HOME » news

Pokémon Super Mystery Dungeon – Recensione


Articolo a cura di Samuele Zaboi


Sin dal loro esordio, avvenuto vent’anni fa, i Pokémon hanno catturato il cuore di milioni di adulti che grazie a loro sono tornati bambini e di bambini che crescendo non hanno mai abbandonato Pikachu & Co. Nel corso degli anni si sono alternati film, serie TV, gadget, la serie videoludica di Game Freak e altri prodotti videoludici tra i quali si trova anche la serie Pokémon Mystery Dungeon. In occasione del già citato anniversario, Nintendo porta in Europa, in esclusiva per Nintendo 3DS, Pokémon Super Mystery Dungeon, titolo che vi porterà in un mondo popolato da Pokémon e con una grave minaccia all’orizzonte.


Pokémon Everywhere

Senza addentrarci troppo nei meandri e negli intrecci della trama di Pokémon Super Mystery Dungeon e prima di affrontare tutti gli aspetti del gioco, è doveroso fare una giusta premessa. Nel titolo vi ritroverete nei panni di un Pokémon: sarete un bambino che, senza sapere perché, verrà catapultato in un mondo abitato dalle celebri creature create da Satoshi Tajiri. Questo idilliaco universo, dove si trova la città di partenza per questa avventura, Borgo Quieto, nasconde però una terribile minaccia: qualcuno è intenzionato a trasformare tutti i Pokémon in pietra. Sarà vostro compito, e della vostra compagna di viaggio, universi al GIP (Gruppo Investigativo Pokémon) per riuscire a fare luce su questo terribile mistero.
Prima di iniziare l’avventura avrete la possibilità di scegliere quale Pokémon controllare tra venti possibilità e potrete selezionare anche chi vi farà da aiutante per tutto l’arco della storia. Una volta presa questa decisione ben presto farete la conoscenza dei dungeon, di fatto i veri protagonisti del gioco. Questi sono i luoghi dove dovrete recarvi per risolvere le missioni e proseguire nella campagna principale: qui, salendo o scendendo i diversi piani, potrete incontrare trappole e altri Pokémon da dover sconfiggere. Ogni controllo effettuato all’interno del dungeon, sia esso l’utilizzo di uno strumento o il semplice spostamento verso una casella, corrisponde al vostro turno di gioco a cui farà seguito quello dei vostri rivali, sparsi per tutti i piani.

Proprio per questo motivo sarà indispensabile utilizzare la giusta dose di strategia per muoversi all’interno del dungeon: obiettivo primario sarà quello di completare la missione designata o, in caso contrario, trovare la via d’uscita nel minor breve tempo possibile. In entrambi i casi sarà quindi fondamentale raggiungere sin da subito le scale per accedere al livello successo: talvolta queste saranno già lì, di fronte a voi, mentre in alti casi sarà necessario girovagare in lungo e in largo per poterle trovare. Per evitare che il titolo fosse troppo monotono, gli sviluppatori, i ragazzi di Spike Chunsoft, hanno deciso di rendere i dungeon ogni volta diversi tra loro: questi infatti saranno generati proceduralmente, così che per voi non ci sarà alcuna possibilità di memorizzare un percorso o le posizioni delle scale. Lo schermo inferiore del vostro Nintendo 3DS vi farà da supporto svelandovi le aree che scoprirete man mano.
Pokémon Super Mystery Dungeon non si limita solamente a dover esplorare dungeon in lungo e in largo: ben presto infatti si sbloccheranno nel gioco delle missioni di soccorso grazie alle quali potrete aiutare altri Pokémon; una volta raggiunto il dungeon in questione e adempito al vostro compito, questo Pokémon si unirà alla vostra cerchia di amici e lo potrete usare così nelle missioni secondarie successive facendo aumentare così in modo sensibile i Pokémon a vostra disposizione.

Prevenire è meglio che curare

Pokémon Super Mystery Dungeon è un titolo dalle buone premesse ma dai forti contrasti. Se da un lato la varietà di dungeon e di Pokémon presenti, il tutto caratterizzato da una trama in grado di catturarvi per più di 10 ore di gioco attraverso i suoi 20 e passa capitoli, sono elementi che si fanno apprezzare, dall’altro lato alcune caratteristiche vi faranno storcere il naso, e non poco. La prima di questa è la gestione del salvataggio della partita. Oltre ad alcuni checkpoint, posizionati alla fine di un capitolo e di una missione, per poter salvare il gioco dovrete usare lo strumento “Salvadati”. Questo potrete acquistarlo, abbastanza a caro prezzo, presso i rivenditori posizionati lungo le varie città. Lo strumento sarà utilizzabile una volta tantum quindi sarà fondamentale scegliere il momento adatto. Prima di affrontare un dungeon, soprattutto quelli finali, sarà estremamente importante anche fare scorta di rivitalizzanti, strumenti che vi permetteranno di tornare in vita una volta messi KO. Se mai dovesse capitare di essere sconfitti, sarete costretti infatti a dover ripartire dall’ultimo salvataggio, motivo che spesso potrà portare a momenti di pura frustrazione, specialmente in quei casi dove la vostra borsa sarà priva di rivitalizzanti o Salvadati.


In queste occasioni è possibile anche chiedere un rinforzo: dall’isola Pelipper alcuni Pokémon possono giungere in vostro aiuto ma anche in questo caso dovrete affrontare il dungeon dall’inizio per raggiungere il punto del vostro KO. Se inizialmente questa situazione si supererà senza troppo fastidio, con il proseguire della storia diventerà sempre più insopportabile, anche per l’impossibilità di utilizzare il Salvadati in alcune posizioni. Il dover ripercorrere quasi per intero un dungeon potrà addirittura portarvi a spegnere la vostra console e riprendere in mano il titolo solo quando sarà passata l’arrabbiatura. Questo va in contrasto con lo svilupparsi della storia, che saprà catturarvi sempre di più con il susseguirsi dei capitoli dando così una forte sensazione di frustrazione. Maggiori saranno i profressi fatti, maggiore sarà la voglia di scoprire “cosa accadrà” anche se questo spauracchio continuerà ad aleggiare su di voi. Per avere la meglio in Pokémon Super Mystery Dungeon non sarà quindi importante, di fatto, avere Pokémon di alto livello e con mosse efficaci ma sarà maggiormente importante avere il più ampio di numero di risorse a disposizione, oltre a una certa dose di fortuna. Un vero peccato.

Commenti finali

Pokémon Super Mystery Dungeon è un titolo dalle buone potenzialità che non di discosta troppo da quanto visto in passato. Nel gioco sono presenti elementi contrastanti: una buona longevità e una trama coinvolgente, nonostante il target di pubblico ben chiaro per cui sia stato realizzato il gioco, i dungeon generati proceduralmente fanno da contrasto ad alcuni elementi frustranti, come la cattiva gestione del sistema di salvataggio e la troppa importanza data a strumenti e oggetti rispetto alle abilità dei propri Pokémon.

Articolo a cura di Redazione Player.it

Account redazionale di Player.it, con questo account verranno proposti editoriali, speciali e post condivisi dall'intera redazione, inoltre, in questo profilo c'è l'intero archivio di articoli di games.it

Classifica italiana 25-31 gennaio 2016 e dell’intero mese

Unravel piace, ma non a tutti: ecco cosa dice la critica internazionale