Nintendo ci spiega come è nata l’idea di Nintendo Labo

Nintendo Labo
Nintendo ci spiega come è nata l'idea di Labo


L’annuncio di Nintendo Labo ha spiazzato un po’ tutti. Da Nintendo ci si aspetta sempre il colpo di genio, la trovata che ha quasi dell’assurdo, ma l’idea di giocare con delle box di cartone “transformers” era difficilmente prevedibile.


Alcuni pezzi da novanta della società giapponese hanno deciso di rilasciare dichiarazioni in merito. Com’è nata l’idea di nintendo Labo? Ce lo spiegano Shinya Takahashi, Ko Shiota e Shigeru Miyamoto.

Takahashi: Labo è un prodotto molto Nintendo

Shinya Takahashi è il Managing Executive Officer dell’azienda nipponica. Egli conferma che la loro idea era proprio quella di sorprendere tutti:

Quando abbiamo annunciato per la prima volta Nintendo Labo, molti hanno affermato che si trattava di un prodotto “molto Nintendo”. Siamo molto grati per questo apprezzamento e per il supporto.

Nei nostri sforzi per sviluppare nuove forme di gioco, noi di Nintendo guardiamo sempre all’integrazione di hardware e software. Nintendo Labo è solo uno dei tanti progetti in fase di sviluppo, ed è emerso dall’idea di impostare in qualche modo i controller Joy-Con di Nintendo Switch. Sono sicuro che abbiamo sorpreso tutti con l’uso del cartone, ma non è così inverosimile se si considera quanto sia familiare il materiale almeno ai giapponesi, che fin da piccoli lo usano per giocare e come materiale per creazioni fantasiose. Inoltre, per noi era importante che il cartone fosse un materiale molto adatto per il processo di sbaglia e riprova.

Quando abbiamo iniziato con un prototipo di “robot” all’interno dell’azienda, ci siamo resi conto che il processo che ci portava a fare molti tentativi per ottenere un prodotto finito era di per sé estremamente divertente, oltre a farci giocare con il prodotto. Ciò ha portato il nostro concept per Nintendo Labo a essere sviluppato come qualcosa che le persone potrebbero apprezzare in tutti i suoi aspetti, non solo giocando con il prodotto finito, ma anche apportando modifiche lungo il percorso e dopo averlo completato comprendendone la meccanica.

Ko Shiota: ampliare le possibilità di utilizzo dei Joy-Con

Ko Shiota è il Senior Executive Officer di Nintendo. Ha parlato delle infinite possibilità di utilizzo dei Joy-Con grazie a Labo.

I Joy-Con sono progettati come controller che rendono possibile un gameplay completo, ma allo stesso tempo, il nostro obiettivo come sviluppatori hardware era quello di ampliare le possibilità di utilizzo dei controller. L’uso dei Joy-Con al massimo del loro potenziale è stata  una considerazione fatta sin da quando Nintendo Switch era in sviluppo. Come ha notato Takahashi, un’idea era quella di impostare i Joy-Con come un qualche tipo di allegato, e il risultato (partendo dal pensiero di supportare hardware e software in parallelo) ha portato alla nascita di Nintendo Labo.

Miyamoto: Nintendo assume persone che vogliono fare cose del genere

Shigeru Miyamoto, in quanto direttore rappresentativo di Nintendo, ha detto la sua sulla gestione del progetto.

Anch’io desidero esprimere il mio sincero ringraziamento per il fatto che la gente lo abbia visto come un prodotto “molto Nintendo”. Ho letto su Internet da qualche parte che qualcuno ha ammirato la gestione di un prodotto come Nintendo Labo, ma all’interno di Nintendo ci sono molte persone che vogliono realizzare prodotti del genere, e Nintendo è il tipo di compagnia che assume persone che vogliono fare prodotti del genere. Infatti, quando abbiamo chiesto all’interno dell’azienda idee per nuovi modi di usare i Joy-Con, abbiamo ricevuto molte, molte proposte e una di queste era di usare il cartone come facevano le persone ai vecchi tempi per creare cose. Nintendo è il tipo di azienda che accoglie questo tipo di nuove idee.

Il fatto che fosse assolutamente naturale che un prodotto come il Nintendo Labo sorgesse mi dà la sicurezza che tutti all’interno dell’azienda capiscono e si impegnano affinché Nintendo sia vista come una società che crea nuovi modi di divertirsi e non solo come una società che produce solo videogiochi.

Qualche settimana fa, vi avevamo anche informato sull’indiscrezione, lanciata dal Wall Street Journal, secondo la quale Nintendo Labo potrebbe non essere l’unica nuova periferica sviluppata per Nintendo Switch. In futuro, Nintendo potrebbe calare qualche altro asso (clicca qui per l’articolo completo).

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Michele Longobardi

Laureato in Lettere moderne, scopro la passione per il giornalismo quasi per caso. I videogiochi sono il mio più grande amore e così decido di coniugare le due cose. Il giornalismo videoludico diventa la mia forma finale.

Per me i videogiochi sono una forma d'arte e guai a dirmi il contrario.

Appassionato di tutto ciò da cui sgorga sangue: cinema horror (registi preferiti Argento e Romero), letteratura gialla e dell'orrore (autori preferiti Christie, Poe e Lovecraft) e ovviamente i videogiochi del genere (Silent Hill e Resident Evil sopra ogni cosa).

Il mio videogioco preferito di sempre è Fahrenheit che ho finito un numero non precisato di volte, da lì scaturisce la mia ammirazione per tutti i lavori di David Cage.

La mia "carriera" videoludica è segnata da un marchio da cui non sono mai riuscito a staccarmi: PlayStation! In circa 20 anni di gaming, ho completato più di 600 titoli.

lords of waterdeep

Scopriamo insieme il gioco da tavolo Lords of Waterdeep

NVIDIA sta guadagnando parecchio grazie a Nintendo Switch