Sembra essere una notizia inventata, invece è la vita reale. A volte la realtà supera la fantasia: Livedoor riporta che un turista taiwanese di 35 anni alla guida di un kart e nei panni dell’idraulico rosso che tutti adoriamo e conosciamo ha investito un ragazzo di 19 anni giapponese alla guida della sua bicicletta nella zona di Akihabara, a Tokyo in Giappone.

Dopo aver investito il povero ragazzo, il turista non si è fermato, forse a causa dell’ebrezza di trovarsi in Giappone o forse convinto di essere dentro un vero e proprio videogioco dove le proprie azioni non hanno alcuna conseguenza nella vita reale, ed è stato fermato poco dopo dalle autorità locali.

Come sia possibile che un turista si trovasse in Giappone vestito da Mario e alla guida di un kart necessita di una rapida spiegazione. Non si tratta di trovate pubblicitarie ufficiali di Nintendo, né di una idea che ha niente a che fare con il colosso giapponese dei videogiochi. Si tratta infatti di una compagnia privata, tale Mari Kar, che sfruttando la popolarità del franchise Mario Kart ha deciso di creare un business basato sul noleggio di Kart e costumi di tutti i personaggi più famosi della serie.

Mari Car, tuttavia, sta attraversando beghe legali per questo suo business. E’ in corso infatti una diatriba a livello legale tra l’azienda e Nintendo stessa che ha chiesto un risarcimento di 1 milioni di yen (circa 80 mila euro) per il danno subito all’immagine. La diatriba non si riferisce solo al fatto che l’azienda noleggi kart ad immagine e somiglianza di quelli presenti nel celebre videogame: combinato al noleggio dei kart, come citato sopra vi è anche un servizio noleggio di costumi di Mario, Donkey Kong, Luigi e tutti gli altri eroi della saga, per poter cosplayare e pensare davvero di essere dentro il videogioco di mamma N. D’altro canto, il nome giapponese di Mari Car è マリカー (marika-), che è anche il modo abbreviato con cui il pubblico giapponese si riferisce a Mario Kart, con la conseguenza che cercando l’azienda su google inevitabilmente si ritrovi la pagina ufficiale del franchise tra i risultati correlati, ingannando il consumatore che vi sia una effettiva correlazione ufficiale tra le due cose.

mario kart giappone

La difesa di Mari Car è che non sia essa stessa a noleggiare tali costumi ma si tratti di una azienda esterna con la quale non ha niente a che vedere, e che il solo fatto di noleggiare kart non può essere un capo di imputazione, in quanto non può controllare che chi noleggi un kart poi decida di vestirsi come gli eroi della saga Nintendo.

Seguiremo lo svolgimento di questa vicenda da vicino. Sta di fatto che il noleggio e il vestirsi da Mario possa far dimenticare la differenza tra la vita reale e il videogioco, come accaduto al turista in question che non si è nemmeno degnato di soccorrere il povero ragazzo giapponese.