The Sims 4: Gita all’aria aperta – Recensione


Articolo a cura di Marco Mancini


Gita all’aria aperta, il primo game pack di The Sims 4, consente ai nostri Sims una fuga dalla vita quotidiana. I nostri personaggi, infatti, potranno finalmente prendersi una meritata vacanza, abbandonando per qualche giorno il lavoro e gli impegni familiari per recarsi in campeggio o in un rifugio immerso nella natura. I Sims potranno prenotare la vacanza direttamente dal cellulare, selezionando i giorni di permanenza e i compagni di viaggio, che potranno essere sia amici che membri dell’unità familiare. Una volta formato il gruppo di vacanza, bisognerà scegliere la destinazione tra i vari lotti disponibili nel nuovo scenario delle vacanze, Granite Falls.

Leggi anche: The Sims 4 Trucchi e Segreti Nascosti

Leggi anche: Trucchi The Sims 4

I Sims vanno in campeggio

La soluzione più economica è il campeggio. Chi non vuole rinunciare alle comodità di una casa potrà invece optare per una sistemazione meno spartana fittando il rifugio sul lungofiume, il ritiro in riva al lago, il rifugio verde o il rifugio nella foresta. Nel corso della vacanza sarà comunque possibile viaggiare da un lotto all’altro dello scenario, recandoci negli altri rifugi o in esplorazione nella foresta di Granite Falls, un vero e proprio parco nazionale.

Chi sceglie il campeggio avrà a disposizione bagni comuni gratuiti, docce a pagamento (10 simoleon per ogni lavaggio) e dovrà procurarsi una tenda alla stazione del ranger dove sarà possibile acquistare anche rifornimenti e tutta una serie di oggetti per rendere più confortevole la vacanza: dalla baita in borsa, una sorta di tenda di lusso, più spaziosa e comoda di quella tradizionale, alla branda di Gordio. Alla stazione del ranger troveremo anche sedie pieghevoli, letti matrimoniali, tavoli da gioco, troni, lanterne, erbe e ortaggi, chitarre acustiche da viaggio, violini, frigo portatile, fuoco da campeggio, libri e manuali per acquisire l’abilità di erboristeria.


Una nuova abilità per preparare rimedi naturali: l’erboristeria

Una novità introdotta da questo game pack, infatti, è la possibilità di creare dei rimedi naturali raccogliendo le erbe selvatiche. Il Sim potrà ad esempio autoprodurre una crema deodorante, impiegando bacca di sambuco, fragola e prezzemolo. Per produrre un repellente per insetti, invece, il Sim dovrà procurarsi una bacca di sambuco nociva e del basilico. Con una lucciola e una bacca di sambuco otterremo una lozione lenitiva per la tristezza, scacciando la malinconia quando abbiamo ingerito per sbaglio una bacca nociva. Per produrre i rimedi naturali con le erbe il Sim potrà usare la cucina o la griglia.

Tante nuove ricette: dal gumbo allo stufato del campeggiatore

E a proposito di cucina, Gita all’aria aperta mette a disposizione dei nostri Sim tante nuove ricette. Il Sim ora ha infatti a disposizione nuovi ingredienti, dalle erbe aromatiche, come il basilico e la salvia, al pesce fresco che abbonda nei laghi e dei fiumi di Granite Falls. Il Sim potrà preparare un cioppino, con pesce e pomodoro; il gumbo, con insetti, cipolla e gamberetti e piatti sostanziosi per affrontare le escursioni come lo stufato del campeggiatore, a base di funghi, carote e patate.

Attività di gruppo: dall’aeromanzia al lancio dei ferri di cavallo

In Gita all’aria aperta si potranno effettuare tante attività di gruppo: raccontare storie avventurose attorno al fuoco, arrostire toffolette, giocare insieme al lancio dei ferri di cavallo, fare aeromanzia per trarre ispirazione dalla quiete della natura, cantare le tipiche canzoni da campeggio come la melodia della toffoletta. I Sims meno socievoli trarranno invece vantaggio da un’escursione solitaria che regala anche concentrazione naturale, rinvigorimento e ispirazione dalla natura. Nel corso delle escursioni ci si imbatterà spesso in piccoli tesori da scavare. Quando troveremo la mappa del tesoro nelle capsule del tempo seppellite nel terreno, potremo conservarla nell’inventario del Sim. Ci tornerà utile quando disseppelliremo la capsula successiva per trovare un oggetto più raro.

L’odiorso, un animale spaventoso ma non troppo

Nel corso delle escursioni potremo imbatterci anche nell’Orso che ci spaventerà, procurandoci lo stato Odiorso. Gli stessi Sims potranno travestirsi da orso per spaventare gli altri campeggiatori o effettuare delle scorribande notturne alla ricerca di provviste negli accampamenti altrui.


Il ritorno alla vita quotidiana

La vacanza potrà durare un massimo di 7 giorni, ma potrà essere prolungata direttamente dal cellulare, posticipando ulteriormente il rientro. Mentre i nostri Sims sono a Granite Falls continueranno a ricevere le bollette (bisogna ricordarsi di pagarle dal cellulare) e lo stipendio.

Conclusioni

Gita all’aria aperta è un game pack ben fatto che offre diversi spunti d’evasione al Sim e lascia presagire vacanze in posti più esotici o all’estero che sicuramente la EA ha in serbo per il futuro. I suoni della foresta, dalle civette agli uccellini, sono molto realistici e anche la grafica è curata nei minimi dettagli. Per rendere più credibili boschi e foreste sarebbe stato più opportuno però un po’ più di vita selvatica, qualche scoiattolo o cervo da incontrare nel corso delle escursioni. E sicuramente c’era ancora spazio per altre attività come gite in barca o vere e proprie missioni, come accadeva in The Sims Travel Adventures. Le attività da fare da soli o in gruppo comunque non mancano e sono tutte molto divertenti: dalla pesca all’aeromanzia. Gita all’aria aperta in sostanza mantiene le sue promesse: offrire una fuga dalla vita quotidiana ai Sims e a noi giocatori momenti di leggerezza per evadere dalla complessità del gioco di base. La ricerca dei tesori, la pesca, le passeggiate nella natura per procacciarsi erbe selvatiche con cui insaporire i piatti sono infatti tutte attività distensive che ci fanno dimenticare gli impegni lavorativi e gli obiettivi della carriera dei nostri Sims. Anche il rapporto con i membri dell’unità familiare in vacanza si fa più disteso, grazie ai tanti momenti di gioco condiviso e ad attività più divertenti.

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Redazione Player.it

Account redazionale di Player.it, con questo account verranno proposti editoriali, speciali e post condivisi dall'intera redazione, inoltre, in questo profilo c'è l'intero archivio di articoli di games.it

Final Fantasy Type-0 durerà oltre 40 ore, ma il bello verrà dopo la fine

The Witcher Battle Arena – Recensione