D ci porterà nelle tenebre di Ravenloft? Ci sono alcuni indizi

FONTE Game Rant

Articolo a cura di Alessandro Colantonio

Game designer in erba e chitarrista a tempo perso. Nasce all'ombra del Vesuvio nel 1991, muove i suoi primi passi nel mondo dei videogiochi su un Windows 95 all'età di 5 anni, e diventa presto un Allenatore di Pokémon.

Bazzica tra radio web e band durante i suoi studi universitari tra Napoli, Roma e Milano, per diventare un mittente di mail professionista per annunci di lavoro che non avranno mai risposta.

Prima di approdare a Player.it si è distinto nella fan-community di Pokémon Millennium diventandone rapidamente editorial supervisor e simultaneamente PR, garantendo alla redazione del portale un flusso costante di videogiochi per Nintendo Switch da recensire.

I suoi generi preferiti sono i gestionali, gli strategici, i tattici e i GDR. Tuttavia, essendo un accumulatore seriale di videogiochi, cerca sempre di giocare ogni titolo che gli capita sotto mano.

Ha una perversione per le pratiche fandom, i cani e la birra artigianale. Adora D&D, va in ira e carica.

shoah, shoah e videogiochi, videogiochi shoah, didattica shoah ragazzi, shoah cultura popolare

Può il videogioco parlare della Shoah? Un ragionamento

Copertina analisi Total War Warhammer 3

Total War Warhammer 3: analisi del trailer