The Last of Us Part II è entrato in gold, l’annuncio di Naughty Dog

The Last of Us Part II, The Last of Us, Naughty Dog, Sony

Neil Druckmann, direttore di The Last of Us Part II ha ufficializzato l’inizio della cosiddetta “fase gold” per il nuovo capitolo delle avventure di Joel ed Ellie, confermando in maniera definitiva l’uscita del gioco per il 19 giugno 2020. Per i non avvezzi al gergo produttivo dei videogiochi, “fase gold” indica il periodo finale della produzione di un titolo nella quale, dopo la conclusione dei lavori di programmazione, inizia la fase di produzione dei dischi.

L’annuncio di Druckmann è arrivato attraverso un filmato pubblicato sul profilo Instagram ufficiale di Naughty Dog, nel quale il director ha elogiato il lavoro dei suoi dipendenti costretti a lavorare da casa e si è detto dispiaciuto dell’impossibilità di festeggiare in modo adeguato un traguardo del genere.

https://www.instagram.com/p/B_xb3gSHX59/

Infine Druckmann non ha mancato di parlare dei leaks della scorsa settimana, tentando di rassicurare i giocatori sul fatto che essi non rovineranno l’esperienza (ricordiamo che i filmati online contengono spoiler molto pesanti sulla trama, che andrebbero a intaccare l’esperienza di gioco):

“Non c’è niente che possa competere con il giocare una cosa del genere dall’inizio alla fine. E’ un gioco, va giocato“.

Sempre a proposito dei leak, ricordiamo che nella giornata di ieri sono emersi nuovi dettagli circa gli eventi di una settimana fa, raccontati dal nostro Amerigo Cirelli nel suo recap della vicenda.

A questo punto non ci rimane che attendere il 19 giugno e gustarci, finalmente, la nuova fatica Naughty Dog/Sony.

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!
FONTE DualShockers

Articolo a cura di Fabio Antinucci

30 anni (anagraficamente, in realtà molti di più) ha alle spalle esperienze come copywriter, redattore multimediale e critico cinematografico, letterario e fumettistico, laureato con una tesi triennale su Il Cavaliere Oscuro di Christopher Nolan e una magistrale su From Hell di Alan Moore.
Appassionato di letteratura horror e fantastica, divoratore di film di genere di pessima lega (ma ha nel cuore pezzi da novanta come Kubrick, Mann e Kurosawa), passa le sue giornate fra romanzi di Stephen King, graphic novel d’autore e fascicoletti di Batman.
Scrive (male) da una vita, e ha pubblicato un romanzo breve (Cacciatori di morte) e due librigame (quelli della saga di Child Wood).
Crede che il gioco sia una forma di creazione e libertà, capace di farti staccare la spina e al contempo di far riflettere, ragionare, commuoverti e socializzare. Per questo gioca di ruolo da dieci anni (in particolare a Sine Requie, D&D, Vampiri la Masquerade e Brass Age) per questo adora perdersi di fronte alla sua Play.
È innamorato del videogioco grazie a Hideo Kojima e al primo Metal Gear Solid, al quale ha giurato amore eterno, ma col tempo ha imparato ad amare gli open-world, gli action-adventure, gli rpg all’occidentale, i punta e clicca, a una condizione: che raccontino una bella storia.

Copertina per l'analisi del racconto Lassitude

Risveglio Psichico: Lassitude, analisi e commento del racconto

Metal Gear Solid, Solid Snake, David Hayter

Solid Snake è tornato per sconfiggere il Covid 19