L’interfaccia di PlayStation 5 ci sorprenderà, parola di dev

PlayStation 5, sony computer entertainment, PlayStation

Dallo scorso giovedì tutto il mondo conosce finalmente l’aspetto esterno di PlayStation 5, ma quel che ancora nessuno ha visto è l’aspetto che l’interfaccia utente avrà una volta che collegheremo la nuova console al nostro televisore. Qualche indiscrezione a tal proposito arriva però dalle parole di Matt MacLaurin, VP (vice-president) della sezione UX Design del team di sviluppo.

Intervenendo su Linkedin MacLaurin ha risposto ad alcune domande degli utenti spiegando che l’aspetto dei menù utenti sarà molto diverso rispetto a quelli di PlayStation 3 e 4, in quanto più pratico e capace di offrire un’esperienza di navigazione “migliore”. Dichiarazioni del genere, pur abbastanza fumose, lasciano intendere un design molto diverso dall’ormai famoso menù a scorrimento “a croce”, adottato da ormai due generazioni.

PlayStation 5, sony computer entertainment, PlayStation
PlayStation 5, sony computer entertainment, PlayStationUno dei tanti “fan-concept” dell’interfaccia PS5 circolati in questi mesi (credits: Paweł Durczok). Si avvicinerà alla verità?

MacLaurin ha inoltre messo in chiaro che uno degli scopi di tale cambiamento sia offrire esperienze più rapide grazie a tempi di caricamento e apertura delle applicazioni ridotti al minimo.

Informazioni che ci preparano senza dubbio ad accogliere qualche piccola innovazione e scatenano la fantasia degli utenti.

Come immaginate i menù delle console next-gen? Come dovrebbero essere, secondo voi?

>>Volete un recap totale delle caratteristiche PlayStation 5? Allora non perdetevi il nostro recappone<<

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!
FONTE Wccftech

Articolo a cura di Fabio Antinucci

30 anni (anagraficamente, in realtà molti di più) ha alle spalle esperienze come copywriter, redattore multimediale e critico cinematografico, letterario e fumettistico, laureato con una tesi triennale su Il Cavaliere Oscuro di Christopher Nolan e una magistrale su From Hell di Alan Moore.
Appassionato di letteratura horror e fantastica, divoratore di film di genere di pessima lega (ma ha nel cuore pezzi da novanta come Kubrick, Mann e Kurosawa), passa le sue giornate fra romanzi di Stephen King, graphic novel d’autore e fascicoletti di Batman.
Scrive (male) da una vita, e ha pubblicato un romanzo breve (Cacciatori di morte) e due librigame (quelli della saga di Child Wood).
Crede che il gioco sia una forma di creazione e libertà, capace di farti staccare la spina e al contempo di far riflettere, ragionare, commuoverti e socializzare. Per questo gioca di ruolo da dieci anni (in particolare a Sine Requie, D&D, Vampiri la Masquerade e Brass Age) per questo adora perdersi di fronte alla sua Play.
È innamorato del videogioco grazie a Hideo Kojima e al primo Metal Gear Solid, al quale ha giurato amore eterno, ma col tempo ha imparato ad amare gli open-world, gli action-adventure, gli rpg all’occidentale, i punta e clicca, a una condizione: che raccontino una bella storia.

Copertina Baldur's Gate III

Baldur’s Gate III: annunciato l’accesso anticipato per agosto 2020

Xbox Series X, Microsoft, Xbox, iD@Xbox

Microsoft prepara i team indie alla next-gen: inviati tanti devkit di Series X