Gangster e videogiochi: per favore, basta moralismi

Mafia Definitive Edition, Mafia City, Mafia, videogiochi violenti, videogiochi sulla mafia, GTA, Yakuza, Carmelo Miceli, Carmelo Miceli PD

Gangster e videogiochi sono due parole che fanno scintille quando accoppiate: ciclicamente, spesso a causa dell’uscita di un nuovo titolo incentrato su gangster, sparatorie e malavita organizzata ecco arrivare proteste da parte di alcune categorie (politici, sociologi e analisti, per lo più) che innescano veri e propri vortici mediatici.

L’ultimo è degli scorsi giorni, quando un esponente della commissione parlamentare antimafia, il Dem Miceli, ha attaccato il gioco mobile MafiaCity con l’accusa di essere uno strumento di propaganda malavitosa. Un caso di cui abbiamo parlato in questa lettera aperta al deputato, ma che sembra destinato a sollevare dubbi anche in futuro (del resto Mafia: The Definitive Edition è dietro l’angolo).

Ci sembra quindi il momento giusto per analizzare la questione della rappresentazione della malavita nel videogioco, tentando di ragionare sul perché condannare il “crime game” non è solo inutile o dannoso, ma anche frutto di clamorose difficoltà di analisi.

Mafia City YottaGames, Carmelo Miceli, PD

Crimine e videogioco

Il rapporto fra fiction e genere crime è sempre stato problematico, a partire dai primi esempi di letteratura popolare e fumetto di questa categoria per arrivare al videogioco passando per il cinema e la televisione. A essere messa sotto accusa è sempre la mitizzazione del criminale, la sua positivizzazione, la volontà degli autori di costruire un’empatia con un un personaggio che si macchia di cose orribili, un’accusa che riguarda soprattutto il videogioco, medium “immersivo” per eccellenza.

Le principali critiche di questo tipo sono state quelle a Grand Theft Auto, senza dubbio una delle serie di questo genere più estreme, brutali e anticonformiste rispetto ad altre come Yakuza o Mafia.

Mafia Definitive Edition, Hangar 13, Mafia, 2K Games

Laddove GTA è anticonformista, brutale e abbastanza fuori di testa, Mafia reinterpreta le dinamiche del mafia movie nella sua dimensione più classica, epica e tragica, mentre Yakuza si inserisce nella tradizione dei film di arti marziali a sfondo malavitoso.

Tre modi molto diversi di intendere il genere, ma che focalizzano comunque l’attenzione su un ambiente malavitoso caratterizzato da malaffare, violenza e ambiguità morale, facendo di gang e famiglie malavitose protagonisti.

Ed è a proprio per questo motivo che i novelli censori partono all’attacco, spesso prendendo straordinari abbagli a causa di un grave errore di analisi.

Mafia Definitive Edition, Hangar 13, Mafia, 2K Games

Simulazione o racconto?

Quel che molti commentatori non fanno è porsi una domanda: “Siamo sicuri che un gioco come GTA V sia una simulazione di crimine organizzato?”

Mi spiego un po’ meglio.

Spesso il fatto che il gameplay di questi giochi preveda di andare in giro per una città gestendo varie attività criminali primarie e secondarie in un’ottica di profonda immersività viene visto come un invito a immergersi totalmente nei panni di un criminale e di identificarsi in lui.

Yakuza: Like a Dragon, Yakuza, SEGA,  Ryu ga Gotoku Studio

Ciò in parte corrisponde alla verità. Di fatto la nostra esperienza di gioco si sviluppa in un ecosistema di gioco talmente complesso e ricco di opzioni da portarci a pensare di vivere una vita alternativa. Quel però a molti non è chiaro è che non si tratta della simulazione di un contesto di vita, ma della simulazione di un immaginario collettivo ereditato dal cinema gangster, fra i pilastri fondamentali dell’intrattenimento stelle-e-strisce o asiatico.

Qualche esempio. Quando gioco nei panni di Trevor o Michael sto giocando a un titolo che presenta un tono sospeso fra il classico registro assurdo di GTA e un film di rapina di Michael Mann (Heat-La Sfida), quando gioco Mafia mi ritrovo all’improvviso ne Il Padrino di Francis Ford Coppola, quando sono in Yakuza è come se avessi di fronte un Takeshi Kitano d’annata.

Tutte grandi narrazioni cinematografiche sul crimine che si compongono di contenuti sull’uomo e i suoi lati oscuri, sulla società, sugli equilibri di potere e persino sulla città come elemento essenziale del nostro mondo, che i programmatori hanno voluto portare al massimo del loro potenziale narrativo attraverso immensi open-world esplorabili e ricchi di storie.

Mafia Definitive Edition, Hangar 13, Mafia, 2K Games

Guidando un gangster a spasso per la città, il giocatore gioca a imitare il sicario del Bronx o Al Capone, ma ad omaggiare parte del grande cinema del ‘900, in un grande atto d’amore verso alcuni capolavori.

Un grosso equivoco

E’ francamente inquietante, ma il concetto espresso sopra-una banalità narratologica che ha a che vedere con elementi quali genere, topos e immaginari collettivi-sembra non arrivare mai a gran parte della stampa non specializzata quando parla di videogiochi.

GTA V, Grand Theft Auto V, Rockstar Games, Michael GTA V

Le scusanti ci sono, in Italia soprattutto. In un Paese nel quale il crimine organizzato è una piaga nazionale (e non solo nel Sud), è comprensibile che parte dell’opinione pubblica senta il problema della rappresentazione della mafia come vivo, ma se questo porta alla costante confusione fra fiction e realtà da parte dei commentatori e alla mancata presa di coscienza che il videogioco è strumento di storytelling allora significa che abbiamo una grande non volontà di affrontare analiticamente un intero settore dell’industria dell’intrattenimento.

Significa ignorare le sue potenzialità narrative, sottovalutare il suo rapporto con l’audience, evitare di porsi domande su ciò che un videogioco può essere e sul suo ruolo nella società.

E questo, nell’età del digitale, è un grosso problema.

Articolo a cura di Fabio Antinucci

30 anni (anagraficamente, in realtà molti di più) ha alle spalle esperienze come copywriter, redattore multimediale e critico cinematografico, letterario e fumettistico, laureato con una tesi triennale su Il Cavaliere Oscuro di Christopher Nolan e una magistrale su From Hell di Alan Moore.
Appassionato di letteratura horror e fantastica, divoratore di film di genere di pessima lega (ma ha nel cuore pezzi da novanta come Kubrick, Mann e Kurosawa), passa le sue giornate fra romanzi di Stephen King, graphic novel d’autore e fascicoletti di Batman.
Scrive (male) da una vita, e ha pubblicato un romanzo breve (Cacciatori di morte) e due librigame (quelli della saga di Child Wood).
Crede che il gioco sia una forma di creazione e libertà, capace di farti staccare la spina e al contempo di far riflettere, ragionare, commuoverti e socializzare. Per questo gioca di ruolo da dieci anni (in particolare a Sine Requie, D&D, Vampiri la Masquerade e Brass Age) per questo adora perdersi di fronte alla sua Play.
È innamorato del videogioco grazie a Hideo Kojima e al primo Metal Gear Solid, al quale ha giurato amore eterno, ma col tempo ha imparato ad amare gli open-world, gli action-adventure, gli rpg all’occidentale, i punta e clicca, a una condizione: che raccontino una bella storia.

Un giocatore scopre il volo in Ghost of Tsushima, altro che Flight Simulator!

Diablo Immortal si mostra in un nuovo interessante trailer