Kojima e Reedus al lavoro su nuovi progetti

Norman Reedus, Hideo Kojima

Siete fra quelli che pensano che Norman Reedus e Hideo Kojima formino un vero e proprio dream team? Allora questa notizia fa per voi. In una serie di dichiarazioni rilasciate a Wired l’attore ha accennato a una possibile nuova collaborazione con il game director giapponese dopo Death Stranding.

Si tratta di una videointervista nella quale l’attore ha affermato di aver parlato con Kojima di alcune “cose riguardanti Death Stranding“, e che Guilliermo del Toro gli avrebbe rivelato che si starebbe aspettando una chiamata da Kojima-San per parlare di lavoro.

Ecco il video:

Cosa bolle in pentola?

E’ ovvio che, dato il coinvolgimento di Kojima, scoprire se la nuova collaborazione si tratterà di DLC o sequel di quello che è stato fra i giochi-simbolo della scorsa stagione oppure di un progetto completamente nuovo non sarà molto semplice. La verità è infatti che saperne di più dovremo aspettare che il papà di Solid Snake decida di vuotare il sacco.

Tuttavia, dato il forte legame con Reedus, nato all’interno del progetto Silent Hills e proseguito nonostante la sua chiusura nell’ambito di Death Stranding, non sarebbe così fantasioso pensare che Kojima potrebbe aver trovato il suo “attore feticcio” da spremere e utilizzare per i suoi progetti a venire a prescindere dal loro legame con l’universo di Death Stranding. Ricordiamo inoltre come in queste settimane parte del mondo videoludico si sia scervellato in merito a una serie di indizi che sarebbero stati diffusi da foto e video comparsi sui profili ufficiali di Kojima Productions e che suggerirebbero un restart dello sviluppo di Silent Hills.

Uno di questi sarebbe il tweet di seguito: nella foto in alto, il responsabile della comunicazione di Kojima Productions Aki Saito usa una matita della marca “Pyramid”, riferimento al personaggio di Pyramid Head, cosa suggerirebbe in modo molto criptico il ritorno del team su Silent Hills. Altro indizio sarebbe l’uso di “silent” nel copy.

Tuttavia al momento queste voci non trovano alcuna sponda in dichiarazioni ufficiali, ed è bene sottolineare come fare vere e proprie congetture su un ritorno di Kojima al lavoro su Silent Hill sia al momento a dir poco prematuro.

La verità è un’altra: a questo punto non ci resta che armarci di pazienza e aspettare di vedere cosa questo nuovo “magnifico duo” (trio, se ci mettiamo anche Del Toro) abbia in serbo per noi.

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!
FONTE Wired - Canale Youtube DualShockers

Articolo a cura di Fabio Antinucci

30 anni (anagraficamente, in realtà molti di più) ha alle spalle esperienze come copywriter, redattore multimediale e critico cinematografico, letterario e fumettistico, laureato con una tesi triennale su Il Cavaliere Oscuro di Christopher Nolan e una magistrale su From Hell di Alan Moore.
Appassionato di letteratura horror e fantastica, divoratore di film di genere di pessima lega (ma ha nel cuore pezzi da novanta come Kubrick, Mann e Kurosawa), passa le sue giornate fra romanzi di Stephen King, graphic novel d’autore e fascicoletti di Batman.
Scrive (male) da una vita, e ha pubblicato un romanzo breve (Cacciatori di morte) e due librigame (quelli della saga di Child Wood).
Crede che il gioco sia una forma di creazione e libertà, capace di farti staccare la spina e al contempo di far riflettere, ragionare, commuoverti e socializzare. Per questo gioca di ruolo da dieci anni (in particolare a Sine Requie, D&D, Vampiri la Masquerade e Brass Age) per questo adora perdersi di fronte alla sua Play.
È innamorato del videogioco grazie a Hideo Kojima e al primo Metal Gear Solid, al quale ha giurato amore eterno, ma col tempo ha imparato ad amare gli open-world, gli action-adventure, gli rpg all’occidentale, i punta e clicca, a una condizione: che raccontino una bella storia.

come ottenere tutti i trofei in nioh 2

Nioh 2 | Guida ai Trofei

Giochi cooperativi da giocare in quarantena