Che sia ormai ora del prossimo Nintendo Direct è cosa scontata. Le prime voci sono iniziate ad arrivare a Novembre, con l’aggiunta di uno slot vuoto sul sito della Nintendo dedicato all’evento in questione. EA ha poi rincarato la dose, ma indicando il periodo non per Dicembre, ma ad inizio anno nuovo (un generico Gennaio 2018).

Ebbene, sembra proprio che quell’immagine pubblicata a fine Novembre da EA si sia rivelata esatta. Questo per alcuni motivi. Punto numero uno, John Harker di Reset Era ha indicato la data di Venerdì 11 Gennaio, senza dire molto di più: -Sapevo che era previsto per l’11 Gennaio. Però sono stato in vacanza per un po’, ed essendo fuori dai giochi non so se ci sono stati spostamenti poi-. La traduzione è nostra.

Nintendo Direct
Nintendo Direct

Punto numero due: su NeoGAF da tempo si indicava Gennaio come il mese “giusto” per il prossimo Nintendo Direct. Ma il più importante di tutti è il punto numero tre, che sembra confermare tutti gli altri definitivamente. Amazon ha inserito sul proprio sistema, in queste ore, dei place holder dedicati a giochi per Nintendo Switch.

Non si sa assolutamente nulla dei titoli, se non chè costeranno dai 60 ai 100 dollari: quindi potrebbe scapparci anche qualche grosso annuncio. Amazon è solito infatti inserire questi place holder proprio in prossimità di eventi importanti, come Nintendo Direct, PS Experience, E3, Tokyo Game Show e via dicendo:

Il prossimo Nintendo Direct quasi certamente verrà dedicato integralmente alla presentazione dei titoli in uscita il prossimo anno, sia su Nintendo Switch che su Nintendo 3DS. Ricordiamoci che c’è quel teaser brevissimo di Metroid Prime 4 mostrato lo scorso E3 in ballo, e che un recente rumor le scorse settimane voleva un primo video del gioco essere mostrato proprio a Gennaio.

Ma potrebbe anche dedicarsi a brevi video relativi ai prossimi titoli di Kirby e Yoshi per Nintendo Switch, così a come ad una nova line up di indie, su cui la Casa di Kyoto sta insistendo molto. Senza dimenticarsi che il recentissimo Animal Crossing Pocket Camp è evidentemente un titolo di transizione che vuole far conoscere la serie a un’utenza sempre maggiore, e un capitolo principale manca all’appello da ormai cinque anni. Cosa bolle in pentola? Stiamo per scoprirlo.

Link fonte primo articolo originale.

Link fonte secondo articolo originale.

Quanto lo hai trovato utile/interessante? Faccelo sapere con un voto!