Shadow of the Tomb Raider durerà circa 15 ore senza side quest

shadow of the tomb raider
Shadow of the Tomb Raider durerà 15 ore?


L’ultima avventura di Lara Croft potrebbe richiedere quasi venti ore per essere portata a termine se si considerano anche i compiti opzionali. Secondo una discussione sul famoso forum ResetEra, sempre pieno di indiscrezioni su titoli in uscita, Shadow of the Tomb Raider potrà essere completato in 13-15 ore andando avanti solo nella storia principale. Queste informazioni sarebbero trapelate da una rivista spagnola.


Sebbene sia ragionevole approcciare queste informazioni con scetticismo, i tempi rilevati sono in linea con i titoli precedenti della “nuova” serie che è cominciata con il reboot del 2013. Ad esempio, Rise of the Tomb Raider non si discosta molto dalle 15 ore per essere concluso. Vale però la pena ricordare che, sempre secondo queste indiscrezioni non confermate, in Shadow of the Tomb Raider le ore di gioco considerano solo la main quest, prendendo in prestito il gergo dei giochi di ruolo. Nell’avventura, infatti, saranno presenti missioni secondarie e compiti opzionali, contenuti che possono essere ignorati ma che porterebbero il titolo a cifra tonda, 20 ore di gioco per vedere i titoli di coda.

Questa informazione arriva subito dopo il trailer di Shadow of the Tomb Raider che è stato pubblicato pochi giorni fa, che ha rivelato la presenza di ambientazioni Maya. Era tutto formato da cinematiche, senza alcun tipo di meccanica in game da poter analizzare. Tuttavia, il trailer sembrava suggerire che il pubblico interpreterà la parte di una Lara Croft più furiosa e feroce. È apparsa quasi sconvolta nel trailer, dopo aver eliminato brutalmente un gruppo di soldati armati. Attraverso il massacro, il pubblico ha capito che la sua vecchia amica, l’ascia da arrampicata, giocherà ancora un ruolo importante nel suo arsenale.

https://www.youtube.com/watch?v=_WvEmEzujyg

15 ore di gioco in diverse ambientazioni

Nel trailer viene mostrata una singola ambientazione, quella della giungla. Passare 15 o 20 ore di gioco nello stesso scenario potrebbe annoiare e, infatti, nonostante i lead level designer Arne Oeme e Vincent Monnier abbiano sottolineato che l’ambientazione selvaggia sarà quella principale, hanno anche aggiunto che non sarà l’unica.

Lara Croft si muoverà in una vasta gamma di ambientazioni come, d’altronde, è lecito aspettarsi in un titolo del genere. Ci sarà una buona varietà di scenari così da non discostarsi dagli altri capitoli della saga.

Oltre a questi dettagli, sono stati rivelate informazioni riguardo alle versioni in uscita. In primo luogo, è stato ufficialmente annunciato che questa volta non ci saranno lanci a tempo. I fan della serie che erano possessori di una PlayStation ricordano la frustrazione di dover aspettare quasi un anno intero per giocare a Rise of the Tomb Raider dopo che questo fu rilasciato esclusivamente su Xbox.

È stato anche rivelato che ci saranno diverse edizioni di Shadow of the Tomb Raider disponibili quando il gioco sarà lanciato a settembre. I giocatori avranno una vasta gamma di scelta, infatti potranno acquistare la propria versione preferita in base ai contenuti in essa presenti (e al prezzo, ovviamente). Le edizioni sono sia fisiche sia digitali:

  • Standard Edition
  • Digital Deluxe Edition
  • Croft Edition
  • Digital Croft Edition
  • Collector’s Edition

Quest’ultima includerà una statua e la colonna sonora. Inoltre ci sarà un season pass, che finora sembra essere incluso solo nell’edizione da collezione. Ciò che il Pass stagionale potrebbe offrire non è stato ancora divulgato.


Shadow of the Tomb Raider sarà disponibile su PC, PS4 e Xbox One il 14 settembre 2018.

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Michele Longobardi

Laureato in Lettere moderne, scopro la passione per il giornalismo quasi per caso. I videogiochi sono il mio più grande amore e così decido di coniugare le due cose. Il giornalismo videoludico diventa la mia forma finale.

Per me i videogiochi sono una forma d'arte e guai a dirmi il contrario.

Appassionato di tutto ciò da cui sgorga sangue: cinema horror (registi preferiti Argento e Romero), letteratura gialla e dell'orrore (autori preferiti Christie, Poe e Lovecraft) e ovviamente i videogiochi del genere (Silent Hill e Resident Evil sopra ogni cosa).

Il mio videogioco preferito di sempre è Fahrenheit che ho finito un numero non precisato di volte, da lì scaturisce la mia ammirazione per tutti i lavori di David Cage.

La mia "carriera" videoludica è segnata da un marchio da cui non sono mai riuscito a staccarmi: PlayStation! In circa 20 anni di gaming, ho completato più di 600 titoli.

god of war

God of War avrà cinque sequel? Barlog prima conferma poi precisa

cyberpunk 2077

Cyberpunk 2077 confermato per l’E3 2018