Shenmue 3 su PC richiederà 100 Gb di spazio libero

Shenmue 3

Sono state aggiornati i requisiti di sistema di uno dei videogiochi che più attendiamo sulla faccia della terra: Shenmue 3.

Il seguito della leggendaria saga nata sul Dreamcast e quasi morta li, in arrivo per il 2019non sarà particolarmente esoso in termini di risorse informatiche: avrà semplicemente bisogno di moltissimo spazio.

Shenmue 3 fight

E per moltissimo spazio diciamo che supera un sacco di videogiochi notoriamente grandicelli; Shenmue occupa quasi quanto il mastodontico Final Fantasy XV o come due The Witcher 3: Wild Hunt.

Ma quanto pesi, mio caro Shenmue 3?

I requisiti di sistema di Shenmue 3 sono forse la cosa meno terrorizzante uscita negli ultimi tempi; basta un PC di fascia media di qualche anno fa per far girare senza problemi il titolo. A spaventare è la quantità di spazio su disco che il titolo richiede, davvero esorbitante.

Requisiti minimi Shenmue 3

  • Sistema operativo: Windows 7, 8, 10 64-bit
  • Processore: Intel Core i5-4460 (3.40 GHz) o più; Quad-core o più
  • Memoria RAM: 4 GB RAM
  • Scheda Grafica: Nvidia GeForce GTX 650 Ti or più (Scheda video compatibile con il DirectX 11 & minimo VRAM 2GB )
  • DirectX: Versione 11
  • Network: Connessione internet Broadband
  • Spazio necessario: 100 GB di spazio disponibile su hard disk.
  • Scheda audio: Scheda audio compatibile con il DirectX 9.0c
  • Informazioni aggiuntive: È necessario un’ account Steam.

Stentiamo a credere che questi 100 GB necessari siano tutti composti da contenuti veri e propri; già giochi a dir poco immensi come il sopracitato The Witcher occupa 50GB ed è uno dei titoli più mastodontici di sempre. È probabile la mole di spazio necessaria dipenda dalla tipologia di compressione usata da gli sviluppatori, esattamente come è stato per Final Fantasy XV nella sua versione console.

Shenmue 3 ryo

Esiste anche la vaga possibilità che i cento gigabytes richiesti siano un grosso placeholder, messo li perché ancora non è ben chiara nemmeno a chi sta sviluppando il gioco la mole di dati che verranno inseriti nella release finale.

Guardando gli altri requisiti di sistema invece vien un po’ da ridere; dimostrano con sincerità come l’aspetto tecnico del titolo non sia il suo punto di forza; la Nvidia 650 Ti è una scheda video uscita sei anni fa, e non era nemmeno di fascia alta.

Che altro sappiamo?

I videogiocatori del mondo attendono l’arrivo di Shenmue 3 in modo quasi religioso; da quando è stato annunciato all’E3 del 2015 a oggi abbiamo visto rinvii, annunci su features e caratteristiche del titolo, una collection made in SEGA per i primi due leggendari capitoli della saga su PC, PS4 e Xbox One.

 

Shenmue 3 racconterà il seguito della storia di Ryo Hazuki, ancora alla ricerca del killer che ha portato via la vita di suo padre. I primi due capitoli della saga ci hanno messo al comando del personaggio all’interno di Yokosuka e di Honk Kong, facendoci letteralmente vivere delle esperienze che negli ultimi anni sono state rivaleggiate soltanto dalla saga di Yakuza.

Non parliamo inoltre del finale di Shenmue II, un vero e proprio cliffhanger che ha lasciato col fiato sospeso tutti i videogiocatori per oltre quindici anni. Questi, alcuni dei motivi, per cui non ce la facciamo palesemente più come videogiocatori ad aspettare l’arrivo del terzo capitolo della saga.

Forza Yu Suzuki!

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Graziano Salini

Essere umano dotato di infinito nozionismo su cose di dubbia utilità, interagisce con il mondo dei videogiochi da quando ritiene di avere coscienza di sé. I punti forti del suo curriculum sono le oltre seimila ore passate sui moba, gli infiniti titoli conosciuti (e giocati) esplorando i meandri più reconditi della rete e l'indubbia capacità nel "flammare" con gentilezza il giocatore che ha davanti nella sua lingua natia.

Dopo aver preso coscienza dell'esorbitante numero di ore passate su giochi in grado di danneggiare gli organi interni, il tizio raffigurato in foto ha deciso di comprarsi un computer normale e di tenersi aggiornato con le console dando frutto a lunghe sessioni di blasfemie e coccole davanti all'action adventure o al gioco di ruolo di turno, impazzendo davanti a enigmi dalle soluzioni lapalissiane o superando con scioltezza nemici dalla difficoltà aberrante.

Nemico pubblico della punteggiatura e del bel scrivere, può vantare un lessico forbito da completo autistico derivato dai quintali di fumetti Disney letti in tenera età. Al momento sta aspirando alla santità aiutando tutto e tutti in missioni dalla dubbia utilità; aggiorna costantemente i suoi amici facebook sulla musica che ascolta (bella sopra ogni buon senso) e sui giochi che conclude, giusto per dare un senso ad account vecchi lustri.

gioco da tavolo trivial pursuit

Trivial Pursuit: la sfida continua!

Steamspy steam

Valve sostituirà Steam Spy con un suo tool apposito