Yakuza Empire: tenete d’occhio questo strategico a turni

    yakuza empire, nuovo strategico a turni

    Lo studio indie RockGame SA ha svelato il suo nuovo gioco di strategia a turni, Yakuza Empire. Si tratta di titolo incentrato sulla malavita giapponese, sulla gestione di un impero criminale e l’eliminazione delle famiglie rivali.

    La prima cosa che si potrebbe pensare leggendo il titolo è che si tratti di uno spin-off o di una rivisitazione strategica della serie Yakuza di Sega, in realtà non c’entra nulla con i giochi sviluppati da Ryu Ga Goroku Studio, infatti, come abbiamo spiegato, Yakuza Empire è l’ultimo lavoro di un team indipendente.

    Il videogioco sembra essere addirittura più spietato e violento della famosa serie che vedrà il suo ritorno in occidente con Like a Dragon, come potete voi stessi constatare guardando il trailer. Tra un accoltellamento, un omicidio a sangue freddo e un violento colpo di mazza da baseball in testa, Yakuza Empire non lesina sulle scene gore, coerenti d’altronde con il contesto macchiato di sangue e pieno zeppo di pericolosi gangster.

    Il giocatore sarà chiamato a gestire varie attività illegali nella Tokyo del 1992, tra cui il traffico di stupefacenti e la prostituzione, non mancheranno poi auto sportive veloci e combattimenti. In realtà, Yakuza Empire si concentrerà maggiormente sulle sparatorie che saranno gestire a turni, un po’ alla XCOM.

    Oltre a eliminare la concorrenza, sarà fondamentale gestire la propria banda assumendo nuove reclute, addestrandole e costruendo un quartier generale che soddisfi ogni esigenza. Stando alle parole di RockGame, potremo anche migliorare la nostra base per avere diritto a dei succosi bonus e facilitazioni durante l’avventura, aggiungendo stanze e accessori, inclusa una sala di addestramento per combattimenti con la katana.

    Yakuza Empire sarà disponibile su PC e, nonostante sia già presente la pagina Steam, non c’è ancora una data di uscita. Cosa molto curiosa è che non è l’unico titolo in lavorazione presso RockGame a non avere ancora una data.


    Leggi anche: Videogiochi e criminalità: basta coi moralismi.