Patrick Soderlund: Mass Effect potrebbe tornare

patrick soderlund mass effect potrebbe tornare

Pochi giochi sono stati letteralmente subissati di critiche come Mass Effect: Andromeda. Nonostante la grande attesa del pubblico per l’ultimo capitolo della saga, il titolo ha ricevuto un’accoglienza non proprio esaltante. Non si contano le lamentele per le animazioni, tutt’altro che impeccabili e ben renderizzate, dei vari personaggi. Il malcontento è stato tale da costringere il team Bioware a rilasciare una patch per risolvere il problema, o quantomeno tentare di arginarlo. La sorte del titolo si è poi man mano risollevata, ma oramai il danno è fatto: Mass Effect: Andromeda sarà ricordato come il “gioco dalle animazioni orribili“, vanificando gli sforzi di anni e anni di duro lavoro. Patrick Soderlund, Boss di EA, ha voluto esprimersi proprio in questo senso, difendendo il gioco su cui tanto si è puntato, e affermando che, a differenza di quanto credono in molti, potremmo ancora sentir parlare di Mass Effect.

Patrick Soderlund: Mass Effect non è morto

patrick soderlund mass effect potrebbe tornare
C’è ancora speranza per un nuovo Mass Effect.

In un’intervista ai microfoni di Gamereactor, Patrick Soderlund ha affermato che Mass Effect: Andromeda ha ricevuto molte più critiche di quante ne meritasse. Nonostante l’ultimo capitolo del franchise non riceverà più aggiornamenti e DLC per il single player, il Boss di EA afferma che Andromeda non sarà la pietra tombale di Mass Effect. La serie potrebbe infatti tornare sui nostri schermi, ma solo a determinate condizioni.

“Di solito non è mia abitudine dire queste cose, ma credo che questo sia uno dei luoghi in cui il gioco sia stato criticato molto più di quanto in realtà non meritasse. Attualmente io penso che Mass Effect: Andromeda sia un grande gioco. Certo, dobbiamo renderci conto che ci sono molte cose che forse avremmo potuto realizzare meglio, assolutamente. Tuttavia se qualcuno acquistasse il gioco oggi, con tutti gli aggiornamenti che sono stati rilasciati, io personalmente credo che il titolo valga tutti i soldi spesi per comprarlo.”

Si deve in effetti sottolineare come Bioware sia riuscita a risolvere il problema della animazioni, aggiungendo inoltre nuovi contenuti. Come abbiamo detto in precedenza, non ci saranno aggiornamenti per la storia di Mass Effect: Andromeda, ma verranno aggiunti dei contenuti per il multiplayer. In parole povere, non sono previste espansioni del single player, a differenza di quanto accaduto con la precedente trilogia.

Patrick Soderlund: tra Mass Effect e Anthem

patrick soderlund mass effect potrebbe tornare
Un gioco troppo bello per cadere nell’oblio.

Nonostante parte di Bioware Montreal, il developer di Andromeda, sia stato accorpato agli EA Motive Studios, e nonostante il fatto che il franchise sia stato messo “in ghiaccio”, Patrick Soderlund ha affermato di credere che in futuro la serie possa fare ritorno.

“Sapete benissimo quanto Mass Effect sia grande come franchise, con una fanbase enorme. Ho sentito un sacco di persone pensare che EA non avrebbe più prodotto un nuovo Mass Effect. Io non vedo alcun motivo per cui non dovremmo sviluppare un nuovo capitolo della serie. Perché no? È un universo spettacolare, è una saga molto amata, ha tanti fan, ed è un gioco che ha fatto tanto sia per EA che per Bioware.

Tuttavia, nel momento in cui decideremo di far tornare Mass Effect sulle scene, dovremo farlo in una maniera adeguata, e in un posto nuovo ed eccitante. È il mio lavoro, di Casey Hudson, di Bioware e di tutto il team di Mass Effect individuare una soluzione, e attualmente non la conosciamo, ma la conosceremo.”

Come è noto, Casey Hudson è tornata a lavorare presso Bioware Edmonton, lo studio che sta sviluppando Anthem. Hudson afferma che la nuova IP in cantiere rivoluzionerà l’intero concetto di entertainment.

Non siamo in grado di dirvi quando potremo giocare ad un nuovo Mass Effect, ma è in programma un film basato sulla serie sci-fi.

Se volete saperne di più su Mass Effect: Andromeda, cliccate sulla nostra recensione.

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Claudio Albero

Nasce a Torre del Greco, una piccola metropoli alle falde del Vesuvio, nei favolosi anni ’80, che già però non avevano più niente di favoloso. Provano ad educarlo con Beatles e musica classica sin dalla più tenera età, ma lui, di tutta risposta, si appassiona all’ heavy metal ed ai videogame , spendendo un piccolo patrimonio in sala giochi, quando queste due parole erano ancora slegate dalle slot machine.

Dopo aver mosso i primi passi su Sega Master System II con Alex Kidd, il Super Mario con le orecchie a sventola, si innamora dei platform, degli action/adventure e degli RPG, con particolare attenzione alla saga di Final Fantasy.

Inguaribile sognatore con le radici saldamente ancorate nel passato, scopre la sua passione per la scrittura quasi per caso, in uno dei tanti pomeriggi passati tra i corridoi della Facoltà di Giurisprudenza di Napoli, dove si laureerà giusto qualche anno dopo, con una tesi in Diritto d’Autore basata sull’opera multimediale.

Dopo aver scritto di attualità e musica su Lacooltura.it , Road TV Italia e Federico TV , approda sui lidi di Player.it , in cui comincia sin da subito ad apprendere e fare domande, guadagnandosi rapidamente il titolo di “ redattore rompiscatole del mese ”. Nonostante sia legatissimo alla grande famiglia di Player, non sono rare alcune sue incursioni su portali come Gameplay Café e Spazio Rock .

Musica, videogame, concerti, boardgame, modellismo, fumetti, cinema e serie tv: tanti hobby diversi tra loro, ma collegati da un fil rouge che li unisce tutti: il divertimento . È proprio questo che cerca in un videogame, è proprio questo sentimento che muove le sue dita, ed è sempre il divertimento la sensazione che cerca di infondere nei suoi articoli.

Al di fuori del mondo del gaming, indossa giacca e cravatta per mimetizzarsi nel mondo degli avvocati, esercitando la professione forense, con lo scopo di conoscere a fondo le “ regole del gioco ”, nonché di minacciare di far causa a chiunque al minimo pretesto.

Sposarsi in una sala giochi? In Giappone si può!

Sposarsi in una sala giochi? In Giappone si può!

MXGP3 – The Official Motocross Videogame arriva su Switch