The Witcher 3 supera per la prima volta 100.000 giocatori simultanei su Steam

the witcher 3 supera i 100.000 giocatori simultanei

Continuiamo a parlare di The Witcher 3 che, in queste ultime settimane, sta monopolizzando i siti di informazione videoludica nonostante sia uscito nel 2015. Ciò sta avvenendo grazie al successo della serie Netflix che sta aiutando il videogioco a superare alcuni record.

Non che il gioco di ruolo di CD Projekt Red abbia bisogno di spintarelle, ma un videogioco di quasi cinque anni fa è normale che si trovi nella sua fase calante, nonostante sia uno dei più influenti della decade appena passata, ma è indubbio che la serie tv con Henry Cavill abbia dato nuova linfa al videogioco tratto dalle opere letterarie di Andrzej Sapkowski.

Il record più recente battuto da The Witcher 3 è quello dei giocatori simultanei su Steam. Il titolo è stato infatti giocato in contemporanea da 100.000 giocatori, un dato davvero impressionante se si pensa che il picco era stato raggiunto a maggio del 2015 con 92.268 giocatori simultanei.

Da quel momento, The Witcher 3 non si era più avvicinato così tanto alla cifra tonda, cosa che invece è avvenuta oggi grazie alla spinta data dalla serie tv che è riuscita, da un lato a far avvicinare i neofiti alle avventure di Geralt di Rivia, dall’altro a far rinascere nei giocatori di vecchia data la voglia di esplorare le bellissime ambientazioni e uccidere mostri.

Come potete vedere nell’immagine qui sopra, The Witcher 3 è riuscito a superare anche Destiny 2, di pochissimo, gioco molto più recente e che si basa sull’incontro simultaneo dei giocatori. Ovviamente, non è invece riuscito a scalzare dei mostri sacri della competitività come PLAYERUNKNOWN’S BATTLEGROUNDS, Dota 2 e Counter Strike: Global Offensive, videogiochi che sono in vetta a questa classifica ormai da mesi e che sono stati concepiti proprio per far giocare simultaneamente migliaia di utenti.

Anche Grand Theft Auto V, anch’esso non di primo pelo, è difficilmente superabile visto che il titolo Rockstar rimane ancora oggi uno dei videogiochi più venduti in tutto il mondo, arrivando addirittura a fatturare più di qualsiasi altro prodotto d’intrattenimento.

Sicuramente si tratta di una fase che avrà una durata più o meno limitata, ma c’è senza dubbio da rimarcare il fatto che è bastata l’uscita della serie tv per rimettere sulla cresta dell’onda un gioco che aveva ormai già dato. Chi dei nostri lettori ha riscoperto The Witcher 3 dopo aver visto la serie Netflix? Ditecelo nei commenti.

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Michele Longobardi

Laureato in Lettere moderne, scopro la passione per il giornalismo quasi per caso. I videogiochi sono il mio più grande amore e così decido di coniugare le due cose. Il giornalismo videoludico diventa la mia forma finale.

Per me i videogiochi sono una forma d'arte e guai a dirmi il contrario.

Appassionato di tutto ciò da cui sgorga sangue: cinema horror (registi preferiti Argento e Romero), letteratura gialla e dell'orrore (autori preferiti Christie, Poe e Lovecraft) e ovviamente i videogiochi del genere (Silent Hill e Resident Evil sopra ogni cosa).

Il mio videogioco preferito di sempre è Fahrenheit che ho finito un numero non precisato di volte, da lì scaturisce la mia ammirazione per tutti i lavori di David Cage.

La mia "carriera" videoludica è segnata da un marchio da cui non sono mai riuscito a staccarmi: PlayStation! In circa 20 anni di gaming, ho completato più di 600 titoli.

Unity of Command II

Unity of Command 2: il realismo può essere divertente?

S.T.A.L.K.E.R. 2,

Stalker 2 userà l’Unreal Engine per permettere lo sviluppo di mod