Nuovi rumour sul progetto “Shadows Dies Twice” di From Software

From Software

Vi ricordate del misterioso progetto che From Software ha presentato durante l’ultimo Game Awards a fine 2017 ?

Il videogioco misterioso che tutti sperano sia il seguito dell’indimeticabile Bloodborne (che questo mese è gratuito per i possessori di Playstation Plus) sembra essere ben altro, secondo degli utenti del forum di ResetEra.

Kuon chi?

Secondo due utenti di ResetEra, tali Dusk Golem e Omnipotent, il titolo che From Software tirerà fuori sarà un seguito spirituale del Survival Horror Kuon, uscito nell’ormai lontano 2004 per Ps2, sviluppato dalla casa giapponese stessa.

Kuon è un vecchio titolo di From Software uscito nel bel mezzo dell’era PS2 ambientato nel Giappone dell’epoca Heian (tra l’800 e il 1100). Compito dei giocatori sarà quello di esplorare un maniero ed un tempio durante una notte infinita affrontando demoni del folklore giapponese.

L’utente Dusk Golem, data la sua posizione di insider, ha scritto sul forum di ResetEra che “da ciò che ha potuto vedere e dalla sua esperienza, nonostante il titolo non verrà chiamato Kuon 2, è praticamente Kuon 2.”

“Questo –aggiunge successivamente- va a riconfermare la non uscita di Bloodborne 2 nell’immediato e si somma alle parole dette in precedenza da Miyazaki stesso ad un’ altro insider dell’azienda presente nel forum di Resetera”

L’utente di cui Dusk Golem parla è Omnipotent (conosciuto in precedenza come OmnipotentComponent) il quale ha dichiarato nel corso di conoscere la vera natura del progetto e che quest’ultimo non è assolutamente Bloodborne 2”.

Secondo Dusk Golem il nuovo titolo di From Software sarà un seguito spirituale di Kuon, un po’ come Demon Souls è stato il seguito spirituale di King’s Field.

La teoria di Dusk Golem

Le prove che Dusk Golem utilizza per portare acqua al suo mulino sono molte e, in tutta onesta, convincenti:

  • I suoni utilizzati nel trailer del progetto Shadows Die Twice sono molto simili se non del tutto uguali a quelli presenti all’interno di Kuon. L’esempio più lampante è il suono presente durante le battute finali del trailer di SDT che risulta molto simile al jingle degli eventi paurosi presenti in Kuon.

  • I caratteri che appaiono sullo sfondo del trailer appartengono al cinese antico. Nel Giappone di Kuon la scrittura utilizzata era molto più simile al cinese antico che al giapponese moderno perché l’isola usciva da un lungo periodo di dominazione cinese.
    Altro punto a favore è la similitudine tra il papiro presente sullo sfondo e i documenti presenti all’interno di Kuon stesso.
  • Il trailer di From presenta in bella vista una corda. In Kuon le corde sono usatissime all’interno del design dei personaggi ed hanno importanza all’interno della lore del titolo.
    Le corde, nel periodo Heian, erano realizzate in seta e Kuon ha tra le ambientazioni un tempio specializzato nella creazione di manufatti di seta.
  • Un altro parallelo tra i due mondi può essere trovato nel dispositivo di tortura che il trailer mostra: esso si ricollega alla trama di Kuon che presenta una lotta sanguinolenta tra il tempio in cui il titolo è ambientato e il mondo demoniaco che si trova sotto di esso. Il tempio, per guadagnare tempo sui demoni, torturava e sacrificava persone innocenti nel tentativo di accontentare le richieste demoniache.
  • Shadows Die Twice richiama la struttura della storia di Kuon, divisa in due capitoli,  pregna di dualità e di yin e yang. Senza entrare in spoiler ulteriori possiamo tranquillamente affermare che le ombre che muoiono due volte rientrano perfettamente nel finale di Kuon.
  • Le tematiche sono pressoché le stesse: Giappone antico con una venatura horror piuttosto marcata.

Non dimentichiamo inoltre che, durante il periodo che intercorse tra l’uscita di Dark Souls III ed i suoi DLC, Miyazaki dichiarò di stare lavorando su una nuova IP piuttosto strana.

Conclusioni

Queste, per il momento, rimangono le teorie di un utente con molta fantasia ma con un certo occhio critico. From Software non ha ancora detto una parola ma potrebbero esserci tre decorsi possibili per il futuro di Shadows Die Twice:

  1. Una nuova IP del tutto originale.
  2. Un seguito spirituale di Kuon
  3. Un videogioco ispirato o direttamente derivante dalla saga di Tenchu.

Che dire ? Restate su Player.it per eventuali aggiornamenti sulla vicenda.

 
 

 

 

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Graziano Salini

Essere umano dotato di infinito nozionismo su cose di dubbia utilità, interagisce con il mondo dei videogiochi da quando ritiene di avere coscienza di sé. I punti forti del suo curriculum sono le oltre seimila ore passate sui moba, gli infiniti titoli conosciuti (e giocati) esplorando i meandri più reconditi della rete e l'indubbia capacità nel "flammare" con gentilezza il giocatore che ha davanti nella sua lingua natia.

Dopo aver preso coscienza dell'esorbitante numero di ore passate su giochi in grado di danneggiare gli organi interni, il tizio raffigurato in foto ha deciso di comprarsi un computer normale e di tenersi aggiornato con le console dando frutto a lunghe sessioni di blasfemie e coccole davanti all'action adventure o al gioco di ruolo di turno, impazzendo davanti a enigmi dalle soluzioni lapalissiane o superando con scioltezza nemici dalla difficoltà aberrante.

Nemico pubblico della punteggiatura e del bel scrivere, può vantare un lessico forbito da completo autistico derivato dai quintali di fumetti Disney letti in tenera età. Al momento sta aspirando alla santità aiutando tutto e tutti in missioni dalla dubbia utilità; aggiorna costantemente i suoi amici facebook sulla musica che ascolta (bella sopra ogni buon senso) e sui giochi che conclude, giusto per dare un senso ad account vecchi lustri.

microsoft e3 2018

Microsoft: grandi progetti per la prossima E3 2018

josef fares a way out

Josef Fares: “EA non guadagnerà un solo dollaro da A Way Out”