Il witcher Geralt Di Rivia arriva come personaggio giocabile su Soul Calibur VI

Witcher

Le leggendaria saga di Soul Calibur ha appena aggiunto al suo roster un combattente incredibile che farà sicuramente andare in brodo di giuggiole un sacco di persone.

Arriva lo strigo.

In giornata sul canale Youtube di Bandai Namco è apparso un trailer che farà lussare la mascella a molti esseri umani. A causa delle faglie dimensionali e di altri strani artifici narrativi, il mondo di Soul Calibur VI includerà il più famoso strigo del mondo dei videogiochi.

[amazon_link asins=’B01KJZYXW6,1616597607,B01HZA54GM’ template=’Carosello_prodotti’ store=’frezzanet04-21′ marketplace=’IT’ link_id=’4f0f7902-2857-11e8-8e19-89876408d517′]

Geralt Di Rivia (protagonista della pluripremiata saga di The Witcher) arriverà assieme al titolo nel corso del 2018 come personaggio già presente all’interno del gioco (niente DLC quindi) e sarà armato con la sua coppia di spade per affrontare il resto dei combattenti di Soul Calibur.

Mancano massimo nove mesi all’uscita del titolo, presente su PS4, Xbox One e PC; lucidate i joypad e andate a ripassare l’alchimia che ci sarà da divertirsi.

 

 

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Graziano Salini

Essere umano dotato di infinito nozionismo su cose di dubbia utilità, interagisce con il mondo dei videogiochi da quando ritiene di avere coscienza di sé. I punti forti del suo curriculum sono le oltre seimila ore passate sui moba, gli infiniti titoli conosciuti (e giocati) esplorando i meandri più reconditi della rete e l'indubbia capacità nel "flammare" con gentilezza il giocatore che ha davanti nella sua lingua natia.

Dopo aver preso coscienza dell'esorbitante numero di ore passate su giochi in grado di danneggiare gli organi interni, il tizio raffigurato in foto ha deciso di comprarsi un computer normale e di tenersi aggiornato con le console dando frutto a lunghe sessioni di blasfemie e coccole davanti all'action adventure o al gioco di ruolo di turno, impazzendo davanti a enigmi dalle soluzioni lapalissiane o superando con scioltezza nemici dalla difficoltà aberrante.

Nemico pubblico della punteggiatura e del bel scrivere, può vantare un lessico forbito da completo autistico derivato dai quintali di fumetti Disney letti in tenera età. Al momento sta aspirando alla santità aiutando tutto e tutti in missioni dalla dubbia utilità; aggiorna costantemente i suoi amici facebook sulla musica che ascolta (bella sopra ogni buon senso) e sui giochi che conclude, giusto per dare un senso ad account vecchi lustri.

shadow of the tomb raider

Pubblicato il teaser trailer di Shadow of the Tomb Raider

bloodborne soluzione

Bloodborne, dieci trucchi e consigli per iniziare a giocare