Microsoft si lamenta di Valve a causa di Age of Empires

microsoft vs valve

Uno dei più grandi classici del passato sta per tornare sui nostri PC. Stiamo parlando di Age of Empires, che il prossimo Febbraio tornerà in una sfavillante versione rimasterizzata con asset in 4K. Proprio per questa ragione, moltissimi amanti dei Real Time Strategy (RTS) hanno cancellato tutti i loro impegni per il prossimo 20 Febbraio, il giorno in cui sarà pubblicato Age of Empires: Definitive Edition. Ebbene, sembra proprio che uno dei giochi strategici per eccellenza sia alla base di un piccolo diverbio tra Microsoft e Steam. Alla base di tutto, ci sarebbe l’assenza del videogame dalla piattaforma Valve. Proprio per questa ragione, chiunque desiderasse acquistare il gioco, dovrà farlo attraverso il Windows Store.

Age of Empires: Definitive Edition sarà disponibile solo sullo store di Microsoft

microsoft age of empires
Un gioco atteso da tantissimi fan.

Diciamocelo chiaramente: Microsoft punta tantissimo su Age of Empires: Definitive Edition. Se così non fosse, non avrebbe organizzato una conferenza dedicata in occasione della Gamescom 2017. Inoltre, come i fan più sfegatati della saga sicuramente sapranno, è in arrivo anche un nuovo capitolo del franchise: Age of Empires IV. Soffermandoci ancora sulla remaster, è inutile negare quanto il primo capitolo della serie sia, ancora oggi, uno dei suoi capitoli più amati dai gamer di tutto il mondo, insieme al secondo. Proprio per questa ragione, è inevitabile immaginare quanto numerosi saranno gli acquirenti della Definitive Edition. Ebbene, da quanto è possibile comprendere, questa versione rimasterizzata non sarà disponibile su Steam. Tutto questo comporta, oltre all’impossibilità dell’acquisto, anche all’impossibilità del cross-play.

Il gioco, come detto in apertura, sarà disponibile unicamente su Windows Store e, a quanto pare, Microsoft non sembra avere l’intenzione di farlo approdare sulla piattaforma Valve, o almeno non per il momento. In una recente intervista concessa a GameStar, il Producer di Microsoft Jorg Neumann ha affermato che Age of Empires: Definitive Edition sfrutterà il sistema Xbox Live, che non è supportato da Steam. Neumann ha affermato che, in parole povere, questa è la causa principale del mancato approdo del gioco sulla piattaforma digitale più famosa al mondo, poiché la versione di Steam non sarebbe compatibile con la versione di Windows.

Un problema di cross-play

libreria steam eredità
Una critica in nome del cross-play.

Di seguito riportiamo le dichiarazioni di Jorg Neumann.

“Ci sono alcune cose che sono molto importanti per noi, e nei giochi multiplayer vogliamo essere sicuri che i nostri fan possano giocare tutti insieme. Quindi non va bene se qualcuno compra il gioco in uno store, un’altra persona lo compra in un altro store, e poi – per qualche strana ragione – non possono giocare insieme. Siamo totalmente contrari a tutto questo, e il nostro unico modo per assicurarci che tutto vada bene è Xbox Live.”

Il problema del cross-play tra Microsoft e Steam è di vecchia data. Non ci sono, a dirla tutta, molti titoli che consentano agli utenti di entrambe le piattaforme di giocare tra loro. Tra questi, non possiamo non menzionare Killer Instict, il celebre beat’em up creato da Rare, Microsoft ed Iron Galaxy. Non possiamo che auspicarci che tanti altri giochi possano seguire questo esempio e consentire il cross-play tra Windows e Steam.

Ricordiamo ai nostri lettori che Age of Empires: Definitive Edition uscirà il prossimo 20 Febbraio sul Windows Store.

Restate sintonizzati per ulteriori news in merito.

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Claudio Albero

Nasce a Torre del Greco, una piccola metropoli alle falde del Vesuvio, nei favolosi anni ’80, che già però non avevano più niente di favoloso. Provano ad educarlo con Beatles e musica classica sin dalla più tenera età, ma lui, di tutta risposta, si appassiona all’ heavy metal ed ai videogame , spendendo un piccolo patrimonio in sala giochi, quando queste due parole erano ancora slegate dalle slot machine.

Dopo aver mosso i primi passi su Sega Master System II con Alex Kidd, il Super Mario con le orecchie a sventola, si innamora dei platform, degli action/adventure e degli RPG, con particolare attenzione alla saga di Final Fantasy.

Inguaribile sognatore con le radici saldamente ancorate nel passato, scopre la sua passione per la scrittura quasi per caso, in uno dei tanti pomeriggi passati tra i corridoi della Facoltà di Giurisprudenza di Napoli, dove si laureerà giusto qualche anno dopo, con una tesi in Diritto d’Autore basata sull’opera multimediale.

Dopo aver scritto di attualità e musica su Lacooltura.it , Road TV Italia e Federico TV , approda sui lidi di Player.it , in cui comincia sin da subito ad apprendere e fare domande, guadagnandosi rapidamente il titolo di “ redattore rompiscatole del mese ”. Nonostante sia legatissimo alla grande famiglia di Player, non sono rare alcune sue incursioni su portali come Gameplay Café e Spazio Rock .

Musica, videogame, concerti, boardgame, modellismo, fumetti, cinema e serie tv: tanti hobby diversi tra loro, ma collegati da un fil rouge che li unisce tutti: il divertimento . È proprio questo che cerca in un videogame, è proprio questo sentimento che muove le sue dita, ed è sempre il divertimento la sensazione che cerca di infondere nei suoi articoli.

Al di fuori del mondo del gaming, indossa giacca e cravatta per mimetizzarsi nel mondo degli avvocati, esercitando la professione forense, con lo scopo di conoscere a fondo le “ regole del gioco ”, nonché di minacciare di far causa a chiunque al minimo pretesto.

new gundam breaker notizie

New Gundam Breaker: dettagli, screenshot e gameplay del gioco

phil spencer game pass

Phil Spencer: “Il Game Pass è una grande opportunità”