Playground Games sta lavorando ad un RPG open world

playground games nuovo gioco

Battere nuove strade è una decisione che fa paura a molti. Tantissimi, dopo aver trovato la formula vincente, decidono di riproporla all’infinito, cadendo nell’autocitazionismo e finendo nel propinare, anno dopo anno, la stessa “minestra riscaldata“. Non sembra essere questo il caso di Playground Games. Lo studio di sviluppo della serie Forza Horizon sta per imbarcarsi in un nuovo progetto, molto distante da quanto creato in precedenza dallo sviluppatore. Se la software house si era distinta per aver messo sul mercato uno dei migliori racing game in circolazione, il suo prossimo titolo sarà un action RPG con meccaniche open world.

Playground Games alle prese con un nuovo progetto

playground games action rpg
Cosa bolle in pentola?

Cambiare la vecchia strada con quella nuova può essere un’operazione molto rischiosa, ma in alcuni casi può portare non pochi vantaggi. Prendiamo ad esempio Guerrilla Games. Dopo aver compreso che Killzone, il suo franchise di punta, non stava più dando i risultati sperati, ha deciso di cambiare rotta, e creare un gioco completamente nuovo. Il risultato di questa scelta è stato Horizon Zero Dawn, uno dei titoli più entusiasmanti usciti in questo 2017. Nonostante Horizon fosse un gioco completamente diverso rispetto a quanto precedentemente creato da Guerrilla, la scelta di cimentarsi in una nuova sfida di è rivelata quantomai azzeccata. È molto facile che la storia possa ripetersi con Playground Games.

playground games gioco di ruolo
Lo sviluppatore di Forza Horizon sta per cimentarsi in una nuova sfida.

Già qualche tempo fa sapevamo che lo sviluppatore di Forza Horizon aveva intenzione di aprire un nuovo studio, che si sarebbe incaricato di creare un gioco “non automobilistico”, descritto genericamente come un “open world action RPG“. Per la realizzazione di questo nuovo progetto, Playground Games non sta badando a spese, assumendo sviluppatori e designer precedentemente a lavoro su tripla A di assoluto prestigio. Uno degli ultimi arrivi, in questo senso, è Sean Eyestone, che rivestirà il ruolo di Production Director, abbandonando così la carica di Senior Producer di Star Wars: Battlefront II presso DICE. Prima di questa sua esperienza, Eyestone aveva trascorso circa 10 in Kojima Productions, lavorando a diversi titoli della saga di Metal Gear Solid, inclusi gli ultimi due: Ground Zeroes e The Phantom Pain.

Playground Games sta assumendo personale di primissimo livello

playground games nuovo videogame
L’hype è già a livelli di guardia.

Poco tempo prima, Playground aveva assunto altre due personalità di assoluto valore nel suo team: Will Kennedy e Juan Fernandez di Simon. Il primo è stato assoldato lo scorso Luglio in qualità di Chief Designer, e può vantare otto anni di esperienza presso Rockstar North, lavorando come game designer e level designer su GTA V, uno dei giochi di maggior successo di sempre. Di Simon, invece, si è aggiunto in qualità di Combat Designer, dopo aver lavorato ad Hellblade, il capolavoro targato Ninja Theory, come senior designer. Prima di questa sua esperienza lavorativa, Di Simon aveva fatto parte, per tre anni, di Tequila Works, con cui aveva realizzato RiME.

Queste assunzioni coincidono con la notizia che Playground Games ha acquistato gli spazi necessari per stabilire il suo secondo studio, sempre nella città di Leamington Spa. Il nuovo studio di Playground si troverà a St Albans House, e sarà decisamente grande ed accogliente. La società sta pianificando un importante rinnovamento, ed inizierà ad occupare sia il primo che il secondo piano dello stabile, con l’intenzione di stabilirsi unicamente al secondo piano entro la fine del 2018. L’ufficio ospiterà più di 200 dipendenti, che lavoreranno tutti al nuovo gioco in cantiere. Considerando anche il precedente studio, Playground Games potrà contare complessivamente su oltre 400 sviluppatori.

Ecco le parole che Gavin Raeburn, CEO dello studio di sviluppo, ha rilasciato ai microfoni di Games Industry.

“Siamo lieti di esserci assicurati una casa per ospitare il nostro nuovo team. Questo progetto è entusiasmante, che sta già attirando talenti di primissimo livello in Playground. La combinazione di nuovi membri con quelli già presenti in Playground sta già mostrando grandi cose, e sono entusiasta nel vedere questo gruppo di talenti contribuire al successo di Playground.”

Restate sintonizzati per ulteriori news in merito.

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Claudio Albero

Nasce a Torre del Greco, una piccola metropoli alle falde del Vesuvio, nei favolosi anni ’80, che già però non avevano più niente di favoloso. Provano ad educarlo con Beatles e musica classica sin dalla più tenera età, ma lui, di tutta risposta, si appassiona all’ heavy metal ed ai videogame , spendendo un piccolo patrimonio in sala giochi, quando queste due parole erano ancora slegate dalle slot machine.

Dopo aver mosso i primi passi su Sega Master System II con Alex Kidd, il Super Mario con le orecchie a sventola, si innamora dei platform, degli action/adventure e degli RPG, con particolare attenzione alla saga di Final Fantasy.

Inguaribile sognatore con le radici saldamente ancorate nel passato, scopre la sua passione per la scrittura quasi per caso, in uno dei tanti pomeriggi passati tra i corridoi della Facoltà di Giurisprudenza di Napoli, dove si laureerà giusto qualche anno dopo, con una tesi in Diritto d’Autore basata sull’opera multimediale.

Dopo aver scritto di attualità e musica su Lacooltura.it , Road TV Italia e Federico TV , approda sui lidi di Player.it , in cui comincia sin da subito ad apprendere e fare domande, guadagnandosi rapidamente il titolo di “ redattore rompiscatole del mese ”. Nonostante sia legatissimo alla grande famiglia di Player, non sono rare alcune sue incursioni su portali come Gameplay Café e Spazio Rock .

Musica, videogame, concerti, boardgame, modellismo, fumetti, cinema e serie tv: tanti hobby diversi tra loro, ma collegati da un fil rouge che li unisce tutti: il divertimento . È proprio questo che cerca in un videogame, è proprio questo sentimento che muove le sue dita, ed è sempre il divertimento la sensazione che cerca di infondere nei suoi articoli.

Al di fuori del mondo del gaming, indossa giacca e cravatta per mimetizzarsi nel mondo degli avvocati, esercitando la professione forense, con lo scopo di conoscere a fondo le “ regole del gioco ”, nonché di minacciare di far causa a chiunque al minimo pretesto.

My Tamagotchi Forever annunciato per i dispositivi mobile

Negli USA può sparire la Net Neutrality