Nel corso dei mesi passati abbiamo imparato tante cose su Resident Evil 2 Remake, presentato ufficialmente nel corso dell E3 di quest’anno. Abbiamo parlato della Collector’s edition che andrà a riempire gli scaffali di molti appassionati, abbiamo parlato della difficoltà dinamica che caratterizzerà il titolo e il suo svolgersi.

Resident Evil 2 remake

Nel corso dei mesi passati gli sviluppatori hanno anche dichiarato che questo remake avrà un tono più serioso rispetto al titolo originale, questo per combaciare meglio con il rinnovato livello grafico raggiungibile con le odierne tecnologie di rendering.

Questo tono più serioso però, secondo gli sviluppatori, potrebbe cozzare in modo deciso con alcune feature che andranno incluse nel gioco: parliamo dei personaggi segreti come Hunk o Tofu o, ancora meglio, del combattimento con l’alligatore gigante che ha terrorizzato gli incubi di molti bambini dell’epoca.

Resident Evil 2 sarà realistico per una scelta stilistica.

Questo video realizzato dallo youtuber Shirrako mette in paragone l’originale Resident Evil 2 e il remake che sta venendo sviluppato da Capcom. È possibile notare fin da subito che i sentori da b-movie che permeavano il titolo originale sono come andati persi e sostituiti da un crudo realismo nella più attuale riproposizione del brand nipponico.

Questo, secondo gli sviluppatori, è stato uno dei problemi più grandi da affrontare durante le fasi di preproduzione del titolo. In una lunga intervista con Daily Star, i producers Tsuyoshi Kanda e Yoshiaki Hirabayashi hanno rilasciato una serie di dichiarazioni su come è stato riadattare determinati frangenti di gioco al nuovo look e al nuovo stile che il titolo ha preso con questo remake.

Come si può rendere realistico un combattimento a mano nuda con un gigantesco alligatore avendo la cura e l’idea di rendere il tutto il più realistico possibile? Secondo Kanda e Hirabayashi questo è stato uno dei momenti più difficili da reinserire all’interno del remake, talmente difficile che in alcuni frangenti della pre-produzione, è stato tagliato del tutto fuori nonostante la certezza delle lamentele dei fan.

È stato davvero difficile inserirlo nel gioco senza alterare in modo brutale il tono e l’atmosfera del titolo. Lavorare a questo titolo significa interagire con i ricordi dei videogiocatori, pertanto stiamo lavorando con un coefficiente di difficoltà davvero elevato. Guardare alla scena dell’alligatore con l’occhio di oggi senza pensare che sia una cosa stupida è davvero difficile… abbiamo un personaggio di dimensioni umane che sta prendendo a colpi di coltello un anfibio enorme, suvvia! La gente non si ricorda di quanto sia ridicola come cosa perché all’epoca era un evento davvero mai visto. È stato davvero difficile per noi sviluppatori rendere nuovamente quel momento qualcosa di terrificante senza scendere nel ridicolo.

Gli sviluppatori hanno anche detto di essere pronti a parlare più apertamente dei cambiamenti che hanno apportato al gioco una volta che il titolo avrà raggiunto la release ufficiale, in modo da poter anche comprendere cosa avrebbero voluto vedere i videogiocatori da tale scena. Il resto dell’intervista continua poi con una discussione sulle potenzialità della realtà virtuale per la saga di Resident Evil.

Niente realtà virtuale per Resident Evil 2 Remake

Secondo quanto dichiarato il remake di Resident Evil 2 non vedrà alcuna modalità esclusiva per la realtà virtuale a causa della prospettiva in terza persona, inadattabile al mondo della realtà virtuale.

“Per il momento non c’è nessun progetto per quanto riguarda il supporto al VR; con quella prospettiva di telecamera non crediamo che la realtà virtuale sia una scelta decente per presentare il titolo. Non rientra proprio nella nostra visione di Resident Evil 2 Remake.”

Resident Evil 7, d’altro canto, con la sua impostazione in prima persona è stato fin da subito terreno fertile per la modalità in realtà virtuale che ha terrorizzato i videogiocatori di PSVR.

Resident Evil 2 è previsto per Playstation 4 il 25 Gennaio 2019, il titolo sarà giocabile alle Gamescom 2018.

Quanto lo hai trovato utile/interessante? Faccelo sapere con un voto!