HOME » news

Nintendo Direct: l’azienda pensa a nuovi format

Nintendo, Nintendo Direct, Shuntato Furukawa

I fattori del feeling fra Nintendo e la sua community sono tanti, e fra questi rientra anche quella forma peculiare di comunicazione con la base chiamata Direct. Tuttavia, alla luce degli ultimi mesi e di un’intervista uscita nelle ultime ore, il format di questo pilastro potrebbe subire mutamento nella struttura.

Interrogato dagli azionisti sull’assenza di Direct negli ultimi mesi (l’ultimo, in formato “mini”, è di marzo), il presidente dell’azienda Shuntaro Furukawa ha fatto intendere come possa anticipare un notevole cambio di strategia comunicativa da parte di Nintendo.

Shuntaro Furukawa, Nintendo

Non che per Furukawa i Direct possano ritenersi dei canali comunicativi superati (“Riteniamo che [siano] un modo incredibilmente efficace per presentare le informazioni direttamente ai nostri clienti” ha detto infatti), tuttavia nel medesimo intervento ha fatto presente come i tempi stiano cambiando, e che forse presto si ricorrerà a qualcosa di più “tradizionale”, magari incentrato sul semplice trailer diffuso su YouTube .

Se ci pensiamo, si tratta di un cambiamento già sottolineato dalla diffusione del launch trailer di Paper Mario The Origami King (che vi abbiamo mostrato in questa news).

Paper Mario The Origami King, Paper Mario, Nintendo, Super Mario

Nintendo andrà quindi incontro a una filosofia più sprint e “aggressiva” per dare informazioni oppure si tratta solo di una soluzione pensata per far fronte alla situazione di difficoltà dovuta al lockdown?

FONTE VGC

Articolo a cura di Fabio Antinucci

30 anni (anagraficamente, in realtà molti di più) ha alle spalle esperienze come copywriter, redattore multimediale e critico cinematografico, letterario e fumettistico, laureato con una tesi triennale su Il Cavaliere Oscuro di Christopher Nolan e una magistrale su From Hell di Alan Moore.
Appassionato di letteratura horror e fantastica, divoratore di film di genere di pessima lega (ma ha nel cuore pezzi da novanta come Kubrick, Mann e Kurosawa), passa le sue giornate fra romanzi di Stephen King, graphic novel d’autore e fascicoletti di Batman.
Scrive (male) da una vita, e ha pubblicato un romanzo breve (Cacciatori di morte) e due librigame (quelli della saga di Child Wood).
Crede che il gioco sia una forma di creazione e libertà, capace di farti staccare la spina e al contempo di far riflettere, ragionare, commuoverti e socializzare. Per questo gioca di ruolo da dieci anni (in particolare a Sine Requie, D&D, Vampiri la Masquerade e Brass Age) per questo adora perdersi di fronte alla sua Play.
È innamorato del videogioco grazie a Hideo Kojima e al primo Metal Gear Solid, al quale ha giurato amore eterno, ma col tempo ha imparato ad amare gli open-world, gli action-adventure, gli rpg all’occidentale, i punta e clicca, a una condizione: che raccontino una bella storia.

Crucible, Amazon Game Studios, Amazon

Crucible torna in beta dopo una “falsa partenza”

Cyberpunk 2077, CD Projekt Red, Cyberpunk 2077 parti tagliate

Cyberpunk 2077: eliminata la possibilità di scalare i muri