HOME » news

È in arrivo una serie animata su The Legend Of Zelda?

The Legend Of Zelda Netflix


Da quando Netflix è diventato uno dei più importanti produttori di contenuti sulla faccia del pianeta terra abbiamo avuto l’occasione di assistere alla nascita di molti prodotti d’animazione basati sul mondo dei videogiochi.

Nel corso dei precedenti mesi abbiamo sentito parlare di serie televisive basate sul brand di Diablouna serie animata su Castlevania che ha raggiunto la seconda stagione e l’attesissima serie live action basata su uno dei brand più importanti dell’attuale mondo dei videogiochi: The Witcher (il cui strigo sarà interpretato da Superman AKA Henry Cavill )

Questa atmosfera di festa potrebbe però raggiungere nuovi livelli di considerazione se le voci che stanno girando in questo momento si rivelassero vere.

Vediamo insieme cos’è successo.

Netflix sta pensando a The Legend Of Zelda?

Il protagonista di questa storia è il coproduttore della serie animata di Netflix dedicata a Castlevania, il signor Adi Shankar. Sulla sua pagina Facebook sono improvvisamente iniziate a venir postate immagini legate alla saga di The Legend Of Zelda, senza molti convenevoli.

Fin qui nulla di strano, magari Adi Shankar è semplicemente un grande fan della serie e vuole interagire con il suo pubblico mostrando ciò che più gli piace, peccato che dopo diversi giorni di silenzio c’è stato il primo movimento sospetto.

The Legend Of Zelda Netflix annuncio

Durante il mattino del 20 Ottobre 2018 Adi ha dichiarato di aver pronto un annuncio che verrà rivelato al pubblico venerdì 16 Novembre 2018; nient’altro è stato specificato e nei commenti (giustamente) la gente è impazzita per l’hype.

Secondo molti questo annuncio potrebbe essere legato all’arrivo delle nuove stagioni di Castlevania su Netflix, secondo altri (noi compresi) questo annuncio potrebbe riguardare l’arrivo di un prodotto made in Netflix basato sul brand di The Legend Of Zelda.

Gli indizi, ovviamente, risiederebbero nelle immagini postate in modo piuttosto curioso nei giorni precedenti. L’eventualità di un prodotto visivo basato sul mondo di Link & soci potrebbe finalmente dare ragione allo scherzo che creò enorme confusione tra i fan della serie durante il 2008.

Perché pensiamo che si tratti di qualcosa a tema The Legend Of Zelda?

Il feed di Adi nell’ultimo periodo ha avuto al suo interno un sacco di immagini, meme, e video a tema link e compagnia cantante; troviamo ad esempio uno splendido artwork di Link Adulto o un fotomontaggio con protagonisti Zelda e Link intenti in… effusioni (che trovate in copertina).

Ovviamente, visto il clamore che ha generato ultimamente, non poteva mancare un video a tema Bowsette inserita tramite mod all’interno di The Legend Of Zelda Breath Of The Wild.

La notizia per ora è nel range del dubbio totale: Nintendo è sempre stata abbastanza estranea a questo genere di operazioni commerciali ma magari, visto il successo enorme di Breath of the wild, della Nintendo Switch e considerati gli ottimi risultati della serie animata di Castlevania potrebbe averci ripensato.

Nintendo tecnicamente tirò fuori una serie animata di The Legend Of Zelda durante il 1989 con terribili risultati dal punto di vista tecnico e dal punto di vista del successo con il pubblico; la serie è composta da tredici episodi dove Link e Zelda si alleano continuamente per evitare di far rubare la triforza della saggezza dal solito cattivissimo mago Ganon.

Lo show fu interrotto insieme al Super Mario Brothers Super Show durante gli ultimi mesi del 1989 per decisione di Nintendo stessa che da quel momento non si è più occupata di prodotti d’animazioni unicamente legati al mercato televisivo; delle cutscenes in cui link è animato sotto forma di cartoon esistono e fanno parte del dimenticabilissimo (e piuttosto trash) duo di capitoli di The Legend Of Zelda usciti per Philips CDI, ovvero Zelda: The Wand of Gamelon e Link: Faces Of Evil.

Questi, per non farci mancare nulla, sono stati gli unici casi in cui Link ha parlato all’interno del brand (insieme ad una singola linea di dialogo, un come on, all’interno di The Legend Of Zelda: Wind Waker); speriamo soltanto che i dialoghi eventuali che verranno inseriti in questa nuova produzione siano in grado di donare un qualcosa in più al nostro ormai sempre taciturno protagonista vestito di verde.

Non ci resta che attendere pazientemente il 16 Novembre per scoprire cosa ci sarà di bello come annuncio, fateci sapere cosa ne pensate nei commenti!

Articolo a cura di Graziano Salini

Essere umano dotato di infinito nozionismo su cose di dubbia utilità, interagisce con il mondo dei videogiochi da quando ritiene di avere coscienza di sé. I punti forti del suo curriculum sono le oltre seimila ore passate sui moba, gli infiniti titoli conosciuti (e giocati) esplorando i meandri più reconditi della rete e l'indubbia capacità nel "flammare" con gentilezza il giocatore che ha davanti nella sua lingua natia.

Dopo aver preso coscienza dell'esorbitante numero di ore passate su giochi in grado di danneggiare gli organi interni, il tizio raffigurato in foto ha deciso di comprarsi un computer normale e di tenersi aggiornato con le console dando frutto a lunghe sessioni di blasfemie e coccole davanti all'action adventure o al gioco di ruolo di turno, impazzendo davanti a enigmi dalle soluzioni lapalissiane o superando con scioltezza nemici dalla difficoltà aberrante.

Nemico pubblico della punteggiatura e del bel scrivere, può vantare un lessico forbito da completo autistico derivato dai quintali di fumetti Disney letti in tenera età. Al momento sta aspirando alla santità aiutando tutto e tutti in missioni dalla dubbia utilità; aggiorna costantemente i suoi amici facebook sulla musica che ascolta (bella sopra ogni buon senso) e sui giochi che conclude, giusto per dare un senso ad account vecchi lustri.

marvel's spider-man, polemica sulle pozzanghere, insomniac le aggiunge con degli sticker

Marvel’s Spider-Man: nuove pozzanghere con gli sticker dell’aggiornamento

hitman easter egg potato jesusj

Hitman: Un giocatore scopre l’Easter Egg di Potato Jesus