Baldur’s Gate 3 diventa Baldur’s Late: ritardo di una settimana

È un fresco pomeriggio di inizio autunno che finalmente sta calmando i bollori dell’ultima estate, state pensando che dopo un’attesa di una decina d’anni finalmente il 30 settembre arriverà Baldur’s Gate 3 sul vostro PC… e poi vi svegliate tutti sudati: gli studi di Larian hanno appena diramato un annuncio comunicando che il gioco sarà ritardato di una settimana.

Simpatico il cambio di nome su Twitter da Baldur’s Gate a Baldur’s Late (“late” in inglese vuol dire tardi o ritardo). Non altrettanto simpatico è il comunicato, sebbene il prolungamento dell’attesa sia solo di una settimana. In altre parole, Baldur’s Gate arriverà il 6 ottobre e non più il 30 settembre a causa di ritardi dovuti alla stabilità di gioco e alla localizzazione. Riportiamo di seguito la traduzione integrale del testo.

È l’anno 2020! Stiamo per lanciare una build in attivo sviluppo, il che significa che le cose possono andare bene, o che possono andare male ogni volta che ne compiliamo una nuova. Lo sviluppo live è differente dall’avere “versioni gold” in quanto non avrai mai una vera “versione gold”. Il nostro principio guida per l’accesso anticipato è che vada bene finché ci siano bug minori o piccoli dettagli che mancano di pulizia, ma deve offrire un’esperienza di gioco divertente con meno crash possibili.

Ci siamo quasi ma abbiamo avuto piccoli ritardi inattesi, e abbiamo ancora problemi di stabilità a cui stiamo facendo fronte. A causa dei ritardi, anche le nostre traduzioni sono più in ritardo di quanto ci aspettassimo e vogliamo assicurarci che le localizzazioni per i linguaggi già annunciati dell’Early Access siano abbastanza forti per i nostri fan internazionali da poterne avere una buona esperienza. Ringraziando il cielo, una settimana di ritardo (6 Ottobre) è tutto ciò che ci aspettiamo di avere bisogno per un triplo controllo della stabilità e della localizzazione.

Abbiamo scritto “aspettiamo” perché il gioco ancora non ha passato la fase del “World Tester”. Il World Tester è una sorta di IA super-gamer che gioca tutte le fasi del videogioco a una velocità incredibile, stressando e testando qualunque cosa spingendola al suo limite. Questo super-gamer sta attualmente giocando, e i risultati sono buoni ma non ancora perfetti. Sappiamo che se il super-gamer non rompe il gioco, c’è una chance minore che voi lo facciate. Non che abbiamo illusioni che voi non ci proviate!

Come risultato di tutti i test che stiamo facendo, adesso abbiamo i requisiti minimi del PC per il day one, e potete controllarli nelle pagine degli store ufficiali.

Vi ricordiamo che Baldur’s Gate è in uscita in Accesso Anticipato e che sarà acquistabile su Stadia, Steam e GOG per il momento.

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Alessandro Colantonio

Game designer in erba e chitarrista a tempo perso. Nasce all'ombra del Vesuvio nel 1991, muove i suoi primi passi nel mondo dei videogiochi su un Windows 95 all'età di 5 anni, e diventa presto un Allenatore di Pokémon.

Bazzica tra radio web e band durante i suoi studi universitari tra Napoli, Roma e Milano, per diventare un mittente di mail professionista per annunci di lavoro che non avranno mai risposta.

Prima di approdare a Player.it si è distinto nella fan-community di Pokémon Millennium diventandone rapidamente editorial supervisor e simultaneamente PR, garantendo alla redazione del portale un flusso costante di videogiochi per Nintendo Switch da recensire.

I suoi generi preferiti sono i gestionali, gli strategici, i tattici e i GDR. Tuttavia, essendo un accumulatore seriale di videogiochi, cerca sempre di giocare ogni titolo che gli capita sotto mano.

Ha una perversione per le pratiche fandom, i cani e la birra artigianale. Adora D&D, va in ira e carica.

bethesda semi indipendente microsoft xbox

Microsoft-ZeniMax: Bethesda lavorerà in modo semi-indipendente

Marvel's Spdier-Man Remastered, Marvel's Spider-man, Sony, Insomniac, remastered, GTA V, The Witcher 3

Remastered, remake, upgrade: un videogioco è per sempre?