HOME » news

Vampyr: il gioco di Focus Home Entertainment non avrà DLC

vampyr dlc

Nonostante non sia stato ancora pubblicato, e nonostante il fatto che ancora non si sappia una release date ufficiale, Vampyr fa già parlare di sé. L’ambizioso titolo, in sviluppo presso Dontnod, e che sarà poi pubblicato da Focus Home Entertainment, dopo un’ottima presentazione allo scorso E3 2017, in base a quanto afferma il suo publisher, non riceverà alcun DLC successivamente alla sua uscita. Una decisione decisamente atipica, quasi unica nel suo genere, soprattutto nel panorama videoludico moderno, in cui i DLC vengono visti da tutti come una fonte di guadagno facile e sicura. Allo stato attuale, quindi, il gioco rappresenta uno dei pochissimi titoli ad adottare questa strategia.

Vampyr non riceverà alcun DLC

vampyr no dlc
Chi sceglieremo di essere? Un dottore o un vampiro?

Sviluppato dallo stesso team precedentemente a lavoro su Life is Strange, Vampyr è un gioco di ruolo sotto tanti aspetti unico nel suo genere. Come mostrato nei trailer, il giocatore si ritroverà a vestire i panni di Jonathan Reid, un dottore della Londra del ventesimo secolo, che si ritroverà a fronteggiare la sua mutazione in vampiro. Il nostro medico dovrà quindi fronteggiare la sua crescente sete di sangue ed il conflitto che ne deriva con il giuramento di Ippocrate appena prestato. Così come già accaduto in titoli come Dishonored, sarà possibile avanzare nella trama sia cedendo alla nostra natura demoniaca, sia cercando di rimanere quanto più “umani” possibile. A seconda di quelle che saranno le scelte fatte dal giocatore, si potranno sbloccare poteri e finali diversi.

Nonostante Vampyr, da quello che è stato possibile vedere, sia un progetto decisamente ambizioso, il suo publisher ha deciso che non saranno realizzati DLC riguardanti la trama di gioco. A dichiarare tutto questo è stato Cédric Lagarrigue, il Presidente di Focus Home Entertainment. Ecco quanto da lui affermato in un’intervista concessa al sito MCVUK.

“Questa è un’esperienza puramente solitaria; non abbiamo pianificato alcun DLC. Preferiremmo piuttosto, se l’accoglienza riservata al gioco lo giustificasse, pensare ad un eventuale sequel. Noi e Dontnod abbiamo già delle idee in merito, in quanto ci sono così tante cose incredibili da offrire in un universo come quello da noi creato.”

Vampyr: un gioco a metà tra un indie ed un tripla A

vampyr niente dlc
Restiamo in attesa della release date ufficiale.

In termini di budget stanziato, Vampyr può collocarsi a metà strada tra un tripla A ed una produzione indie. Nonostante tutto ciò, Lagarrigue ha affermato che “l’universo di gioco, la qualità del titolo e dei temi trattati gli consentiranno di potersi collocare sullo stesso scaffale dei giochi blockbuster“. Sempre secondo le parole del presidente di Focus Home Entertainment, il fatto che il PC sia una piattaforma meno legata al formato retail ha consentito a tante produzioni a medio budget di arrivare ugualmente al successo. Ovviamente, la cosa va a vantaggio di tutti, videogiocatori in primis.

“I giocatori desiderano nuove esperienze, originali e con una direzione artistica meno generica. C’è spazio per i blockbuster, ma i giocatori apprezzano sempre le esperienze di gioco più originali.”

Una produzione con un budget meno “pesante” potrebbe essere considerata di successo anche al raggiungimento di un milione di copie vendute. Sempre secondo Lagarrrigue, Vampyr sarebbe considerato “profittevole” al raggiungimento delle 500.000 copie vendute. Se invece raggiungesse un milione di copie vendute, il gioco sarebbe un successo a tutti gli effetti.

Originariamente schedulato per Novembre 2017, il gioco è stato rimandato all’anno successivo. La release di Vampyr sarà prevista per il primo o il secondo trimestre del 2018. Ricordiamo ai nostri lettori che Vampyr sarà disponibile per Playstation 4, Xbox One e PC.

Restate sintonizzati per ulteriori news in merito.

Articolo a cura di Claudio Albero

Nasce a Torre del Greco, una piccola metropoli alle falde del Vesuvio, nei favolosi anni ’80, che già però non avevano più niente di favoloso. Provano ad educarlo con Beatles e musica classica sin dalla più tenera età, ma lui, di tutta risposta, si appassiona all’ heavy metal ed ai videogame , spendendo un piccolo patrimonio in sala giochi, quando queste due parole erano ancora slegate dalle slot machine.

Dopo aver mosso i primi passi su Sega Master System II con Alex Kidd, il Super Mario con le orecchie a sventola, si innamora dei platform, degli action/adventure e degli RPG, con particolare attenzione alla saga di Final Fantasy.

Inguaribile sognatore con le radici saldamente ancorate nel passato, scopre la sua passione per la scrittura quasi per caso, in uno dei tanti pomeriggi passati tra i corridoi della Facoltà di Giurisprudenza di Napoli, dove si laureerà giusto qualche anno dopo, con una tesi in Diritto d’Autore basata sull’opera multimediale.

Dopo aver scritto di attualità e musica su Lacooltura.it , Road TV Italia e Federico TV , approda sui lidi di Player.it , in cui comincia sin da subito ad apprendere e fare domande, guadagnandosi rapidamente il titolo di “ redattore rompiscatole del mese ”. Nonostante sia legatissimo alla grande famiglia di Player, non sono rare alcune sue incursioni su portali come Gameplay Café e Spazio Rock .

Musica, videogame, concerti, boardgame, modellismo, fumetti, cinema e serie tv: tanti hobby diversi tra loro, ma collegati da un fil rouge che li unisce tutti: il divertimento . È proprio questo che cerca in un videogame, è proprio questo sentimento che muove le sue dita, ed è sempre il divertimento la sensazione che cerca di infondere nei suoi articoli.

Al di fuori del mondo del gaming, indossa giacca e cravatta per mimetizzarsi nel mondo degli avvocati, esercitando la professione forense, con lo scopo di conoscere a fondo le “ regole del gioco ”, nonché di minacciare di far causa a chiunque al minimo pretesto.

colonna sonora sci-fi soundtrack sci-fi

Crea la tua colonna sonora per il gioco di ruolo #VIII Una Sessione sci-fi Completa

Snipperclips Plus è ora disponibile, i retroscena degli sviluppatori