Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Pubblicato in: News

Un artista ha creato un trailer di un film su Zelda in stile Studio Ghibli

Inutile girarci troppo attorno: The Legend of Zelda è uno dei franchise più amati della “scuderiaNintendo, nonché dell’intera storia dei videogiochi. Come tutti sappiamo, la grande N è stata sempre molto gelosa, per usare un eufemismo, delle sue proprietà intellettuali, concedendo molto raramente la possibilità di realizzarne degli adattamenti cinematografici. Proprio per questa ragione, al di là del tanto amore dei fan, non è stato mai realizzato un film su Zelda.

Ebbene, nonostante quanto detto in precedenza, sembra proprio che un artista abbia realizzato, anche se “in piccolo”, il sogno di tantissimi appassionati. Matt Vince ha realizzato ben tre poster ed un piccolo trailer di quello che sarebbe potuto essere un film di animazione su The Legend of Zelda, realizzato con lo stile di uno degli studi più amati ed apprezzati di sempre: lo Studio Ghibli.

Un film dello Studio Ghibli su Zelda: un fan realizza il sogno

Se è vero, come detto in apertura, che The Legend of Zelda è senza dubbio una delle saghe videoludiche per eccellenza, è altrettanto vero che lo stesso può dirsi, nel cinema di animazione, dei film dello Studio Ghibli. Il celebre studio giapponese, fondato da Hayao Miyazaki, Isao Takahata,  Toshio Suzuki e Yasuyoshi Tokuma, ha realizzato alcuni tra gli anime più apprezzati di sempre, sia in Oriente che in Occidente.

Il mio vicino Totoro, Nausicaä della Valle del vento, Porco Rosso, Princess Mononoke, La Città Incantata, Il Castello Errante di Howl: tutte queste pellicole hanno segnato la storia del cinema di animazione, aprendogli la strada addirittura agli Academy Awards. Se i film di animazione sono oramai equiparati dalla critica alle pellicole live action, gran parte del merito va soprattutto allo Studio Ghibli.

Ebbene, sembrerebbe che, sogni a parte, in passato lo studio Hayao Miyazaki avesse valutato la possibilità di realizzare un film su The Legend of Zelda. Purtroppo, il progetto fu quasi subito accantonato, mandando in frantumi le speranze dei tantissimi fan della saga. Questo fino ad oggi. L’artista Matt Vince ha pubblicato, sul suo account Tumblr, ben tre poster ed un trailer di ciò che avrebbe potuto essere e non è stato.

Quando il fanmade fa sognare gli appassionati

Queste locandine fanmade lasciano decisamente a bocca aperta.

Chi vi scrive, per un attimo, solo per un attimo, vedendo quanto prodotto da Matt Vince, ha sentito il proprio cuore battere forte. Nonostante, alla fine della fiera, si rimanga sempre all’interno dei piacevoli (ma angusti) confini del fanmade, l’artista ci fa aprire gli occhi su una considerazione tanto importante quanto scontata: Studio Ghibli sarebbe stato l’unico studio ad avere tutte le carte in regola per un progetto tanto ambizioso.

Studio Ghibli avrebbe avuto tutte le carte in regola per realizzare un progetto così ambizioso.

Le tre locandine realizzate, raffiguranti rispettivamente Link, la principessa Zelda e Ganondorf, trasudano Studio Ghibli da ogni singolo pixel. Guardando il trailer, invece, il cuore di chi vi scrive diventa sempre più pieno di rimorsi: vedere luoghi tanti iconici quanto familiari come il Grande Albero di Deku, i Campi di Hyrule, il Tempio del Tempo ed il villaggio di Kakariko realizzati con lo stile che ha reso celebre Miyazaki è un colpo troppo difficile da incassare.

Quando Studio Ghibli e videogame si uniscono

Il progetto diventerà mai realtà?

Hayao Miyazaki, come ogni appassionato sicuramente saprà, si è ritirato dalle scene oramai da qualche anno. Proprio in base a quanto ora scritto, il progetto relativo al film su The Legend of Zelda di Studio Ghibli rappresenta una speranza quasi peregrina.Tuttavia, non sarebbe la prima volta che il celebre studio di animazione nipponico presta la sua arte al mondo dei videogiochi.

Se Jade Cocoon e Jade Cocoon 2 hanno rappresentato le prime due collaborazioni di Studio Ghibli con l’industria del gaming, l’esempio più lampante è rappresentato da Ni No Kuni e Ni No Kuni II. Il primo capitolo della serie Bandai Namco è stato sviluppato da Level-5 insieme allo studio, tale sodalizio non si è ripetuto anche nel sequel che, comunque, può vantare la presenza di Yoshiyuki Momose e del maestro Joe Hisaishi, rispettivamente character designer e compositore delle colonne sonore di Studio Ghibli.

Non è dato sapere se le creazioni di Matt Vince potranno riportare in auge il progetto di Studio Ghibli; tuttavia, molto spesso il tempo ha saputo regalarci gioie decisamente inaspettate. Sognare non costa nulla, giusto?

Restate sintonizzati per ulteriori news in merito. Se desiderate approfondire le collaborazioni di Studio Ghibli con i videogame, leggete la nostra recensione di Ni No Kuni II.

>> Leggi anche: The Witcher come un anime dello Studio Ghibli <<

Claudio Albero

Nasce a Torre del Greco, una piccola metropoli alle falde del Vesuvio, nei favolosi anni ’80, che già però non avevano più niente di favoloso. Provano ad educarlo con Beatles e musica classica sin dalla più tenera età, ma lui, di tutta risposta, si appassiona all’ heavy metal ed ai videogame , spendendo un piccolo patrimonio in sala giochi, quando queste due parole erano ancora slegate dalle slot machine. Dopo aver mosso i primi passi su Sega Master System II con Alex Kidd, il Super Mario con le orecchie a sventola, si innamora dei platform, degli action/adventure e degli RPG, con particolare attenzione alla saga di Final Fantasy. Inguaribile sognatore con le radici saldamente ancorate nel passato, scopre la sua passione per la scrittura quasi per caso, in uno dei tanti pomeriggi passati tra i corridoi della Facoltà di Giurisprudenza di Napoli, dove si laureerà giusto qualche anno dopo, con una tesi in Diritto d’Autore basata sull’opera multimediale. Dopo aver scritto di attualità e musica su Lacooltura.it , Road TV Italia e Federico TV , approda sui lidi di Player.it , in cui comincia sin da subito ad apprendere e fare domande, guadagnandosi rapidamente il titolo di “ redattore rompiscatole del mese ”. Nonostante sia legatissimo alla grande famiglia di Player, non sono rare alcune sue incursioni su portali come Gameplay Café e Spazio Rock . Musica, videogame, concerti, boardgame, modellismo, fumetti, cinema e serie tv: tanti hobby diversi tra loro, ma collegati da un fil rouge che li unisce tutti: il divertimento . È proprio questo che cerca in un videogame, è proprio questo sentimento che muove le sue dita, ed è sempre il divertimento la sensazione che cerca di infondere nei suoi articoli. Al di fuori del mondo del gaming, indossa giacca e cravatta per mimetizzarsi nel mondo degli avvocati, esercitando la professione forense, con lo scopo di conoscere a fondo le “ regole del gioco ”, nonché di minacciare di far causa a chiunque al minimo pretesto.

Disqus Comments Loading...
Share
Tags: zelda

Recent Posts

Doom Eternal: Tutti i trucchi e i codici da inserire

Tra i tanti collezionabili da trovare in Doom Eternal, i codici sono forse quelli con…

Lista dei migliori Giochi di Avventura

I migliori giochi di avventura da scoprire e scaricare, scoprite se fanno per voi in…

Cos’è la musica 8D? Anatomia e spiegazione del nuovo fenomeno

Cosa significa musica 8D? Quali sono gli esempi? Come si compone? Perché tutti parlano di…

Come giocare ad Half Life: Alyx senza VR

Non avete un visore per la realtà virtuale e volete sapere di che parla Half…

Recensione Control: The Foundation (DLC)

Remedy ha finalmente pubblicato The Foundation, primo di due DLC di Control dedicato alla spiegazione…

Recensione a 4 mani | Animal Crossing: New Horizons

Tutti ne parlano, tutti lo vogliono, ma nessuno riesce a spiegare il motivo del suo…