HOME » news

Leakati alcuni filmati riguardanti il videogioco di Stranger Things

Stranger Things

Telltale Games sta colando a picco e questo dispiace praticamente a chiunque abbia mai giocato ai videogiochi e sia dotato di cuore, lo sappiamo bene.

Per girare ancora un po’ il dito nella piaga abbiamo però dei bellissimi video che mostrano alcuni spezzoni riguardanti uno dei titoli più importanti a cui Telltale Games stava lavorando prima della fine ingloriosa a cui è andata incontro: l’adattamento videoludico di Stranger Things, una delle serie più popolari della già famosissima piattaforma di streaming Netflix.

Fermo restando che Netflix, probabilmente, riprenderà il progetto come più crede opportuno andiamo a vedere come era fatta la versione Telltale di Stranger Things.

Stranger Things e quel pizzico di demogorgone.

Il progetto intorno a Stranger Things di Telltale Games era rimasto nascosto sino alla situazione odierna dell’azienda dietro i classici accordi di non divulgazione; con il malcontento comune tra tutti i vari dipendenti a causa degli stipendi non pagati era impossibile non pensare a un decorso del genere per tale situazione

Alcune clip del titolo sono iniziate ad apparire all’interno delle solite piattaforme: Reddit, 4chan, altre imageboard varie; i filmati in questione appartengono a build non particolarmente avanzate del gioco e mostrano come quest’ultimo sarebbe dovuto apparire una volta arrivato sugli scaffali.

I seguenti filmati di gioco e le seguenti descrizioni potrebbero presentare degli spoiler, fate attenzione se non volete rovinarvi nulla della storia.

Un filmato, ad esempio, lo trovate qui e mostra una clip di gioco dove è possibile osservare Joyce (Wynona Rider) mentre discute al telefono con il Dr. Owens; tale clip sembra collocare la storia del gioco dopo gli eventi accaduti all’interno della seconda stagione televisiva, andata in onda durante il 2017.

Qui invece possiamo osservare il rinnovato sistema di dialoghi che Telltale Games aveva pensato quel questo titolo, con una grande quantità di scelte impilate l’una sopra l’altra a mostrare le varie opzioni percorribili dal nostro personaggio (Will, in questo caso specifico).

La terza clip, visionabile quimostra uno stralcio delle fasi esplorative che hanno caratterizzato sempre i titoli Telltale Games; già così era possibile notare come per le animazioni fosse stato speso più tempo e fosse stata posta maggiore cura, esattamente come il livello tecnico complessivo dell’opera.

Le ultime due clip, visionabili qui qui mostrano in prima persona dei momenti in cui il nostro protagonista sarà costretto a fuggire dal Demogorgone, creatura mostruosa presente all’interno del telefilm muovendosi attraverso l’utilizzo di una curiosa visuale in prima persona, il tutto all’interno del Sottosopra, altro luogo caro ai fan del brand.

Improbabile pensare che Netflix riprenderà nello stesso modo il progetto, per scoprire come proseguirà la storia di Stranger Things all’interno del mondo dei videogiochi non vi resta che seguire noi di Player.it per avere tutte le notizie che potrebbero interessarvi.

Stranger Things

Articolo a cura di Graziano Salini

Essere umano dotato di infinito nozionismo su cose di dubbia utilità, interagisce con il mondo dei videogiochi da quando ritiene di avere coscienza di sé. I punti forti del suo curriculum sono le oltre seimila ore passate sui moba, gli infiniti titoli conosciuti (e giocati) esplorando i meandri più reconditi della rete e l'indubbia capacità nel "flammare" con gentilezza il giocatore che ha davanti nella sua lingua natia.

Dopo aver preso coscienza dell'esorbitante numero di ore passate su giochi in grado di danneggiare gli organi interni, il tizio raffigurato in foto ha deciso di comprarsi un computer normale e di tenersi aggiornato con le console dando frutto a lunghe sessioni di blasfemie e coccole davanti all'action adventure o al gioco di ruolo di turno, impazzendo davanti a enigmi dalle soluzioni lapalissiane o superando con scioltezza nemici dalla difficoltà aberrante.

Nemico pubblico della punteggiatura e del bel scrivere, può vantare un lessico forbito da completo autistico derivato dai quintali di fumetti Disney letti in tenera età. Al momento sta aspirando alla santità aiutando tutto e tutti in missioni dalla dubbia utilità; aggiorna costantemente i suoi amici facebook sulla musica che ascolta (bella sopra ogni buon senso) e sui giochi che conclude, giusto per dare un senso ad account vecchi lustri.

Meltan

Annunciato Meltan, un pokémon leggendario dell’ottava generazione.

PlayStation Classic

PlayStation Classic non avrà nuovi titoli in futuro