HOME » news

Nuova casa per il papà di Dragon Age

Nuova nascita nell’industria del videogioco: è di oggi la notizia della fondazione di Yellow Brick Games, nata da un gruppo di veterani dell’industria proveniente da colossi come Bioware e Ubisoft, che punta ad applicare l’esperienza acquisita nel campo AAA all’interno di quella che viene definita una dimensione “più artigianale”.

Con sede a Québec City, Canada, il team comprende Mike Laidlaw, ex direttore creativo del franchise Dragon Age di Bioware, dove ha trascorso 14 anni della sua carriera. La sua esperienza più recente è stata quella di direttore creativo presso Ubisoft.

A lui si aggiungono Thomas Giroux, Jeff Skalski e Frédéric St-Laurent B, che hanno esperienze presso Ubisoft, Bioware, Electronic Arts e Activision Blizzard.

Mike Laidlaw, Mike Laidlaw nuovo studio, nuovo studio direttore creativo Dragon Age
Mike Laidlaw (Dragon Age)

La Yellow Brick Games sarà guidata da Giroux come CEO, con Skalski nominato COO e produttore esecutivo, Laidlaw chief creative officer e St-Laurent B game director.

Il nuovo studio ha promesso di “cementare ulteriormente il ruolo di leader della regione [il Canada]nella scena dell’intrattenimento globale” con il suo primo progetto originale, che non è stato rivelato ma che ha già un team di 15 dipendenti.

Sembra inoltre che il team non avrà una sede fissa, e che sfrutterà profondamente le tecniche dello smart-working apprese durante la pandemia.

L’obiettivo, stando alle parole di Giroux, è quello di adottare un approccio

“back-to-basics”, incentrato sul piacere di creare nuove esperienze di gioco, in un ambiente flessibile e più personale che uno studio indipendente può fornire”.

Mike Laidlaw, Mike Laidlaw nuovo studio, nuovo studio direttore creativo Dragon Age

Skalski ha aggiunto:

“Abbiamo imparato molto lavorando su progetti pluriennali di livello mondiale con migliaia di colleghi e vogliamo adottare un approccio diverso. Sfruttando un team più piccolo e di talento dove le persone vengono prima di tutto, creeremo mondi ed esperienze incredibili. Il mercato si sta muovendo velocemente, e non abbiamo alcuna voglia di giocare (…)di inseguirlo quando possiamo influenzarne la direzione”.

A quanto pare, la vita nel settore tripla-A potrebbe aver stancato molte di queste figure, e forse si tratta di un fatto più che comprensibile.

Riuscirà Yellow Brick Games a ritagliarsi un posto nell’industria “che conta”?

A proposito di rpg epici, sapete che un tester non ha ancora finito Cyberpunk dopo ben 175 ore di gioco?

FONTE Gameindustry.biz

Crusader Kings III: con il Ruler Designer è possibile creare una dinastia da zero

Tomb Raider Reloaded: Lara Croft sta tornando [VIDEO]